15 Aprile 2021 Segnala una notizia
Quel brianzolo di Leopardi, quindici canti tradotti da Renato Ornaghi

Quel brianzolo di Leopardi, quindici canti tradotti da Renato Ornaghi

24 Novembre 2015

Possono una terra e una lingua condizionare l’identità profonda di uno scrittore? Domanda complicata. Anzi, quasi impossibile, alla quale ha però cercati di dare una risposta Renato Ornaghi, ingegnere prestato all’arte o viceversa, che sabato scorso ha presentato la sua ultima fatica: Leopardi in Brianza, la traduzione in dialetto brianzolo di quindici tra i più celebri Canti leopardiani.

“Cosa avrebbe mai scritto Giacomo Leopardi, se anziché aver avuto i natali a Recanati fosse nato nella Brianza insubre – si chiede Ornaghi -? Avrebbe qui composto i medesimi grandissimi versi?”. Difficile dare una risposta definitiva. Di certo c’è che Ornaghi, dopo avere tradotto in brianzolo le più grandi canzoni di Beateles e dei Rolling Stone, ha deciso di alzare l’asticella. Fra i titoli tradotti compaiono infinii, El passer deperlù, La quiett dopo la tempesta,  I mè regord.

Un’operazione che farà discutere e magari storcere il naso a qualche purista, ma che pone sul piatto tutti i termini della sfida mai chiusa tra lingua ufficiale e regionale, testando la capacità di questa d’essere alla pari dell’altra non solo nell’uso quotidiano, ma anche negli aspetti più poetici e creativi della letteratura “alta”.

Nel libro i canti tradotti sono affiancati dalle celebri vedute a colori della Brianza del primo Ottocento, dipinte dai coniugi milanesi Federico e Carolina Lose. “Se fosse vissuto in Brianza – aggiunge Ornaghi -, egli avrebbe ammirato proprio quei magnifici panorami. Una maniera in più per proporre e raffigurare ai lettori il personaggio – tutto sulla carta, ma non per questo meno intrigante – di un Giacomo Leopardi scrittore-poeta-filosofo nato nel Brianzashire”.

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi