13 Aprile 2021 Segnala una notizia
Caponago: controlli ai rifiuti per stanare chi non rispetta le regole

Caponago: controlli ai rifiuti per stanare chi non rispetta le regole

5 Novembre 2015

Controlli da parte della Polizia Locale cittadina per colpire chi abbandona i rifiuti o non li differenzia bene.

A caponago, dopo l’introduzione dell’ecuosacco, che ha dato ottimi risultati, è diminuita la quota di sacchi abbandonati per strada o non differenziati in modo adeguato, ma la Polizia Locale deve comunque procedere con i controlli.

“Facciamo interventi per scoprire i colpevoli degli abbandoni non solo di tipo repressivo comminando multe, ma soprattutto caponago-rifiuti2di tipo educativo – afferma il Dott. Luigi Ricciardi, comandante della Polizia Locale di Caponago – capita di trovare nei rifiuti aperti degli operatori alcuni documenti che ci riconducono al colpevele: se si tratta di persone anziane e non recidive, cerchiamo sempre prima di avvisarli. Nell’ultimo anno abbiamo fatto 8 multe di cento euro per i trasgressori”.

I problemi legati alla spazzatura non differenziata o abbandonata non è visibile solo in città ma anche lungo Sp13, dove nelle piazzole di sosta si creano ciclicamente cumuli di rifiuti:

“Ci stiamo occupando anche del problema lungo la Sp13 nel territorio di Caponago – continua il comandante – Dialogando con la provincia, proprietaria dell’arteria stradale, ci stiamo organizzando per acquistare delle microtelecamere da posizionare nei luoghi più colpiti e debellare questo fenomeno di inciviltà. In alcuni casi potremmo anche applicare il codice della strada per comminare multe più elevate a chi abbandona mobili o macerie.”

caponago-rifiuti3 caponago-rifiuti1

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Lorenzo Giglio
Classe 1981, giornalista pubblicista, ho sempre cercato la verità bella o brutta che sia in tutto ciò che mi circonda. Amante dell'arte, della fotografia e soprattutto del rock, non mi tiro mai indietro se devo guardare una bella partita di calcio. Non mi piacciono gli schemi prestabiliti e trovo troppo strette le appartenenze di partito, anche perchè come dicevano i Queen: "Anyway the wind blows doesn't really matter to me".


Articoli più letti di oggi