13 Aprile 2021 Segnala una notizia
Monza, Fratelli d'Italia guarda alle elezioni: ecco il nuovo circolo

Monza, Fratelli d’Italia guarda alle elezioni: ecco il nuovo circolo

28 Ottobre 2015

E’ stata annunciata il 26 ottobre la nascita del nuovo circolo ambientale monzese di Fratelli d’Italia. Madrina d’eccezione il leader di partito: Giorgia Meloni.  «Chi sceglie di fare politica in un momento come questo, rappresenta la parte migliore della società. Esiste una classe politica che fa bene a fronte di qualcuno che fa malapolitica. Tutti noi siamo chiamati a fare delle scelte, e fare il nostro dovere» ha dichiarato Giorgia Meloni. Il nuovo circolo ambientale di Fratelli d’Italia nasce con lo scopo di radunare intorno a sè dopo tanti anni la destra storica monzese ma lo fa con Giorgia Meloni di cui il circolo porta il nome (prima volta in Italia) perché «vuole assolutamente guardare al futuro».

Una reunion di tutti i circoli esistenti a Monza che ha voluto così festeggiare e accogliere il nuovo gruppo che a brevissimo sarà ufficialmente costituito. La sfida è prepararsi alle elezioni cittadine del 2017 per diventare alternativa di governo in città. «Su Monza la volontà è di allargare i propri confini a nuovi gruppi di destra così da costruire un percorso che possa portare ad ottimi risultati alle prossime elezioni. – ha sottolinato Andrea Mangano, presidente del Circolo Territoriale Fratelli d’Italia Monza – Il circolo ambientale, una volta ufficializzata la sua nascita, farà riferimento alla sede di via Dante».

Vi fanno parte Marco di Valerio, Antonio Romano (il presidente) e un gruppo composto dalla destra storica di Monza. «Invitiamo tutti i tesserati che hanno ideali comuni ai nostri a costituire dei circoli sul territorio» ha aggiunto Mangano.

“Adesso bisogna solo stare uniti e percorrere un cammino comune – dichiara Romano – che ci porti a vincere e dare alla città finalmente un buon sindaco con un team adeguato” ha dichiarato Romano.

Nel corso della serata, poi, Giorgia Meloni ha rivolto un pensiero al pensionato di Vaprio d’Adda che qualche giorno fa che ha sparato ed ucciso un giovane che si era introdotto nella sua abitazione «Ribadisco la nostra vicinanza a Sicignano, ad essere indagati dovrebbero essere Alfano e Renzi, che non hanno fatto il loro dovere perché lo Stato difendesse Sicignano. Solo un furto su cento in Italia viene punito, la certezza della pena non esiste».

 

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Articoli più letti di oggi