07 Giugno 2020 Segnala una notizia
Intervento salvavita per la cardiomiopatia ipertrofica, riconoscimento al Policlinico di Monza

Intervento salvavita per la cardiomiopatia ipertrofica, riconoscimento al Policlinico di Monza

13 Ottobre 2015

Correre e non avere fiato, non poter uscire e vivere una vita normale. Praticare attività agonistica e morire all’improvviso senza aver mai saputo di soffrire di patologia cardiaca. Sono queste le conseguenze della cardiomiopatia ipertrofica, per la quale il centro per il trattamento di questa patologia del Policlinico di Monza ha trovato una tecnica chirurgica innovativa e salvavita.

Grandi sorrisi e respiri profondi, dopo mesi o anni di affaticamento e debilitazione, si vedono sui pazienti operati al Policlinico di Monza e presenti ieri alla presentazione della tecnica che ha salvato loro la vita, in occasione del suo riconoscimento a livello internazionale grazie alla pubblicazione della ricerca sul “The journal of the American College of Cardiology”.

La prestigiosa rivista di cardiologia ha pubblicato i risultati di questa tecnica straordinaria che ripara le alterazioni della valvola mitrale ed elimina l’ostacolo all’uscita del sangue dal cuore nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva. Questa patologia, di origine genetica, di fatto fa ingrossare le pareti del cuore e ne pregiudica il funzionamento. Molte delle persone che soffrono di questa malattia fin dalla giovane età ne ignorano l’esistenza, alcuni, soprattutto atleti, muoiono senza che questa sia stata diagnosticata. Oggi, con la nuova tecnica messa a punto nel centro di eccellenza monzese, è possibile tornare ad avere una vita normale.

«Sono fiero che questa eccellenza sia sul nostro territorio, qui arrivano pazienti da tutta Italia – spiega il direttore generale di Als Monza e Brianza Matteo Stocco – quando un giovane muore per una tale patologia è una tragedia, questo centro è eccellenza europea e salvavita».

La ricerca e la nuova tecnica chirurgica porta due firme illustri, la prima è quella del Dott. Paolo Ferrazzi, direttore del Centro della Cardiomiopatia Ipertrofica del Policlinico «E’ stato un lavoro lungo e difficile, ma ottenere la validazione internazionale è stato per noi un grande percorso di crescita – dichiara il professore – questa innovazione deve essere uno stimolo per i giovani, a che credano nelle loro intuizioni e si buttino a capofitto nella ricerca. Questa tecnica va diffusa, non deve rimanere solo da noi ed è per questo che la insegniamo ai giovani medici che studiano con noi grazie al progetto internazionale». Co-autore della pubblicazione è il Dott. Paolo Spirito, Direttore della Cardiologia dell’Ospedale Galliera di Genova «questo intervento permette di riparare la valvola senza sostituirla con una protesi meccanica – spiega – quindi diminuisce complicazioni legate alle protesi. E’ importante per questa patologia la diagnosi. Non sempre evidente perché molti pazienti sono asintomatici fino ad un certo punto. Negli sportivi i controlli sono più assidui, ma per comprendere la presenza della cardiomiopatia, oltre ad un elettrocardiogramma, è necessario un cardiologo preparato che sappia individuarla».

Pietro, 57 anni di Roma, Salvatore, 41 anni dalla Sicilia, Maria Antonietta, 65 anni anche lei da Roma ed Ermanno, 49 anni da Torino, sono stati recentemente operati al Policlinico e stanno bene. Hanno scoperto questa patologia nei modi più disparati. «Ho fatto un checkup con il Fasi per i dirigenti, e mi hanno scoperto la cardiomiopatia. Sono stato operato una settimana fa e sto bene. Sono stato fortunato, ho sempre fatto molto sport e non mi sono mai accorto di nulla quando avrei potuto morire di colpo».
Maria Antonietta, ex dirigente comunale di Roma, invece soffriva da anni «Ho avuto una polmonite ed ero in sovrappeso, per questo per anni il mio medico curante ha imputato debolezza e affaticamento a degli strascichi – racconta – poi un giorno lui era assente e mi ha visitato il sostituto, è stato lui a dirmi che dovevo farmi vedere il cuore. Dal Policlinico Umberto Primo di Roma mi hanno consigliato di venire a Monza, dal dottor Ferrazzi, ed eccomi qui».

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi

Covid19 e trombosi. I ricercatori del San Gerardo di Monza scoprono il legame

Lo studio dell'Università Milano-Bicocca spiega come il virus potrebbe infettare direttamente la superficie interna dei vasi nei pazienti con complicanze trombotiche.

Giovane perde il controllo in via Modigliani a Monza e si ribalta

La dinamica del fatto è al vaglio della polizia locale. Sono in corso accertamenti per verificare l'eventuale tasso alcolemico della conducente.

Monza, nuovo giorno senza contagi. L’aggiornamento dei sindaci

Una buona notizia arriva, per la terza volta, dal comune di Monza dove nella giornata di ieri sono stati registrati zero nuovi casi positivi. 

Arcore, il poliambulatorio Med4you offre visite specialistiche senza liste di attesa

Nel centro polispecialistico prestano servizio 25 medici specializzati in diverse discipline. L'approccio nella gestione del paziente è multidisciplinare.

Si schianta contro il guard rail: gravissimo 66enne

L'uomo è apparso subito in gravissime condizioni ed è stato trasportato in ospedale in codice rosso. Nessun altro veicolo è rimasto coinvolto.