19 dicembre 2018 Segnala una notizia
Il web è libertà? Non durante il regime del generale Sainon, nel romanzo di Ritondale

Il web è libertà? Non durante il regime del generale Sainon, nel romanzo di Ritondale

8 ottobre 2015

Foto, pensieri, esperienze, tutto oggi viene condiviso su internet e ci da la sensazione di essere liberi di poter dire e fare ciò che vogliamo. E se invece non fosse così? Se fosse un modo per controllare la nostra vita, i rapporti e la società intera? Il dubbio, l’ipotesi, che davvero la nostra libertà sia a rischio, sono l’ingrediente primo del romanzo “distopico” di Roberto Ritondale, autore campano residente a Seregno e giornalista Ansa, che ha firmato il romanzo “sotto un cielo di carta” (edizioni Leone) in uscita il 9 ottobre.
“Il web – scrive Ritondale nelle sue avvincenti e quanto mai attuali pagine – si era rivelato un grande inganno, innanzitutto perché aveva promesso di avvicinare le persone e invece le aveva inesorabilmente allontanate. Quanto più crescevano i rapporti virtuali, tanto più diminuivano quelli reali. (…) Anche l’idea che tutti controllassero tutti, grazie a internet, era solo un imbroglio. La rete si era fatta ragnatela, intrappolando invece di liberare, con una ristretta élite che controllava la massa inconsapevole”.
Tutto il suo romanzo, ambientato nella “Grande Nazione del Nord”, si svolge nel regime del generale Sainon che, abolita la carta, impone l’uso di un tablet governativo affinché tutto sia tracciabile: dagli acquisti alle letture, dai sentimenti alla salute. A ribellarsi alla dittatura e all’ideologia del “controllismo”, sostenuta da slogan che sono degli ossimori, è l’ex cartolaio Odal Clean. Dopo una vita trascorsa tra libri, dispense e risme di fogli, Odal combatte a modo suo per riconquistare la libertà, grazie anche all’appoggio di altri “nostalgici” rivoluzionari. L’autore, che all’attivo numerose pubblicazioni ed una menzione speciale al premio Elsa Morante del 2003, racconta di aver scritto questo romanzo pensando soprattutto (ma non solo) ai ragazzi, che hanno sempre meno dimestichezza con la carta. “Il romanzo è un esplicito omaggio a tre grandi autori del genere distopico – prosegue Ritondale – non a caso la carta viene abolita dal regime “controllista” con il “Codice 2435”, ovvero la somma delle cifre presenti nei titoli di due famosi romanzi: “1984” (di George Orwell) e “Fahrenheit 451” (di Ray Bradbury). E il nome del protagonista, Odal, è l’anagramma delle prime quattro lettere del nome di Aldous Huxley (“Il mondo nuovo”).
L’amore per la carta è così riassunto in uno dei passaggi del romanzo: “Libri che non coinvolgono il tatto e l’olfatto, che libri sono? C’è una casa per tutto. L’Universo è la casa del mondo, l’anima è la casa delle coscienze vigili, il cielo è la casa naturale delle stelle, l’albero è la casa delle foglie, l’orchestra è la casa delle note, la libertà è la casa degli spiriti giusti. E la carta, soltanto la carta, è la casa naturale delle parole scritte”. Scrittore ambulante per autodefinizione, Roberto Ritondale presenterà “sotto un cielo di carta” domenica 11 ottobre alle 10.30, presso la Feltrinelli di Monza, insieme ad altri cinque autori. L’incontro “Dagli Appennini alle Alpi”, parlerà di emigrazione intellettuale attraverso le storie positive di sei autori che dal sud si sono trasferiti al nord Italia e, ovviamente, dei loro libri.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi

Monza e Brianza, mercoledì sera previsti fino a 5 cm di neve

Nessuna particolare criticità è prevista dalla Protezione civile. La neve arriverà domani sera.

Brugherio, agente di polizia penitenziaria trovata morta in strada

La donna è stata trovata nella sua auto parcheggiata nella zona industriale. Dalle prime ricostruzioni sembra un gesto volontario: si sarebbe tolta la vita con un colpo di pistola

Monza, la Provincia ci riprova con la tangenzialina dell’ospedale

Dopo avere bandito la gara d'appalto, l'ente di via Grigna sta affidando i lavori per il completamento della Sp6. Valore dell'appalto: 2,7 milioni di euro

Villa Reale, i fuochi d’artificio della festa privata fanno infuriare il sindaco

I fuochi d'artificio in Villa Reale fanno il "botto" in consiglio comunale facendo infuriare il primo cittadino, nonché presidente del Consorzio, Dario Allevi. 

Buzz avvelenato. “Come fanno ad esistere persone così perfide?”

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera. Il cane di due persone è stato avvelenato ad Oreno. "Fate attenzione quando tenete il cane in giardino"