21 Aprile 2021 Segnala una notizia
Espulso dal 2013 il ladro ucciso a Vaprio viveva vicino alla villetta del delitto

Espulso dal 2013 il ladro ucciso a Vaprio viveva vicino alla villetta del delitto

23 Ottobre 2015

Gjergi Gjonj,  il ladro ventiduenne albanese ucciso a Vaprio D’Adda dal padrone della casa in cui era entrato, nella notte tra lunedì e martedì, abitava poco lontano da lì. Insieme alla sua fidanzata, una giovane rumena, occupava un appartamento tra Vaprio e Trezzo sull’Adda.

Conosceva bene le vie di Vaprio D’Adda,  le case, i vicoli. Lunga lista di precedenti penali specifici, il giovane era stato espulso nel 2013 ma come spesso succede era rimasto indisturbato nel bel paese. A differenza di chi si sposta anche di chilometri per delinquere Gjergi era rimasto nella sua zona. E difatti proprio a Trezzo é andata la sua fidanzata a sporgere denuncia per la sua scomparsa martedì pomeriggio, ignara (o no) di quanto accaduto al suo compagno.
A casa Sicignano, la famiglia a cui Gjergi e due complici hanno fatto visita di notte, sono ore di attesa.
Il pensionato ha raccontato ai pm milanesi di aver sparato al giovane ladro in casa, e che questi avrebbe poi percorso a ritroso la strada fatta per entrare, ovvero passando da una finestra. In casa però non vi sarebbero tracce di sangue, ma un bossolo si. Il sangue pare sia all’esterno della casa, sulle scale. Per poter ricostruire la dinamica però é necessario attendere autopsia e relazione finale sui rilievi.

A Vaprio intanto la vita continua non senza toni accesi, con i residenti dalla parte di Sicignano al 100%, per nulla stupiti che l’uomo avesse deciso di tenere una pistola sul comodino per difendersi: “Qua cosa dobbiamo fare, lasciare che ci uccidano loro?”. È il commento più ricorrente tra i residenti. Gente che ha paura.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi