21 Settembre 2021 Segnala una notizia
Urban Center Monza, la gestione finirà in mano ai privati

Urban Center Monza, la gestione finirà in mano ai privati

11 Settembre 2015

Da Casa del Fascio a Centro delle Arti. E’ un bel salto quello che sta per compiere l’Urban center di via Turati. Oggi infatti scadono i termini per la presentazione delle offerte relative alla gestione dell’edificio che nel corso dei decenni è stato, all’inizio, uno dei luoghi simbolo del fascismo monzese, poi un cinema di dubbia reputazione, una scuola media e, infine, prima di essere ristrutturato, un rudere abbandonato a se stesso. Nel 2005, infatti, al termine di un progetto di riqualificazione discusso, l’amministrazione inaugurò il nuovo Urban center con tanto di teatro annesso, l’ormai arci noto Binario 7.

urban-center-targaTuttavia, da alcuni mesi l’edificio ha iniziato a mostrare i segni di una manutenzione approssimativa, alla quale si sono aggiunti anche diversi problemi legati alla gestione degli spazi, a partire dal bar aperto sul tetto, tanto suggestivo quanto complicato da mantenere in vita.

Insomma, costi, problemi e polemiche di cui l’amministrazione vorrebbe fare a meno affidando a un terzo la gestione dell’intero immobile. Chi si è fatta avanti è stata l’associazione Danza Immobile, che cura già la stagione teatrale, con un project financing. Il progetto è stato ribattezzato “Centro delle Arti – Binario 7” e alle tasche dell’amministrazione dovrebbe costare oltre 4 milioni e mezzo di euro per una concessione di 12 anni. Insomma, una delle operazioni economicamente più impegnative messe fin qui in campo della giunta di Roberto Scanagatti.

I termini per la presentazione delle offerte scadono proprio oggi. Il tempo di verificare quante ne sono arrivate, e il loro contenuto, e poi il Comune dovrebbe provvedere all’affidamento. Nei quattro milioni e rotti che l’amministrazione sborserà sono comprese le attività teatrali e culturali, la gestione degli spazi e dei locali e anche una serie di opere edili in conto capitale per un totale di 500 mila euro in dieci anni. Fra i partiti d’opposizione in Consiglio comunale non mancano però le perplessità. A partire dal bando “tagliato su misura” per l’associazione Danza Immobile, per finire con la durata e il peso economico dell’operazione.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi