Politica

Monza, “missione Possibile”: raccolta firme per il referendum civattiano

A Monza fino a domenica, lo stand di Possibile sarà presente all’ex-macello, alla Festa della Civetta.

pippo civati - logo - possibile

Sono mille i banchetti che dal 4 al 6 settembre saranno allestiti in tutta Italia per raccogliere le firme sugli 8 quesiti referendari proposti dall’Associazione Possibile, il movimento civattiano. A Monza fino a domenica, lo stand di Possibile sarà presente all’ex-macello, alla Festa della Civetta.

Tra le tematiche oggetto di votazione: l’abrogazione delle trivellazioni petrolifere nei mari, la riforma della scuola, l’abrogazione della nuova legge elettorale, e il jobs act. Il traguardo da ragginugere è quello delle 500.000 firme entro il 30 settembre, per andare al voto nel 2016, insieme alle amministrative in tante importanti città.

«I referendum sono di tutti quelli che lo firmano – ha spiegato Pippo Civati, promotore dell’iniziativa – e soprattutto di quelle centinaia di ragazze e ragazzi che fanno i loro primi banchetti in giro per l’Italia. E sapete per cosa: per dare un segnale politico, per abrogare schifezze, per ridare fiato alla democrazia e voce ai cittadini».

Per consultare l’elenco degli eventi: referendum.possibile.com

 

 

commenta