22 Settembre 2021 Segnala una notizia
Monza, la denuncia: "Mio figlio discriminato a scuola perchè gay"

Monza, la denuncia: “Mio figlio discriminato a scuola perchè gay”

29 Settembre 2015

Uno studente di Monza sarebbe stato discriminato a scuola e lasciato in corridoio perché gay. A denunciare l’accaduto è stato il padre del ragazzo che ha scritto una mail al Preside di un istituto cattolico monzese frequentato dal figlio e poi l’ha inviata alla stampa locale. La vicenda è stata pubblicata questa mattina sul Giornale di Monza.

Il ragazzino, secondo quanto riportato nella missiva del genitore, da qualche settimana sarebbe stato costretto a stare fuori dalla classe per una fotografia scattata insieme ad un altro ragazzo e postata su un social network. I carabinieri di Monza stanno verificando l’accaduto.

La versione della scuola però, da una versione diversa dell’accaduto: “Abbiamo agito a tutela del ragazzo, solo in questa ottica – spiega il dirigente scolastico – mercoledì in classe si è saputo di una foto che lo studente ha pubblicato su un social network, una foto che lo ritrae in atteggiamenti equivoci con un altro ragazzino. In classe è scoppiato il caos dopo che la fotografia è stata mostrata ad un insegnante quando già era arrivata nelle mani di tutti i corsisti”. Allora la decisione di farlo uscire dalla classe “mentre alcuni suoi compagni di classe hanno segnalato l’immagine ai gestori del social e l’hanno fatta rimuovere, altri hanno avuto per lui commenti forti – prosegue il preside – facendolo uscire dall’aula, mercoledì, abbiamo voluto proteggerlo, in attesa che arrivasse sua madre che però quel giorno non ha mai risposto al telefono”.

Secondo quanto denunciato nella mail inviata dal patrigno del ragazzo alla presidenza, il sedicenne sarebbe invece stato lasciato fuori dall’aula perché omosessuale: “anche il Santo Padre è stato chiaro sulla questione, figuriamoci se noi ci mettiamo ad emarginare un ragazzo per questo motivo, lunedì tornato a scuola era già in classe – conclude il dirigente scolastico – Non abbiamo risposto alla lettera del patrigno perché non ha diritti legali sul ragazzo.

Attendiamo di parlare con sua madre e con i servizi sociali, che ad oggi non si sono ancora fatti vivi nonostante le nostre ripetute telefonate”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi