21 Settembre 2021 Segnala una notizia
Gran Premio di Monza, podio a rischio modifiche: è giallo sulle gomme

Gran Premio di Monza, podio a rischio modifiche: è giallo sulle gomme

6 Settembre 2015

Colpo di scena sul finale: ecco il comunicato della Fia che ha messo sotto investigazione le due Mercedes e le Ferrari  per la pressione delle gomme misurata sullo schieramento di partenza.

Sembra infatti che allo start le due Frecce d’argento e le Rosse avessero un valore di pressione diverso (0,3 Hamilton, 1,1 Rosberg) rispetto al valore minimo previsto dalla direttiva tecnica della Pirelli. Il risultato finale è, dunque, al momento, non ancora ufficiale.

In particolare, entrambe le auto del team tedesco avrebbero gareggiato con una pressione allo pneumatico posteriore sinistro inferiore a quanto stabilito, traendone evidentemente vantaggio. Quanto alle due Ferrari, i due pneumatici sarebbero invece stati con pressioni superiori al limite.

In realtà l’ipotesi più probabile è che il podio resti invariato e che la squadra Mercedes rischi di ricevere solo un ammonimento. Solo nel caso estremo in cui i giudici sportivi decidessero per la squalifica del “biondo” Hamilton ci sarebbe lo stravolgimento del podio.  Un vero giallo la cui soluzione troverà risposta solo tra un’ora circa quando i giudici si pronunceranno.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi