21 Settembre 2021 Segnala una notizia
All'Expo presentato l'86° GP di Monza. Maroni attacca Ecclestone

All’Expo presentato l’86° GP di Monza. Maroni attacca Ecclestone

1 Settembre 2015

Niente rinnovo della Formula 1? Allora Ecclestone non entra in Italia. E dato che lui è inglese capirà, viste le ultime idee dell’Inghilterra in materia di immigrazione…

Questo il sunto di una battuta dai toni piccati del governatore della Lombardia, Roberto Maroni, durante l’odierna conferenza stampa di presentazione del Gran premio di Formula 1 di automobilismo che quest’anno, per la prima, e naturalmente ultima volta, si è tenuta all’Esposizione Universale di Milano.

Per il resto il copione era quello solito, con la parata di autorità a spiegare quello che hanno fatto negli ultimi 12 mesi per valorizzare l’autodromo nazionale di Monza e per evitare che il Gp d’Italia non vada a finire altrove. In seguito all’approvazione in Parlamento del cosiddetto emendamento “salva Gp” la tensione si è abbassata e la fiducia sta prendendo il sopravvento. Grazie alla defiscalizzazione degli investimenti di Regione Lombardia per il Parco e i suoi asset interni, primi fra tutti la Villa Reale e l’autodromo, il “patron” della Formula 1, l’inglese Bernie Ecclestone, dovrebbe ottenere quei circa 20 milioni di euro che servono per mantenere il Gp a Monza dopo il 2016. La trattativa è difficile, ma l’ottimismo sulla buona riuscita dell’operazione di “salvataggio” si fa strada.

pubblico gp monza 2015

Ad aprire la conferenza è stato l’ex calciatore della Nazionale italiana, Demetrio Albertini, in qualità di Ambassador per Expo Milano. Ha ricordato come già da bambino, quando giocava “in Brianza a livello oratoriale, sentire la domenica del Gp il rombo dei motori provenire dal Parco di Monza mi emozionava tantissimo”.

Il presidente di ACI Milano, l’ex pilota Ivan Capelli, ha innanzitutto augurato di “rivedere la Ferrari sul podio. Per quanto riguarda l’ente da me presieduto da circa un anno, io e i miei collaboratori ci siamo buttati a lavorare a capofitto. Noi continueremo sulla strada intrapresa tenendo come obiettivo principale il rinnovo del contratto con Ecclestone”.

Angelo Sticchi Damiani, presidente di ACI, ha ricordato come sia “importante lavorare assieme facendo sistema. C’è interesse da parte di tutte le istituzioni a salvare il Gp di Monza. Le buone intenzioni devono ora essere tradotte in atti concreti perché a Ecclestone interessa solo questo. Io sono convinto che si arriverà a concludere positivamente il braccio di ferro. Per questo weekend, dal punto di vista sportivo, è importantissimo che tutti quanti tifiamo la Ferrari”.

pubblico gp monza 2015Il presidente di SIAS, Andrea Dell’Orto, ha sottolineato come sia “molto importante fare questa conferenza a Expo perché l’autodromo di Monza non è solo gare ma anche cultura e tradizione. Noi siamo stati eletti circa un anno fa, ma abbiamo presentato il piano industriale a fine marzo ereditando una situazione difficile, tecnicamente di default. Il nostro piano di rilancio passa da diverse iniziative, perché il bilancio economico a fine 2014 è fortemente in perdita. Abbiamo un orizzonte triennale, ma vogliamo raggiungere il pareggio di bilancio già nel 2015. In questi ultimi mesi abbiamo creato tra le altre cose un museo e un info point. Abbiamo fatto sistema con gli enti, ottenendo l’approvazione dell’emendamento ‘salva Gp’. L’iniziativa della raccolta delle firme a sostegno del Gp di Monza partita da Regione Lombardia è stata coronata con l’approvazione dello stesso emendamento. Un altro importante obiettivo è quello di allargare il calendario nel 2016, con gare di vetture Sport Prototipo e di moto. A breve ci saranno anche alcuni importanti eventi extramotoristici come la gara podistica Color Run, la Mezza maratona e l’Open di golf. Questa estate abbiamo ospitato il concerto di Manu Chao, che ha fatto registrare quasi 47mila spettatori, dimostrando che l’autodromo può diventare un luogo importante per la concertistica, non creando tra l’altro problemi di rumore non avendo abitazioni nelle vicinanze”. Ottimo anche il bilancio dei biglietti venduti: “Offline ne abbiamo venduti più del 4% rispetto al 2014 e online più dell’8% rispetto all’anno scorso. Dopo l’Italia ne sono stati venduti di più in Gran Bretagna e in Svizzera. La Germania è per ora solo settima”.

Il sindaco di Monza, Roberto Scanagatti, ha ricordato come “il Gp di Monza non è un evento che riguarda solo la città di Monza e la Brianza, ma l’evento sportivo più importante del Paese. Tra l’altro saranno ben 40 le delegazioni che da Expo saranno presenti per la gara. Monza è inscindibile dalla Formula 1, ma anche la Formula 1 è inscindibile da Monza. Come si fa a pensare a un campionato senza Monza, ma anche senza Montecarlo e Silverstone?! Sono certo che comunque finirà il Gp, Monza saprà rispondere in maniera eccezionale dal punto di vista del pubblico. Noi istituzioni abbiamo fatto lavoro di squadra”.
Secondo il vicesindaco di Milano, Francesca Balzani, “l’autodromo di Monza possiede molti elementi della nostra identità collettiva: bellezza, velocità, sfida”.

Il presidente del Coni Lombardia, Oreste Perri, ha ricordato che l’autodromo di Monza non è solo gare, ma il tempio degli sport motoristici, anche per chi semplicemente nella sua vita ha voluto una volta farsi un giro con la sua vettura o la sua moto”.

Roberto Maroni, presidente della Regione, ha sottolineato l’interesse del suo ente “non solo per l’autodromo, ma anche per il parco e la villa, che è stata ristrutturata ed è sede di tante iniziative: la candideremo come undicesimo sito UNESCO patrimonio dell’umanità della Lombardia. Ma anche il parco e l’autodromo sono asset straordinari di ricchezza per l’Italia. L’emendamento ‘salva Gp’ permette l’ingresso della Regione nel parco per un terzo. Abbiamo pronti investimenti per valorizzare il sistema del parco per 70 milioni di euro in 10 anni. La Regione non ha un ruolo diretto nella trattativa con Ecclestone. Ma per dire che noi ci siamo abbiamo raccolto 40mila firme di cui 20mila qui a Expo: noi ci batteremo perché il Gp rimanga a Monza, senza alternanze di sorta con altri circuiti. Ecclestone è inglese e l’Inghilterra ha appena detto che vuole far entrare i cittadini stranieri alle loro condizioni. Beh, allora io dico che Ecclestone può venire qua solo se firma il contratto per la permanenza del Gp d’Italia a Monza”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Camillo Chiarino
Monzese da sempre, ma frequento assiduamente la Brianza perché amo la quiete e la natura. In particolare adoro la Valsesia, la terra dei miei antenati paterni. Giornalista professionista "tuttologo", mi piace scrivere in particolare di politica e sport. Sono tifoso di tutte le squadre cittadine di qualsiasi disciplina e seguo da vicino le partite del Monza 1912, della Vero Volley Monza e della Saugella Monza. A proposito di pallavolo, l’ho praticata per 17 anni in società della zona, ma quando capita non mi tiro indietro a giocare a nulla, soprattutto se l’invito arriva da una esponente del gentil sesso… Mi piace molto navigare in internet, visitare mostre e monumenti e assistere a concerti, in particolare di musica folk e celtica.


Articoli più letti di oggi