Quantcast
Giro di Polonia: nella seconda tappa una caduta al traguardo cambia la gara - MBNews
Sport

Giro di Polonia: nella seconda tappa una caduta al traguardo cambia la gara

Seconda tappa del Giro di Polonia, la Częstochowa-Dąbrowa Górnicza (146 km totali, composti da un tratto in linea di 96,0 km più cinque giri di un circuito di 10 km).

giro-polonia-lampre-2

Seconda tappa del Giro di Polonia, la Częstochowa-Dąbrowa Górnicza (146 km totali, composti da un tratto in linea di 96,0 km più cinque giri di un circuito di 10 km).

Tanto tranquilla si è rivelata la corsa nel suo svolgimento (fuga di 5 corridori controllata dal gruppo e annullata a 20 km dal traguardo), quanto caotici sono stati gli ultimi 300 metri, caratterizzati da una carambola alla quale si sono sottratti solamente 8 corridori che occupavano le posizioni di testa del plotone lanciato nella volata finale.

Con Modolo in rampa di lancio a ruota di un guizzante Bonifazio (già ottimo in precedenza il lavoro di Ferrari per portare il duo della LAMPRE-MERIDA nella parte frontale del gruppo), Caleb Ewan ha toccato il velocista veneto, finendo sull’asfalto e causando la caduta di molti altri atleti: sede stradale bloccata e volata riservata a soli otto corridori (foto Biondi/Bettini), tra i quali i due atleti blu-fucsia-verdi Bonifazio e Modolo, con quest’ultimo che non ha trovato, anche per colpa del vento frontale, lo spunto di velocità necessario per contrastare la rimonta vincente di Pelucchi.
Quinto posto per Modolo e sesto per Bonifazio (ora secondo nella classifica generale, a 12″ dal leader Kittel).

“I ragazzi hanno lavorato bene, la caduta è stata l’elemento che ha dato incertezza alla volata – ha spiegato il ds Pedrazzini – Modolo e Bonifazio sono riusciti a proseguire e hanno avuto una buona opportunità, anche se forse l’incidente ha spinto i nostri due corridori ad anticipare un po’ i tempi e subire così l’azione del vento contrario.
Modolo è infatti partito poco dopo la caduta, ma il vento frontale non gli ha consentito di esprimersi al meglio, favorendo i corridori che veniva da dietro.
Tornando alla caduta, il contatto di Ewan con Modolo è stato fortuito, Sacha non ha commesso alcuna scorrettezza, limitandosi a seguire la ruota di Bonifazio che, in quel momento, guidava il gruppo”.

ORDINE D’ARRIVO
1- Pelucchi 3h20’12”
2- Kittel s.t.
3- Nizzolo s.t.
4- Boeckmans s.t.
5- Modolo s.t.
6- Bonifazio s.t., 53- Niemiec s.t., 74- Ulissi s.t., 77- Conti s.t., 84- Mori s.t., 85- Cattaneo s.t., 123- Ferrari s.t.

CLASSIFICA GENERALE
1- Kittel 6h03’09”
2- Bonifazio 12″
3- Nizzolo s.t.
4- Burghardt 13″
5- Boeckmans 16″

 

fonte: ufficio stampa Lampre-Merida

commenta