19 Settembre 2020 Segnala una notizia
Filippo Penati scrittore di due gialli: ecco “La casa dei Notai” e “Nemesi”

Filippo Penati scrittore di due gialli: ecco “La casa dei Notai” e “Nemesi”

8 Agosto 2015

“Esistono tre modi di fare l’editore, in Italia “– dice Carola Messina, editore di Robin Edizioni Biblioteca del Vascello, sorridendo” – il primo è essere molto grandi o molto ricchi. Allora si comprano i best seller americani, li si traduce in quindici giorni, magari affidando un capitolo a ciascun traduttore, lo si immette sul mercato in tempo reale e si rientra dell’investimento, in genere molto elevato, in brevissimo tempo. È l’editoria manageriale. Sceglie il direttore marketing. L’editore come figura non esiste più.

Gli altri due modi appartengono alla stessa specie: fare ricerca. Ma con una differenza sostanziale. Chi importa buoni autori dall’estero e chi li cerca in Italia. I primi fanno ricerca nell’orto altrui, la ricerca primigenia l’ha già fatta l’editore originale. È opera meritoria e costosa e il rischio è molto elevato. Noi lo facciamo, almeno per una trentina di titoli all’anno. I secondi cui orgogliosamente apparteniamo noi, fanno ricerca in quella che è, in Italia, è la letteratura più bistrattata: quella italiana.

Ed è così che ci pervengono centinaia di manoscritti ogni anno e che, leggendoli rigorosamente tutti, possiamo scegliere su quali rischiare.

Quando Filippo Penati ci ha inviato il suo mistery, naturalmente sapevamo benissimo chi fosse e in quale situazione si trovasse. Abbiamo innanzitutto apprezzato l’umiltà con cui ce lo porgeva, scusandosi quasi, di essere lui. Perciò lo abbiamo letto prescindendo dalle convinzioni personali che comunque poi si sarebbero rivelate esatte.

Era un buon giallo, ben ambientato, con personaggi definiti e con una storia anche romantica. Non pubblicarlo perché Penati era Penati o rischiare che ci dicessero che lo pubblicavamo perché Penati è Penati? È stata presa la decisione giusta, che è sempre quella di fare la cosa giusta.

Abbiamo – mio padre, il fondatore – aperto un Villaggio del Libro, collaborato alla fondazione della Fiera della Piccola e Media Editoria di Roma, abbiamo creato consorzi di piccoli editori e aperto booklet dedicati alla nostra editoria, ci poteva, non dico spaventare, ma anche solo infastidire una situazione del genere.

Non lo ha fatto. E il secondo titolo, mentre Penati non è più il Penati del primo libro, dimostra che avevamo ragione noi.”

Può darsi, noi ci asteniamo e ci limitiamo a riferire i fatti. Lasciamo ai nostri lettori il giudizio.

 

LA CASA DEI NOTAI

Nel 2013 Filippo Penati debutta con La casa dei notai, un libro che racconta le vicissitudini del commissario Giorgi che indaga su un delitto inspiegabile, la cui vittima è una donna di illustre famiglia disposta a tutto per salvare la propria reputazione. Tra segreti da nascondere, scandali da evitare, apparenze da salvare, il commissario scava tra le personalità dei sospettati per trovare il colpevole, sopportando l’arroganza, intuendo i disagi e facendo emergere le fragilità, tra ipocrisie e giochi di potere. In alcuni ambienti si può perdonare tutto: fallimenti, tradimenti, debiti, basta farlo sottovoce, senza che nessuno senta e veda. Sarà proprio questa la colpa della vittima?

Penati è sempre stato appassionato di gialli e con questo libro si è dimostrato subito un abile artigiano di fitte e coinvolgenti trame.

penati-libro-copertina-lacasadeinota

NEMESI

Nel 2014 Filippo Penati porta in libreria una nuova avventura del commissario Giorgi, Nemesi.

Un uomo ricco e famoso decide di suicidarsi, convinto che la vita non possa dargli nulla che già non abbia. Lo fa nella piscina della sua splendida villa a picco sul mare, con la musica dei Carmina Burana a tutto volume. Confessa un segreto: un omicidio, una vecchia storia dai colori sbiaditi e l’odore acre dell’ingiustizia. Un suicidio e un vecchio delitto rimasto impunito di cui non c’è alcuna traccia. È da qui che parte la nuova indagine del Commissario Giorgi. Una corsa contro il tempo, nel labirinto dei ricordi, per fermare l’assassino prima che uccida ancora.

penati-libro-copertina-nemesi

 

*redazionale

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi

Monza capitale del buon vino: al via Monza Wine Experience

Fino a domenica protagonista in città la manifestazione che ha come protagonista il vino.

“Ciàpa sü e porta a cà”: il primo gioco in scatola sulla Brianza. L’idea di due giovani concorezzesi

L'uscita del gioco è prevista per fine ottobre.

Arcore: tre giorni di festa in Villa Borromeo d’Adda

Moltissime le attività e le iniziative in programma da sabato 19 a lunedì 21 settembre, il tutto in massima sicurezza e nel rispetto delle norme vigenti.

Il Comitato Maria Letizia Verga accende la Villa Reale di Monza

Il 21 settembre prende il via la campagna nazionale “Accendi d’oro, accendi la speranza” per sensibilizzare sull’oncoematologia pediatrica.

Villa Reale chiusa, Cgil Monza e Brianza: “Le istituzioni tutelino i lavoratori”

Il sindacato scende in campo al fianco dei dipendenti di "Cultura Domani", la società che per conto del concessionario privato gestisce parte del monumento, a casa da mesi senza stipendio.