20 Novembre 2019 Segnala una notizia
Seveso ricorda il 10 luglio 1976 (disastro Icmesa) #Fotogallery

Seveso ricorda il 10 luglio 1976 (disastro Icmesa) #Fotogallery

13 Luglio 2015

Un altro 10 luglio è venuto e se ne è andato a Seveso, dove dal 1976 quella data è sinonimo di catastrofe: un guasto alla ditta chimica Icmesa di Meda fece fuoriuscire una nube tossica di Tcdd (diossina) i cui effetti sono monitorati ancora oggi. Un ricordo doloroso, ma che è giusto mantenere vivo, anche nella denuncia delle omissioni vergognose di quei giorni (non si parlò subito di diossina, e la zona più colpita cominciò ad essere evacuata solo due settimane dopo l’incidente), e nell’orgoglio della rinascita: l’area verde del Bosco delle Querce viene da lì. Tanto più che oggi il tracciato dell’autostrada Pedemontana minaccia di smuovere quella terra contaminata: una nuova ferita su un territorio già devastato.

Seveso ha ricordato il 39esimo anniversario di “quel caldo sabato di luglio” con due serie di manifestazioni: quelle organizzate tra Bosco delle Querce e Villa Dho da Insieme in rete, a cui hanno preso parte anche il sindaco di Seveso insieme ai colleghi di Barlassina e Lentate sul Seveso, e quelle che si sono svolte in serata nei luoghi della ex Icmesa, dove No Pedemontana ha proiettato video d’epoca, accompagnato da testimonianze per stimolare il confronto e il dialogo sui fatti del luglio 1976. Sempre tenendo presente la minaccia Pedemontana: «Dopo un anno non si ha ancora alcuna notizia certa sulla reale fattibilità dell’opera – ha commentato il sindaco di Seveso Paolo Butti -. Alla domanda “se e quando inizieranno i lavori della tratta B2?” la risposta è sempre evasiva e rimanda al reperimento delle risorse necessarie che non ci sono ancora. Ora si parla di metà del 2016, senza alcuna garanzia».

Lo scorso 9 aprile Regione Lombardia aveva concesso a Pedemontana 30 giorni per presentare un nuovo piano, che è arrivato, ma in ritardo, proprio venerdì: «Adesso sarà necessario analizzarlo attentamente per vedere se le modifiche richieste dai comuni sono state accolte – ha spiegato Butti -. L’esame delle terre potenzialmente contaminate da diossina non riguarda solo la futura autostrada ma interessa i sindaci sia come rappresentanti delle comunità sia come responsabili della salute pubblica sul territorio. E con la salute dei cittadini e delle cittadine non si può essere superficiali o approssimativi».

Ed ecco qualche immagine delle iniziative di Insieme in rete e di No Pedemontana:

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Giulia Santambrogio
Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.


Articoli più letti di oggi

Pop Up Restaurant: a Monza apre il primo Temporary Week Restaurant d’Italia

L’inaugurazione avverrà nel weekend del 23 e 24 novembre in Via Appiani 20.

Artigiano in Fiera: novità 2019 accesso gratuito con pass. Scopri come ottenerlo

Appuntamento dal 30 novembre all'8 dicembre nei padiglioni di Rho Fiera con apertura tutti i giorni dalle 10.00 alle 22.30.

L’appello, aiutatemi a trovare casa: “Siamo in 4 e mio padre ha l’alzheimer”

Una situazione difficile con una famiglia con un reddito, ma che si vede continuamente chiudere le porte in faccia.

Controlli anti prostituzione e scambismo al Colleoni: 50 persone identificate

Oltre 50 persone e circa 35 veicoli controllati, diverse contravvenzioni rilevate: è il bottino dei controlli mirati e straordinari messi in atto, durante il weekend, dai Carabinieri.

Recupero ex Snia qualcosa si muove: Regione approva la legge sulla Rigenerazione Urbana

Contro il degrado Regione Lombardia approva legge sulla rigenerazione urbana: la riqualificazione per l'ex area Snia si fa più concreta