19 luglio 2018 Segnala una notizia
Legambiente: Pedemontana, l'opera è da ridimensionare

Legambiente: Pedemontana, l’opera è da ridimensionare

20 luglio 2015

Pedemontana è in crisi. Martedì 14 luglio la Provincia di Monza e Brianza ha proposto alla Regione un compromesso: un’autostrada meno lunga e meno larga, meno costosa e meno impattante. E Legambiente è d’accordo: eliminando la tratta finale (Vimercate – Osio Sotto), parallela ad A4 e BreBeMi, e optando per le due corsie (e non tre, come il piano originario voleva), si riuscirebbe a risparmiare quel tanto che basterebbe a non lasciare l’opera incompiuta: i lavori sono fermi al 30%, ma è già stato speso l’80% del contributo pubblico destinato. Se non si cambia qualcosa, l’impatto sarà pesantissimo per i comuni, che avranno tutti gli svantaggi (ma non i vantaggi) di un’autostrada, senza opere di compensazione di alcun tipo e traffico in tilt.

«Ora che l’opera è costruita al 30%, con grande sacrificio ambientale e di risorse, è assurdo che la Pedemontana resti incompiuta a danno di tutti o, ancora peggio, che venga realizzata in trent’anni devastando il territorio come per la Salerno-Reggio Calabria – ha dichiarato Dario Balotta, responsabile trasporti di Legambiente Lombardia -. Ma per completarla deve essere, come per la prima volta anche la Regione ha riconosciuto, non “il progetto faraonico” ma “quella che può essere utile”, dopo aver discusso con la comunità del territorio».

Legambiente aveva proposto la stessa cosa già all’inizio dell’insediamento di Maroni alla carica di Presidente della Regione: «Allora avevamo parlato di praticare una spending review su progetti autostradali troppo impattanti e costosi per l’ambiente: gli amministratori ora parlano di exit strategy, ma se non si interviene si inizierà a parlare di Brianxit da Pedemontana – affermano i portavoce dell’associazione -. Se l’idea di ridimensionare il progetto si concretizza, i risparmi potrebbero consentire di affrontare con successo molti ostacoli che ora appaiono insormontabili nel prosieguo dell’opera». Ostacoli su cui finora Pedemontana ha sempre sorvolato: i terreni contaminati dalla diossina di Seveso (nella tratta Meda-Desio), l’impatto sul Bosco delle Querce di Seveso e Meda, la riqualificazione della tratta sud della Milano – Meda, che  nelle condizioni attuali non può farsi carico di aumenti di traffico, il progetto del gigantesco svincolo di Desio e quello di Agrate, tra la tangenziale est e la A4. E ancora, l’impatto della tratta terminale sul virmercatese, sul Parco d’Adda e sull’Isola bergamasca.

«Ridimensionando il progetto, Regione Lombardia, Provincia di Monza e società Pedemontana non farebbero un passo indietro, ma un passo avanti, per una volta nella direzione giusta. Hanno dimostrato di non essere chiusi e bisogna dargliene atto. I tempi sono cambiati  e l’esempio di quanto  avvenuto per BreBeMi e TEM, costrette ad aprire la stagione dei saldi sulle tariffe autostradali per ripianare i loro debiti, sono un errore da non ripetere – afferma Damiano di Simine, presidente di Legambiente Lombardia -. Per quanto ci riguarda, Legambiente è disponibile a partecipare senza pregiudizi ad un tavolo che ridiscuta e ridimensioni l’opera».

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Giulia Santambrogio
Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.


Articoli più letti di oggi

Rosalia Natalizi Baldi è la nuova preside del Liceo Zucchi [intervista]

La dirigente dell'Istituto Comprensivo di Villasanta, Rosalia Natalizi Baldi, lascia dopo 11 anni di presidenza. Da settembre inizia la nuova avventura. Lei si definisce un vulcano di idee

Pronto Soccorso San Gerardo: aperto un nuovo sportello Cup

L’obiettivo è quello di snellire l’attività del centro di prenotazione della Palazzina.

Concorezzo, Nicholas Viviani a soli 25 anni esporrà al Louvre e alla Biennale di Firenze

Si chiama Nicholas Viviani, è un fotografo professionista e i suoi scatti sono stati selezionati per l'Art Shopping Le Carrousel du Louvre e per una delle mostre più prestigiose d'Italia

Seregno, lite per un parcheggio: tira un pugno a un 50enne e scappa

Stava parcheggiando nell'area di sosta del supermercato, quando un altro automobilista si è avvicinato pretendendo il posto. Dopo il cazzotto, l'aggressore è sparito nel nulla

Distruggono treno diretto a Como: tre vandali fermati a Desio

Si tratta di tre ragazzi di 17, 18 e 20 anni, beccati sul fatto dai Carabinieri di Lissone e denunciati a piede libero per furto e danneggiamento aggravato