18 Giugno 2021 Segnala una notizia
Tragico incidente sul cavalcavia di San Rocco: muore motociclista di 40 anni

Tragico incidente sul cavalcavia di San Rocco: muore motociclista di 40 anni

12 Maggio 2015
Un motociclista di quarant’anni è morto in seguito ad una caduta mentre percorreva il cavalcavia di viale Fermi che passa dal  quartiere San Rocco di Monza. Il sinistro è avvenuto verso le 20.45 di questa sera.
incidente mortale motociclista cavalcavia san rocco  (1)Il centauro, in sella alla sua Suzuki da strada, da quanto si apprende avrebbe perso il controllo del mezzo finendo sull’asfalto. Sul posto sono arrivati i soccorritori del 118 e la Polizia Locale, ma l’uomo è deceduto ancor prima del trasporto un ospedale.
La scena che si è presentata ai soccorritori era impressionante: la moto a terra, riversa e a decine di metri di distanza il corpo dell’uomo. Pare che al momento dell’incidente il centauro non fosse solo su quel tratto di strada. Un primo sorpasso, forse un secondo e poi la perdita del controllo del mezzo, secondo quanto raccontato da un testimone che avrebbe visto la moto finire contro il guard rail.
Un tratto di strada dove è facile avere la tentazione di dare di gas, ma dove bisogna fare molta attenzione alle giunzioni tra i raccordi che rendono non omogeneo l’asfalto.  Le cause dell’incidente sono al vaglio della polizia locale. Non si conosce ancora l’identità del motociclista deceduto.
incidente mortale motociclista cavalcavia san rocco  (4)
incidente mortale motociclista cavalcavia san rocco  (3)
Foto MBNews tutti i diritti riservati

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Commenti

  1. Cittadino dice:

    Premesso che dispiace..però…Nn diamo la colpa all’asfalto per favore…le moto sul viale delle industrie vanno sempre come se fossero in pista al mugello.pensano di essere padroni della strada..

    • Darkkest dice:

      E invece diamo la colpa anche all’asfalto, perchè con certi rattoppi fatti a muzzo come quelli sui vari ponti in moto ti puoi far male anche a velocità che non siano necessariamente 130 km/h.

      • Cittadino dice:

        E’ vero, però calcolando che il corpo è finito a molta distanza( e il casco DISINTEGRATO) da dove ha impattato, di certo non andava nei limiti( che se non sbaglio è 70 all’ora.) Non è che deve essere sempre colpa di qualcosa purtroppo se vai forte in moto basta una minima sbandata per ammazzarsi.

        • vermeimmortale dice:

          è vero. la grande maggiorparte dei morti in incidenti stradali sono motociclista, malgrado siano percentualmente inferiori rispetto a coloro che guidano l’auto. tra l’altro le prestazioni di una moto sono qualcosa di estremo rispetto ad una macchina…

        • Darkkest dice:

          Quello che dico io è che su due ruote se l’asfalto è, come solitamente accade, pessimo, ti fai male anche se vai ad una velocità moderata, ci vuole poco.

      • massimo dice:

        si hai ragione anche l’asfalto ha le sue colpe, ma sono convinto che purtroppo la velocità elevatissima non da scampo. servono velox.

  2. Cittadino dice:

    Su un altro sito on line si parla di velocità molto elevata..Mettere subito dei velox fissi funzionanti è troppo difficile? o in comune aspettano l’ennesimo morto per velocità? e fortuna che ha fatto tutto da solo..fosse finito contro un auto c’erano 2 morti..

    • C’è bisogno di un velox per capire che si sta andando troppo veloci? Il buon senso non te lo da la macchinetta!

      • vermeimmortale dice:

        giusto aboliamo i limiti di velocità appellandoci al buon senso della gente.

      • Cittadino dice:

        amici cari, io lo so benissimo, spiegatelo ai furboni che vanno a 200 all’ora in moto con la giustificazione” e ma l’adrenalina”…visto che non lo capiscono che se cadono si ammazzano, martellarli con le multe..

    • Il rischio di perdere la vita non è un deterrente sufficiente per andare piano? Servono gli autovelox?

    • Ma perdere la vita non è sufficiente come deterrente per andare piano? C’è bisogno dell’autovelox?

  3. Cippo Pivati dice:

    le moto sono troppo pericolose. lasciatele perdere.

  4. Aldo Formento dice:

    dire che le moto sono pericolose e giusto, ma va guidata con testa!!!! poi ovvio l’asfalto e pessimo in italia e questo e un pericolo e va accettato al di la che questo tizio corresse o no……. soprattutto l’abbigliamento tecnico andrebbe usato sempre!!!!!!!

Articoli più letti di oggi