21 Giugno 2021 Segnala una notizia
Monza, presidio contro la "buona scuola", sindacati: “Ddl inaccettabile” [Video]

Monza, presidio contro la “buona scuola”, sindacati: “Ddl inaccettabile” [Video]

19 Maggio 2015

Scuola, continua la mobilitazione contro la riforma del Governo Renzi. Oggi in concomitanza con il dibattito alla Camera, a Monza così come in tante altre piazze in Italia, sindacati e un centinaio di insegnanti si sono radunati in presidio davanti alla Prefettura in via Prina. Un’assemblea convocata unitariamente da Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals.

Alle ore 10 i rappresentanti sono stati ricevuti dal Prefetto Giovanna Vilasi. Hanno presentato le loro istanze e tutte le critiche rivolte alla riforma ribattezzata “La buona scuola”. “Abbiamo denunciato l’assetto antidemocratico del ddl” commenta a fine incontro Samuele Tieghi della segreteria Flc Ggil MB.

In sintesi quello che viene richiesto a gran voce è: un piano di assunzioni che soddisfi le legittime aspettative di migliaia di precari esclusi da quanto prevedere l’attuale stesura della legge; un rifiuto del modello del “super preside” a scapito della collegialità e della cooperazione; una salvaguardia delle prerogative contrattuali su materie che investono aspetti normativi e retributivi del rapporto di lavoro come l’assegnazione di sede, la mobilità e la retribuzione accessoria; l’esclusione di soggetti non adeguatamente qualificati nelle sedi di valutazione ai fini della conferma in ruolo e della valorizzazione professionale

Quello che manca a questo ddl è un’anima pedagogica didattica. Sarà una scuola che verrà riorganizzata e metterà in discussione l’offerta formativa. Noi chiediamo alle famiglie di essere al nostro fianco. Una scuola migliore è possibile e questi miglioramenti non li vediamo nella riforma” dichiara Mirco Scaccabarozzi segretario generale della Cgil Scuola Monza Brianza, Lecco.

presidio-scuola-sindacati-mb2

E proprio alle famiglie è indirizzata una lettera che verrà distribuita attraverso le Rsu delle scuole, l’obiettivo è informarle e renderle partecipi di quanto sta accadendo. ”Noi vogliamo una scuola condivisa, una scuola fondata sul pluralismo culturale, sulla collegialità e sul riconoscimento delle professionalità” spiega, documento alla mano, Matteo Gianmanco della segreteria Cisl Scuola Monza Brianza Lecco.

Mirco Scaccabarozzi (Cisl Scuola MB – LC)

Samuele Tieghi (Flc Ggil MB)

presidio-scuola-sindacati-mb3

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Simona Sala
Simona Sala tra i fondatori nel 2008 di MB News, responsabile marketing e social manager. La mia passione sono i viaggi e la fotografia, passioni che vanno a braccetto. Ma quando per questioni di tempo non posso andare dove vorrei leggo, leggo, leggo meglio se diari di viaggio o storie di Paesi lontani. Mi piacciono la chiarezza, le persone genuine e la buona cucina.


Commenti

  1. Sempre a scioperare ‘sti statali… sempre tutto dovuto, sempre il posto fisso come garanzia. Mai che muovano un dito contro i loro colleghi (o loro stessi) lavativi o che pretendono di insegnare italiano col loro dialetto d’origine. E dire che proprio questa gente (che sono almeno il 50% dei docenti pubblici) sono un insulto nei confronti della minoranza che ha voglia di lavorare, che si sbatte prendendo a cuore gli alunni come fossero loro figli.
    Licenziati a pescià in del cuu, altro che in piazza a scioperare!

  2. Giuseppe dice:

    Certo: vogliamo una scuola collegiale e condivisa. Così continuiamo a fare come ci pare alla faccia di chi insegna con impegno. Non sia mai che il preside possa giudicarci: nessuno ci può giudicare, nemmeno tu (la verità fa male a tutti, però).

Articoli più letti di oggi