17 Giugno 2021 Segnala una notizia
Monza, incubo sottopasso via Rota: dopo l'estate i lavori di riqualificazione

Monza, incubo sottopasso via Rota: dopo l’estate i lavori di riqualificazione

4 Maggio 2015

Monta la protesta per le condizioni del sottopasso pedonale di via Rota – Grassi a Monza. Per chi abita in zona e ha la sfortuna di doverlo percorrere per recarsi in centro, il piccolo tunnel che di fatto mette in collegamento il quartiere Regina Pacis col centro storico, si sta trasformando in un incubo.

Le condizioni di rampe, scale e muri sono oramai pessime e al degrado generale si aggiunge anche una difficile convivenza fra pedoni e ciclisti, causata dalla mancanza di percorsi separati.

Sottopasso via Grassi

Sottopasso via Grassi

L’insoddisfazione dei residenti ha così preso la forma di una mail di protesta invita all’ufficio dell’assessore alle Opere pubbliche, Antonio Marrazzo, che ha replicato annunciando il progetto di riqualificazione da 200 mila euro deliberato poche settimane sta procedendo e che i lavori dovrebbero partire fra agosto e settembre.

Il disagio dei residenti può essere riassunto in quattro punti. Primo: le condizioni di degrado generale. Secondo: la pericolosità del transito per i pedoni a causa della mancanza di percorsi specifici sperati fra questi ultimi e i ciclisti. Terzo: l’inadeguatezza della pavimentazione selle rampe, ridotta a un percorso di guerra disseminato di buchi e piastrelle rotte. Quarto e ultimo: l’illuminazione insufficiente, che di sera trasforma il sotto passo in un luogo sinistro.

La risposta dell’assessore non si è fatta attendere. La giunta, infatti, ha dato via libera a un piano di recupero nel quale, così come ha spiegato lo stesso assessore ai residenti, tutti i problemi troveranno una soluzione. In altre parole, al netto dei lavori di recupero, è stata prevista anche la costruzione di percorsi separati fra ciclisti e pedoni così da evitare scontri. La gara d’appalto è in fase di ultimazione e, salvo intoppi, il semaforo verde al cantiere è previsto il prossimo autunno.

Sottopasso via Grassi

Sottopasso via Grassi

Sottopasso via Grassi

Sottopasso via Grassi

Sottopasso via Grassi

Sottopasso via Grassi

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Commenti

  1. Davide dice:

    Ma mai una volta che puoi dare ragione ad un commento…che cavolo centra la Lega con quel sottopasso imbrattato ? Chiunque sbagli deve pagare senza se e senza ma.

  2. Davide dice:

    Bravo. Appoggio, in tutto, il tuo commento.

  3. Davide dice:

    Quoto !

  4. Gixxgi dice:

    Avessi mai visto un vigile multare un ciclista che scende con la bici e magari pedalando. se mettessero un pò di controlli la ristrutturazione si farebbe gratis a danno solo dei trasgressori ma siamo a monza e peggio ancora in italia.

    • basterebbe mettere un bel girello e vedi che le bici si fermano e scendono.

      • e cosa crede che succeda dopo…..i girelli sparirebero nel giro di una notte. ho fatto una battaglia, naturalmente persa, con il comune perchè i girelli della ciclabile venivano manomessi ogni notte e poi eliminati definitivamente ed ora sulla ciclabile ci vanno con le moto o gli scooter. Monza città aperta.

        • basterebbe farlo in ghisa(con movimento del girello “nascosto”nel cemento) e vedi che non lo spostano nemmeno con un camion.sull’amministrazione inutile parlare,da anni chiedo che davanti a casa separino i percorsi pedonali e ciclabili(a causa dell’inciviltà dei ciclisti che sfiorano i cancelli pedonali) evidentemente attendono il morto per intervenire. io per non sbagliare esco con il braccio bello teso.se freni bene, se no cadi e cavoli del ciclista asino

  5. Cippo Pivati dice:

    Sono 20 anni che fai campagna elettorale per gli alleati di Berlusconi? Beh non devi essere molto intelligente… Senza offesa…

  6. Cittadino dice:

    il problema è che i ciclisti NON HANNO buon senso. non usano le ciclabili,(ci son le buche) non usano le luci(son gli altri che mi devono vedere e quindi mi vesto di nero), vanno contromano(risparmiano tempo), passano col rosso( fermarsi ai semafori?perchè?..)ieri ho fatto viale lombardia, io ho beccato 4 rossi in auto, la bici si è mangiata 4 rossi come se niente fosse. se poi io magari giro in via montelungo per evitare di far 2 km inutili mi dan la multa.) ci sono polemiche pure per via bergamo, dove i percorsi son separati e i ciclisti si lamentano che devono scendere dalla bici( tutti novelli GIANNI BUGNO in città..)

    • Il maleducato c’è anche su 4 ruote, e, ancor più, sulle 2 ruote motorizzate. Vogliamo vedere quanti telefonano mentre guidano? E quante moto, anzichè far la coda, zigzaggano a dx e sx tra le auto o corrono sulla corsia d’emergenza?

      • Cittadino dice:

        perfettamente d’accordo con te. diciamo che con moto e bici è più facile fare infrazioni( salti la fila,passi col rosso vai contromano..) in auto puoi solo superare i limiti( di giorno intendo) io ad esempio sono l’unico che in auto non usa il cell e in bici SCENDE per attraversare la strada. e gli altri cicilisti mi guardano come se fossi un marziano…

Articoli più letti di oggi