Politica

Monza, Giovani Padani in piazza per legalizzare la prostituzione: questa sera gazebo in centro

Questa sera i Giovani Padani scendono in piazza aderendo alla campagna referendaria per chiedere di abrogare la Legge Merlin. Obiettivo è raccogliere 500mila firme

prostituta-lucciola

“Raccoglieremo le firme in decine di piazze e luoghi pubblici perché vogliamo abrogare una legge anacronistica, come è appunto la Legge Merlin – afferma Matteo Mognaschi, coordinatore federale dei Giovani Padani – è una battaglia di civiltà”. Questa sera i Giovani Padani scendono in piazza aderendo alla campagna referendaria per chiedere di abrogare la Legge Merlin. Obiettivo è raccogliere 500mila firme utili per presentare il referendum abrogativo. L’appuntamento è fissato per oggi, 16 maggio,  in piazza San Paolo a Monza, dalle 19 alle 23.

«Chiediamo solo di uniformarci a tanti paesi europei che in maniera molto pragmatica regolamentano la questione della prostituzione con benefici fiscali, di salute e di ordine pubblico – continua Claudia Gobbato, coordinatore nazionale dei Giovani Padani della Lombardia.

“E’ chiaro a tutti ormai che legalizzare e tassare la prostituzione vuol dire sottrarre alla criminalità organizzata un giro d’affari da 4 miliardi di euro annui e assicurare quelle entrate allo Stato per abbassare le tasse ai cittadini. Inoltre significherebbe eliminare una volta per tutte degrado, insicurezza e sfruttamento, garantendo diritti e doveri anche a chi decide di esercitare questo mestiere”

commenta