16 Giugno 2021 Segnala una notizia
Modella svedese segregrata torna in Italia per parlare con i magistrati monzesi

Modella svedese segregrata torna in Italia per parlare con i magistrati monzesi

13 Maggio 2015

La modella svedese tenuta segregata a Cinisello Balsamo (Milano) da un falso agente di moda, è tornata in Italia per raccontare ai magistrati monzesi le presunte sevizie subite dal suo aguzzino e ringraziare i carabinieri che l’hanno salvata.

“Sarete sempre i miei angeli custodi” ha detto ieri ai militari la giovane e bellissima ventenne svedese, che ha voluto andare alla stazione dei carabinieri di Cinisello Balsamo per un saluto. Dopo aver fatto con loro una foto ricordo ha detto “la terrò sempre con me come un talismano di protezione”. Poi la giovane, ieri mattina si è recata in Tribunale a Monza, dove ha partecipato all’incidente probatorio per il processo contro C. R., il quarantenne finto agente di moda che secondo le accuse l’ha stuprata e tenuta segregata in casa per sei mesi dopo essere già stato condannato per un analogo episodio risalente al 2008,  fino all’intervento dell’Arma a fine marzo scorso.

La giovane, capelli corti e scuri, ha ammesso di aver fatto uno sforzo grandissimo per tornare in Italia a raccontare l’accaduto ai magistrati. Per esorcizzare il passato, accompagnata da genitori e fratello, è poi tornata a Cinisello, nei pressi della casa dove ha vissuto il suo incubo. Ripartirà oggi, il sogno di fare la modella nel cassetto, ma con la convinzione di aver fatto la sua parte affinché il presunto aguzzino non possa più nuocere ad altre donne.

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi