21 Giugno 2021 Segnala una notizia
Memorial "Gli Angeli dell'Arma", in ricordo di Luca, Giorgio e Tommaso

Memorial “Gli Angeli dell’Arma”, in ricordo di Luca, Giorgio e Tommaso

17 Maggio 2015

Passi fatti in due, per tutta una vita o pensando a un’intera vita, senza mai smettere di guardarsi negli occhi. Poi, all’improvviso, per scelta di un destino che si fatica a perdonare, quei passi si deve continuare a farli da soli. Anzi, sole. Ieri, a Burago di Molgora, tre donne, tre storie di forza, destini incrociati e dolore, si sono incontrate in occasione del “Memorial gli Angeli dell’Arma”, un torneo di calcio quadrangolare organizzato dai carabinieri per ricordare tre colleghi scomparsi prematuramente.

memorial angeli arma 2015 2Giorgio Illuminoso, Tommaso Di Santo e Luca Benfatto. Tre uomini dalle vite impegnate al servizio per la collettività, dopo aver giurato fedeltà al tricolore, avevano accato tre donne straordinarie. Quelle stesse donne che ieri, nel silenzio di un pomeriggio afoso, si sono strette la mano guardandosi in un modo che nessuno può capire.

Al torneo hanno partecipato quattro squadre dei carabinieri: Vimercate, Monza, Brugherio e Saronno. Tra queste tre città, Stazioni e Compagnie dei Carabinieri, Giorgio, Tommaso e Luca hanno lavorato negli ultimi anni.

Il Brigadiere Giorgio Illuminoso, 25 anni di carriera alle spalle, dopo tantissimi anni trascorsi al radiomobile di Monza, aveva deciso di trasferirsi a Saronno, insieme alla sua compagna Elena. Pochi mesi di gioia, nel 2009, il desiderio finalmente di poter coronare un sogno di amore di quelli che capitano una volta nella vita, e poi la fine. Durante un servizio di contrasto allo spaccio Giorgio è stato investito da un tossicodipendente o spacciatore in auto che non voleva fermarsi all’alt. E’ spirato dopo una settimana di ospedale. Sono trascorsi otto anni, Elena si porta il suo ricordo nel cuore, in quegli occhi profondi e pieni di vita e che hanno preso di petto questa immensa prova.

memorial angeli arma 2015Tommaso Di Santo, Appuntato dell’Arma, è sempre rimasto in servizio al Nucleo Informativo di Monza. Un anno dopo Giorgio, a fine turno di lavoro, si è accasciato al suolo. Il suo cuore non gli ha lasciato scampo. Sua moglie Giovanna e il figlio William, oggi sposato e padre di due splendidi bambini, hanno dovuto imparare ad affrontare la vita senza quel passo sicuro che precedeva i loro. Come ogni anno, durante il torneo, le loro voci commosse riempiono l’aria del ricordo di Tommaso.

Luca Benfatto. Correva la vita, come hanno ricordato nella commozione generale ieri i suoi colleghi della Stazione di Brugherio e gli amici del Nucleo Investigativo di Monza, non si fermava e non si risparmiava mai. Per nessuno. Poche settimane fa il suo sorriso si è spento sulla strada che porta al lago, mentre Luca era in sella alla sua moto, in compagnia di un amico. Sua moglie, Manuela, occhi grandi, forti, increduli, ieri c’era. A riprova del grande coraggio e dell’ardore che le donne d’Arma si portano nel petto.

Un appuntamento di affetto e sport, per far si che chi si batte per la sicurezza dei cittadini, non venga mai dimenticato

 

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi