18 Giugno 2021 Segnala una notizia
Licia Ronzulli sarà (per gioco) la Monaca di Monza: a teatro con processo e sentenza

Licia Ronzulli sarà (per gioco) la Monaca di Monza: a teatro con processo e sentenza

1 Aprile 2015

La Monaca di Monza torna sotto processo per beneficenza. A 400 anni e più dalla scandalosa relazione clandestina col conte Gian Paolo Osio, costata a Marianna de Leyva y Marino la condanna a essere murata viva, Monza riapre il fascicolo di quell’inchiesta.

Grazie a uno spettacolo organizzato dall’Associazione Prospecuts, con la collaborazione dall’Associazione Carabinieri sezione di Monza, la sera del prossimo 20 aprile il teatro Manzoni di Monza ospiterà il secondo atto di quell’inchiesta che sconvolse la città: un “vero” processo con la corte presieduta dal magistrato Stefano Dambruoso, questore anziano alla Camera dei Deputati già titolare dell’inchiesta sul sequestro Abu Omar da parte della Cia, e la pubblica accusa sostenuta dall’ex sostituto procuratore di Monza, Antonio Tanga, oggi ispettore al ministero della Giustizia. Sul banco degli imputati invece ci sarà lei, la Monaca di Monza, impersonata per l’occasione dall’ex eurodeputato Pdl, Licia Ronzulli, difesa da uno degli avvocati matrimonialisti più esperti d’Italia, Maria Bernardini De Pace.

A completare il quadro, i testimoni: Renzo, interpretato dal comico Gabrielle Cirilli, Lucia, parte affidata alla presentatrice Francesca Leto, e Don Abbondio, nei cui panni dovrà calarsi il presentatore Cesare Cadeo. Tutti come se fossero usciti direttamente dalle pagine dei Promessi Sposi, il romanzo che ha narrato le vicende della sfortunata Marianna. Il costo del biglietto d’ingresso è di 12 euro. L’intero ricavato verrà devoluto in beneficienza.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi