23 Giugno 2021 Segnala una notizia
Monza, veglia per la strage dei migranti, il consiglio si ferma (ma è polemica)

Monza, veglia per la strage dei migranti, il consiglio si ferma (ma è polemica)

21 Aprile 2015

“É uno stillicidio ormai insopportabile quello dei migranti che muoiono in mare. Quello di oggi è numericamente il più grande. Non possiamo stare nè zitti nè fermi davanti a più di 700 persone: in cerca di vita, che vengono inghiottite dal mare”. Con queste parole Libera più altre associazioni, partiti e sindacati del territorio di Monza e Brianza hanno organizzato ieri sera in Arengario a Monza una veglia di testimonianza: “700 morti: nè zitti nè fermi”.

Per prendere parte alla veglia il consiglio comunale si è interrotto per circa un’ora affinchè tutti i consiglieri potessero prendervi parte. Una decisione presa quasi all’unanimità: quasi, perchè i rappresentanti della Lega Nord hanno deciso di non unirsi alla manifestazione.

Simone Villa

Simone Villa

Le ragioni, spiega il consigliere del Carroccio Simona Villa, sono state due: «Non abbiamo preso parte alla veglia per due motivi, in primis perchè giunti in aula abbiamo appreso le intenzioni della maggioranza senza alcun preavviso. E’ una cosa inaudita: da sempre si sospende per pochi minuti la seduta per far accordare i capigruppi su questioni di questo tipo, o comunque si avvisa prima. E’ stata una “imboscata”. In secondo luogo, poi, in merito alla questione, ogni giorno da parecchio tempo apprendiamo di tragedie che riguardano anche il nostro Paese. Quella di ieri è stata una strumentalizzazione di quanto accaduto da parte della maggioranza, si è trattato di un gesto ipocrita perchè è pura ipocrisia ricordarsene solo quando siamo in presenza di cifre consistenti».

“Tragedie annunciate”, così le definisce Simone Villa che sottolinea: «Se non si cambia atteggiamento restano solo le lacrime di coccodrillo. Le persone che affrontano questi viaggi della disperazione sono triplamente vittime, della situazione della loro terra di origine, di chi li sfrutta, e di chi nel nostro Paese ci sta speculando sopra. Non possiamo assecondare questa tratta umana, dobbiamo contenere questo fenomeno criminale. Noi non facciamo parte di questa orchestrina dalla lacrima facile che poi tra due giorni già non ne parla più».

Per la cronaca alla veglia con candele hanno preso parte molti cittadini: in circa 200 si sono uniti in una presenza silenziosa. A terra con i lumini è stato composto il numero 950, numero dell’ultima tragedia del mare, le vittime del naufragio di migranti nel canale di Sicilia.

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Commenti

  1. Prima si pensi ai Cittadini Italiani ! Basta col buonismo becero ed ipocrita e con lucrare su tutto e tutti !

  2. Alessandro Gerosa dice:

    Il Consigliere Villa dichiara il falso. La Mozione d’ordine del Consigliere Tommaso Cereda in merito alla sospensione è stata accolta all’unanimità. La ragione? Due Consiglieri su due della Lega Nord erano assenti dall’aula all’apertura dei lavori, arrivando in ritardo.

    • Pensate agli Italiani ed ai pensionati in difficoltà !

    • Maximus dice:

      Siete contenti di essere riusciti ad ammazzare 5.000 persone , con la scusa di andarli a salvare ?

      Vai a nasconderti invece di criticare.

      E vergognati.

    • Simone Villa dice:

      Capisco il fervore che ci metti Gerry, perché finalmente oltre a trans e canne sei riuscito a trovare un nuovo argomento con cui fare tripletta. Ma purtroppo per te non ho l’abitudine di dichiarare il falso. Ad inizio seduta ero davanti al municipio a parlare con i vigili radunati in presidio contro il tuo Sindaco amico del popolo. Quelli che poi dopo hai incontrato anche tu. Se vuoi dare un segnale di vita, oltre alle chiacchiere di cui sei giovane ma indiscusso maestro, stavolta ne hai
      l’opportunità: sei in maggioranza, fai qualcosa per i lavoratori del Comune, che mai si sono lamentati come da quando governate voi. Il resto è tutta ipocrisia di chi ha la coscienza sporca. Simone Villa

      • Alessandro Gerosa dice:

        Io dichiaro un fatto: l’ordine del giorno è passato all’unanimità. Fossi fuori a parlare con i vigili, a difendere la legalità da un pericoloso clandestino o a scrivere padania libera su un muro, non eri in aula all’apertura della seduta, come sarebbe il tuo dovere.
        I migranti, vedi non sono un argomento, sono persone. Così come “le canne” non sono un argomento, sono persone in galera per anni e anni, torturati nella propria condizione, per uno spinello. Così “i trans” non sono fenomeni da baraccone folkloristici, ma sono persone che voi con le vostre politiche omofone insultate e avvilire quotidianamente. Per cui si, li difendo e li difenderò, porterò sempre avanti la loro battaglia per giustizia e uguaglianza contro di voi.
        Per maestria nelle parole non posso che inchinarmi davanti ad un mentore come te: insegni che quando si è in torto marcio, l’unica soluzione è cambiare argomento. Non preoccuparti però, che su come fare politica non mi devi insegnare nulla, e come gestire le nostre battaglie a difesa del lavoro lo decidiamo noi, se permetti.

        • Fammi capire un attimo, ci stai dicendo che tu fai politica? Cosa intendi per politica, imbrattare mezza città, foraggiare i centri sociali e non fare una proposta sensata in tre anni di “attività”?

          Magari oltre a questi post del cavolo, rispondi ad articoli dove si trattano argomenti realmente concreti, vediamo se riesci a confrontarti con chi ne sa davvero qualcosa, da decenni, delle vicende di questa città.

        • Cittadino dice:

          torturati per uno spinello? ahahah dai non raccontarle più grosse di te va..cosa vuoi difendere il lavoro che non hai mai lavorato?

Articoli più letti di oggi