11 Dicembre 2019 Segnala una notizia
“Young Syrian Lenses” il documentario che ti porta dentro la guerra in Siria

“Young Syrian Lenses” il documentario che ti porta dentro la guerra in Siria

2 Marzo 2015

Non un semplice reportage giornalistico ma molto di più. Il documentario “Young Syrian Lenses” ti prende, ti rapisce e ti porta dentro la guerra in Siria, fra i racconti della gente, fra gli attivisti siriani, ma anche in prima linea durante gli scontri. L’approccio è umano, senza cadere nella retorica dell’appartenenza religiosa, del fondamentalismo islamico e della spettacolarizzazione della guerra. Viene però mostrato quello che i normali media non comunicano.

Presentato in anteprima ad Urbino il 17 dicembre, è stato proiettato a Monza all’Urban Center nei giorni del “Red Alert for Syria“. Gli autori Ruben Lagattolla e Filippo Biaginti a fine proiezione sono stati assaliti dalle domande e insieme ai presenti hanno aperto un dibatto fra riflessioni e curisità.

documentario-Young-Syrian-Lenses-monza-siria

LA STORIA – Ruben Lagattolla dopo una lunga esperienza di documentarista nei campi profughi di Iraq e Kossovo riesce nel maggio 2014 ad entrare in Siria. “Ad aprile ho incontrato il fotografo italiano Enea Discepoli,  già stato più volte in Siria che ci stava tornando – racconta Ruben Lagattola – Mi è capitata l’occasione e ho detto andiamo, così il 30 aprile abbiamo passato il confine”.

Una volta in Siria con il supporto di alcuni media attivisti siriani, il gruppo riesce a raggiungere Aleppo. Nelle loro riprese si affiancano e filmano l’attività dei ragazzi che lavorano nei network di informazione. “Sono stati 8 lunghi giorni. Al fianco dei giornalisti locali abbiamo documento la città mentre veniva bombardata, abbiamo parlato con tante persone e visto come la vita lì sia appesa ad un filo. A tutti coloro che mi chiedono, non avevi paura? La risposa è sì, avevo tanta paura, ho visto tanti morti e per molto tempo quando sono tornato ho avuto incubi. Nei momenti difficili mi sono fatto forza dicendo a me stesso che sarei tornato portando una testimonianza importante ”.

Rientrato in Italia il 9 maggio, Lagattolla cerca aiuto per la produzione ed il montaggio del documentario. Alla sua richiesta risponde Filippo Biagianti, un giornalista videomaker di Urbino, che con Ruben cura la regia ed il montaggio del film. La produzione vera e propria  inizia nel luglio 2014 e va avanti a tappe forzate fino a metà settembre, quando viene realizzato il primo final cut del documentario. “Per me è stato un onore curare il montaggio di queste immagini, non è stato per nulla facile, volevamo qualcosa di diverso, il rischio era quello di scivolare nelle classiche immagini sensazionalistiche”.

Il documentario, a tratti veramente duro e toccante ma del resto come non potrebbe esserlo data l’atrocità della guerra siriana, è ben strutturato con la giusta alternanza di testimonianze, canzoni e grida di sofferenza. La parte più struggente è il racconto da parte dei giornalisti di Aleppo di un servizio a una mostra fotografica curata da studenti. La mostra avrebbe dovuto testimoniare, vista dagli occhi degli studenti, i tragici episodi che si verificano ogni giorno ad Aleppo libera, sotto assedio del regime di Bashar al Assad. Purtroppo questa non è mai stata realizzata, la scuola dove dovevano essere esposte le foto viene bombardata e distrutta poco prima dell’arrivo dei reporter che giunti sul posto trovano un vero e proprio massacro.

Di fondamentale importanza è stato lo straordinario lavoro di reportage fatto da Lagattolla nei giorni passati ad Aleppo, mettendo a rischio la sua vita fra cecchini e bombardamenti.

Il progetto “Young Syrian Lenses” è stato portato avanti e concluso senza nessun budget, in maniera totalmente indipendente e volontaria e porta il patrocinio Amnesty International Italia. A Monza è stato proiettato grazie alla collaborazione con Avvocato di Strada Onlus.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Simona Sala
Simona Sala tra i fondatori nel 2008 di MB News, responsabile marketing e social manager. La mia passione sono i viaggi e la fotografia, passioni che vanno a braccetto. Ma quando per questioni di tempo non posso andare dove vorrei leggo, leggo, leggo meglio se diari di viaggio o storie di Paesi lontani. Mi piacciono la chiarezza, le persone genuine e la buona cucina.


Articoli più letti di oggi

Il Capodanno a Seregno sarà rock!

Al PalaSomaschini, concerto-tributo dedicato ai Queen in attesa del 2020

Vedano, La Casa Francesco inaugura il poliambulatorio (gratuito) per i più deboli

L'iniziativa, chiamata “Le comunità della Salute” mette al centro il benessere per ogni cittadino e propone un servizio sanitario di qualità per tutti, senza distinzioni socioeconomiche. 

Monza, con gli Sky Box un altro passo verso un futuro da grande squadra

Durante la partita con la Giana Erminio si è alzato il sipario sugli Sky box di cui si era parlato molto in questi mesi.

Monza, Controllo di vicinato: in arrivo più di cento cartelli nei quartieri della città

Alcuni ci sono già, altri arriveranno presto. Il simbolo dell'associazione avvisa residenti e malintenzionati che in quella zona ci sono cittadini pronti a segnalare furti, rapine e altre illegalità.

Cancello in tilt, automobilisti prigionieri del Parco di Monza 

Insomma, traffico in tilt in entrata e in uscita dal Parco. Ignote le cause. Un quarto d'ora di attesa, il tempo di arrivare sul posto per "liberare" gli automobilisti imbufaliti.