23 Giugno 2021 Segnala una notizia
Monza, meno consumo di suolo e tutela aree verdi: ecco il nuovo Pgt

Monza, meno consumo di suolo e tutela aree verdi: ecco il nuovo Pgt

13 Marzo 2015

E’ stato presentato ieri mattina, 13 marzo, nel palazzo comunale di piazza Trento e Trieste il nuovo Pgt di Monza. Punti cardine del nuovo documento saranno la sensibile riduzione del consumo di suolo, la concentrazione degli sviluppi prevalentemente attraverso il recupero delle aree dismesse (conservando le testimonianze di archeologia industriale) e la tutela delle aree verdi e agricole, anche con la creazione di nuovi parchi. Il documento nei prossimi giorni sarà pubblicato e oggetto di incontri pubblici per consentire ai cittadini di esprimere le osservazioni, e al termine del percorso approderà in Consiglio comunale per la discussione e la votazione.

Claudio Colombo

Claudio Colombo

Il nuovo documento di Piano licenziato oggi dalla giunta guidata da Roberto Scanagatti mette nero su bianco la volontà di contenere il consumo di suolo e il recupero delle aree dismesse e degradate. «La capacità insediativa corrisponde infatti a circa 590.000 mq contro i 1.342.000 del vecchio documento. Il Pgt el 2007 ammetteva consumo di suolo per un totale di 1.430.000 mq. – spiega l’assessore alle Politiche del Territorio Claudio Colombo – Il nuovo documento di piano invece prevede un consumo di suolo libero pari a 94.520 mq. Il suolo prima edificabile, che ora viene salvaguardato, e pari a 1.112.853 metri quadrati». La superificie da includere nei Plis verrà estesa: il nuovo Pgt infatti prevede che agli esistenti 300 ettari ne vengano aggiunti altri 189.

Un capitolo a parte per quanto riguarda la mobilità dolce: «C’è l’indivuduazione di una rete di mobilità ciclabile, coordinata con il Biciplan, che sarà lo schema di riferimento per i futui progetti in questo settore – ha sottolineato Colombo – Anche per quanto riguarda il potenziamento delle aree del verde pubblico, la strada scelta è quella di individuare alcuni spazi, di dimensioni significative, che possono assurgere a nuove centralità per i diversi quartieri».

Nel nuovo documento spazio anche per il ruolo economico della città. L’amministrazione monzese ha scelto di privilegiare il percorso dello Sportello unico delle attività produttive (SUAP). Inoltre il 48% della volumetria all’interno degli ambiti di trasformazione è prevista con destinazione non residenziale.

Ecco il video della presentazione del nuovo Pgt a Monza

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Commenti

  1. Darkkest dice:

    Quante palle ancora una volta…tanto se le bevono sempre tutti e in giro pieno di case nuove col cartello “in vendita” da anni.

  2. Maximus dice:

    Una Giunta ridicola : continuano a costruire e fanno finta di essere ecologisti della prima ora.

    La Sinistra ha imparato bene la lezione dell’ Ipocrisia della Chiesa cattolica.

    Piuttosto Scanagatti informi i cittadini che hanno a disposizione ben 5 milioni di Euro per l’ accoglienza a sedicenti profughi mentre se un monzese chiede aiuto al Comune riceve due dita negli occhi.

    Chiudete quello schifo del centro di Via Spallanzani e mandate a casa tutti i parassiti che ci ” lavorano “.

  3. Maximus dice:

    Su viale Lombardia hanno fatto 2 piste ciclabili sempre vuote ed oggi , dopo decine di milioni di euro spesi , le auto in superficie hanno solo una corsia a disposizione e ci sono spesso code.

    Complimenti per l’ intelligenza.

    Basta con le piste ciclabili.

    • Povero, voleva 2 corsie anche sopra il tunnel lui… ma per favore.

      • Maximus dice:

        Si, perchè ?
        C’ è qualcosa che non va ?
        Lo sai che se si ferma una macchina si blocca tutto , genietto ?

    • basta con le ciclabili?? il problema e’ che non c’e’ un piano per il trasporto, la Pedemontana e la BRebemi sono vuote e sono costate miliardi di euro,questo perche’ ragionate da anni 70, la mobilita’ sostenibile dovrebbe essere una priorita’ ,altro che basta..

      • Maximus dice:

        La Pedemontana ancora non esiste : aspetta e vedrai come sarà vuota…

  4. Cialtroni, dopo che hanno costruito ovunque quartieri nuovi, cementificato terreni con ipermercati esselunga e arricchito i soliti noti, adesso si inventano il “meno consumo”..c’e’ rimasto ben poco da salvaguardare, a parte i marciapiedi

Articoli più letti di oggi