25 Giugno 2021 Segnala una notizia
Elio Bonavita: in migliaia per il lungo addio a quegli occhi azzurri pieni di sogni

Elio Bonavita: in migliaia per il lungo addio a quegli occhi azzurri pieni di sogni

28 Marzo 2015

Migliaia di persone hanno partecipato ai funerali di Elio Bonavita, il 15enne rimasto ucciso nel brutale incidente di domenica scorsa a Monza.

La chiesa di Santa Anastasia era colma degli affetti cari a Elio, il piazzale antistante straripante di  folla che dall’esterno ha seguito la funzione attraverso gli altoparlanti. Seduti a terra, in cerchio, i suoi compagni di calcio de “La Dominante” e quelli del suo fratellino minore. “Dio fa che le persone cattive capiscano, perché noi non possiamo”. Solo le parole dello stesso Elio, lette al termine della funzione, scritte dal ragazzino dopo la prima comunione.
“I suoi occhi limpidi, il gioco sul campo da calcio come una danza, il banco di scuola vuoto”. Sono i ricordi raccontati dai compagni di calcio, di scuola e degli amici di Elio Bonavita, alla chiusura dei funerali.

Lunghi applausi hanno accompagnato il passaggio della piccola bara bianca, seguita dal padre Corrado che, stretto al fratellino di Elio, lo ha ricordato così: “Sei il frutto più bello del nostro amore, un delizioso rompicapo. Pensavamo di doverti proteggere dalle malattie, non dall’efferatezza e dalla stupidità umana. Ci manchi. Ti promettiamo di vivere ogni giorno sapendo di averti accanto, rispettando ciò che dicevi sempre e cioè che i sogni vanno perseguiti. Ciao Elio”.E poi applausi ad accompagnare Elio verso il cimitero.

funerale-elio-bonavita-villasanta-mb-(2)

 

 

 

funerale-elio-bonavita-villasanta-mb-(3)

 

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi