22 Giugno 2021 Segnala una notizia
Brianzacque, partono i lavori del depuratore di Monza: stop ai miasmi

Brianzacque, partono i lavori del depuratore di Monza: stop ai miasmi

4 Marzo 2015

Due anni di lavori e un investimento da 15 milioni di euro. Sono questi numeri del progetto di riqualificazione del depuratore di San Rocco varato da Brianzacque e presentato ieri Comune.

L’intervento, che sostituisce il faraonico master plan da oltre 60 milioni di euro, si propone di raggiungere due obiettivi: eliminare i miasmi che investono, oltre al quartiere, anche ampie zone residenziali di Brugherio e Sesto San Giovanni e introdurre nuove tecnologie di ossidazione a cicli alterni necessari per evitare sanzioni da parte dell’Unione europea. Il vecchio master plan finisce così in soffitta e dopo oltre dieci di attesa partono i lavori di restyling dell’impianto costruito nei primi anni sessanta.

brianzacque-comune-conferenza-depuratore-mb

Da sx: Boerci, Scanagatti, Ponti

L’importanza del depuratore è nei suoi numeri: 152 km di collettori serviti, un bacino di circa 700 mila abitanti suddivisi in tre Province e 4.500 insediamenti produttivi collegati. “Il prossimo 14 aprile scadono i termini del bando per la presentazione delle offerte – ha spiegato Enrico Boerci, ad di Brianzacque -. A dicembre partiranno i cantieri ed entro la fine del 2016 i lavori per la copertura delle vasche sarà ultimata”. Sempre nel 2016 finiranno i lavori legati alle nuove tecnologie di ossidazione. “Sono molto soddisfatto per il risultato raggiunto – ha proseguito il sindaco, Roberto Scanagatti -. Gli ostacoli superati per arrivare a questo obiettivo sono stati molti, ma alla fine elimineremo gli odori e introdurremo nuovi sistemi di lavorazioni a costi e tempi decisamente contenuti rispetto alle previsioni iniziali”.

E il vecchio mater plan? Brianzacque è riuscita a raggiungere un accordo con l’associazione temporanea di imprese che aveva vinto il bando. All’azienda andrà poco meno di due milioni di euro in cambio di una pietra tombale sulle questioni giudiziarie che hanno tenuto in sospeso il progetto per anni. La considerevole differenza fra la spesa e i tempi previsti in un primo tempo e quelli contenuti nel progetto appena presentato è stata giustificata con una diminuzione delle previsioni di crescita urbanistica ed economica e con l’impiego di nuove tecnologie.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Commenti

  1. francesco mario dice:

    Ero prsente alla presentazione del progetto di adeguamento dell’impianto di Monza e rimasi allibito.Ora si parla di adeguamento con altre tecnologie.Sono stupito che non si sia presa in considerazione l’opportunità di sfruttare al meglio la tecnologia esistente creando un’area anossica in testa all’impianto on una zona di ossidazione con ossigeno puro e coprendo le vasche.poi potevano essere realizzate a monte delle vasche volano per linearizzare le portate e i caroichi inquiinanti, oltre all’introduzione invece dei sedimentatori dei fflottatori tipo krofta,ma questa soluzione è un mio vecchio pallino,non usato in europa del sud

Articoli più letti di oggi