20 Giugno 2021 Segnala una notizia
Suore missionarie trucidate in Burundi, hanno scoperto traffico illecito

Suore missionarie trucidate in Burundi, hanno scoperto traffico illecito

5 Febbraio 2015

La testimonianza anonima ad una radio africana, potrebbe aver fatto luce sul movente dell’omicidio di tre suore saveriane uccise in Burundi lo scorso 7 settembre.

“I soldi i soldi” ha dichiarato una voce anonima all’emittente Publique Africaine tre giorni fa, presentandosi come parte del commando pagato per l’esecuzione delle tre religiose. L’omicidio di Olga Raschietti, Lucia Pulici e Bernadetta Boggian, legate all’ordine saveriano di Desio, aveva scosso tutta la comunità internazionale. (Leggi qui quando avevamo dato la notizia a settembre sulle suore trucidate)

Il giorno dopo l’assassinio, avvenuto in un centro missione in Burundi, era stato arrestato un uomo con problemi psichici, ma agli inquirenti locali la storia non tornava. L’omicidio di Lucia ed Olga è stato eseguito nel primo pomeriggio, mentre Bernadetta è stata uccisa la notte successiva. Un piano troppo ben organizzato per appartenere ad una mente confusa dal malessere. La testimonianza del presunto killer, svelerebbe quindi il presunto vero movente: le religiose erano venute a conoscenza di traffici illeciti nei quali potevano essere coinvolte persone vicine ai servizi segreti locali. I killer sarebbero stati pagati 14.000 euro.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi