23 Giugno 2021 Segnala una notizia
Processo "Ruby Ter", notti arcoresi ancora agitate per Berlusconi...

Processo “Ruby Ter”, notti arcoresi ancora agitate per Berlusconi…

21 Febbraio 2015

Una lettera a Ilda Bocassini da parte di una delle “olgettine”. E’ questa la novità dell’ultima ora sul processo “Ruby Ter”. Secondo corriere.it (notizia poi ripresa anche dai tg nazionali) Marysthell Polanco avrebbe fatto recapitare al Pm una lettera partita da casa di un’altra olgettina, Aris Espinosa. La lettera sarebbe quindi passa dalla Bocassini ai magistrati che si occupano del “Ruby ter”, Pietro Forno, Luca Gaglio e Tiziana Siciliano.
Secondo quanto ricostruito dal giornale e anche dal settimanale “Chi”, gli inquirenti starebbero effettuando controlli serrati sulle entrate e le proprietà di tutte le presunte frequentatrici di Arcore. Secondo quanto emerso ad oggi, Nicole Minetti continuerebbe a percepire 15.000 euro al mese da Berlusconi mentre conti e proprietà di “Ruby” in Messico sarebbero attualmente oggetto di controlli meticolosi.
Come scrive l’Huffingtonpost, ai magistrati manca “il nesso tra pagamento e falsa testimonianza – perché – non basta la traccia dei soldi”. Se una o più ragazze arrivasse al punto di confermare le accuse sulle quali da tempo i pm insistono, per l’accusa sarebbe “La prova”. Le perquisizioni sono servite per sequestrare anche computer e smartphone e la speranza dei pm è di trovare foto e video. Non ci sarebbe da sorprendersi se presto questi file sbucassero su siti e quotidiani fiancheggiatori, così da aumentare la pressione su chi, soprattutto dopo una perquisizione in casa, esasperata potrebbe assecondare le accuse, nella speranza di liberarsi dalla pressione delle indagini.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi