19 Giugno 2021 Segnala una notizia
Pippo Civati si incavola con l'Espresso (si parla di conti in Svizzera)

Pippo Civati si incavola con l’Espresso (si parla di conti in Svizzera)

12 Febbraio 2015

Cosa ci fa il mio nome in quel titolo? L’espresso riporta i nomi di alcuni politici che coinvolti nell’inchiesta sui conti svizzeri “Quei politici nella lista Falciani, da Pippo Civati al renziano Serra“.

Civati si pone questa domanda in quanto, e lo spiega in modo dettagliato sul suo blog, è vero che il suo nome appare collegato a conto elvetico, ma “il motivo dipende unicamente dal fatto che mio padre ha aperto quel conto nel 1994 (quando avevo diciannove anni) indicandomi come procuratore, insieme a mia madre (in quanto eredi, per il caso in cui fosse mancato). 

Un conto spiega il politico monzese che non ha mai superato i 10mila euro e che era stato aperto regolarmente dal padre che ai tempi lavorava con l’estero.

“Quanto al conto e al deposito di quei capitali, non c’è stato alcun elemento di illegalità: tutta la situazione è stata, peraltro, verificata in occasione del verbale della Guardia di Finanza redatto in contraddittorio con mio padre, sulla base delle stesse informazioni qui riportate (ho mostrato tale verbale, che risale al 2011, al giornalista de l’Espresso). Nulla di contestato, nulla di scudato, insomma. – scrive Pippo nel suo blog e aggiunge – sono da anni impegnato nelle battaglie contro l’evasione, il riciclaggio e i paradisi fiscali, è per me insopportabile vedere il mio nome accostato a persone e comportamenti con cui né io né la mia famiglia abbiamo avuto a che fare”.

L’espresso, per onor di cronaca, bisogna dire che ha fatto immediatamente uscire la replica del politico, dove spiega quanto da noi appena riportato. Resta il fatto che per Pippo Civati è stata una bella incavolatura …

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Matteo Riccardo Speziali
Chi sono? Matteo Riccardo Speziali, una vita nel cercare di scoprirlo (chi sono) e nel frattempo il raccontare fatti, il ricercare notizie mi tengono molto occupato. Scrivo da sempre e nel 2008 sono tra i soci fondatori di MB News che dirigo. Quando non scrivo (e non dirigo),mi piace leggere, soprattutto gialli, mi piace cucinare (e mangiare) e mi piace correre. Se avete qualche bella storia da raccontarmi o se volete denunciare un fatto chiamatemi 039361411


Commenti

  1. Pagliaccio !

  2. Cristian dice:

    Hahahahahaha….poveretto…ha paura che non lo si reputi più “puro”.

  3. Non si smentisce mai…pinocchietto è Renzi ma, degno compare, il saltimbanco Civati

  4. Storia di una famiglia proletaria italiana… sono commosso…

  5. Sì Civati ! E gli elefanti volano non lo sapevi ?

  6. “poverino”….lui non ne sapeva nulla del conto del paparino. La gente come Te dovrebbe solo vergognarsi e sparire dalla vita politica prima di fare danni peggiori di quelli attuali !

  7. Non entro nel merito che,essendo un conto inferiore ai 10000€,fosse lecito ; la legge lo permetteva-permette e,quindi, non lo ritengo illegale….ma Civati,scusa la domanda, ma ne avete così tanti da far estinguere un conto perdendoci l’intero ammontare ? Caspita !

  8. Fabio Rubini dice:

    Non sapete leggere vero? Uno anche se dice che ha già denunciato tutto alla finanza che ha già chiuso la pratica non va bene lo stesso? No ma tanto gli altri hanno sempre torto, anche quando ci sono verbali scritti che dicono il contrario. Poi giusto uno che vuole evadere mette 10.000 euro in Svizzera, peraltro mai usati e pure estinti…

  9. “non sapevo nulla il conto è di mio papà”…… ma mi faccino il picere

  10. hasta la victoria dice:

    Anche qui i leghidioti grilli mai pensanti non perdono occasione per sfoggiare l’imbecillità che è indelebile nel loro dna. Ma vaffan….

Articoli più letti di oggi