16 Giugno 2021 Segnala una notizia
Monza, giardini di via Collodi-Sangalli contaminati? Chiusi, per indagini geologiche

Monza, giardini di via Collodi-Sangalli contaminati? Chiusi, per indagini geologiche

27 Febbraio 2015

I giardini di via Collodi dal 2 marzo saranno off limits. L’area verde confinante con via Sangalli dalla prossima settimana resterà chiusa al pubblico per consentire alla società incaricata di effettuare indagini geologiche sulla qualità dei terreni.

Un intervento, questo, che è stato disposto dal Comune di Monza in seguito alle richieste di maggiori approfondimenti avanzate dalle agenzie ambientali e sanitarie territoriali (Arpa – Provincia di Monza e Brianza e ASL MB). Scopo delle indagini è di «verificare con maggiore puntualità la presenza o meno di contaminanti nei terreni, anche in profondità. Gli esiti delle indagini geologiche saranno forniti alle autorità ambientali e sanitarie competenti, condivisi in Conferenza dei servizi e resi noti alla cittadinanza nel più breve tempo possibile» questo è quanto si legge nella determina.

Questa settimana i giochi a disposizione dei bimbi presenti nell’area verranno spostati nell’area vicina compresa tra via Collodi e via Borsa.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Commenti

  1. Da che cosa nasce quest’indagine? Qualcuno ha fatto una soffiata circa una possibile terra dei fuochi in questi giardinetti? E chi? E il terreno attiguo su cui sorge la scuola Citterio? E l’ex Minigolf?

  2. sigmazone dice:

    visto che ormai le scorie di produzione dell’ILVA possono essere utilizzate grazie al decreto renzi (fatto per far saltare i processi brebemi in primis ) , anche se scoprono che ci hanno sotterrato una bomba atomica, ormai e’ tutto legale, per la gioia dei nostri futuri figli deformati e tumorati

  3. M.luisa visconti dice:

    I giardinetti di via Collodi sono da anni frequentati dai bambini che arrivano alla scuola Citterio e ne escono. Sono un punto di aggregazione molto importante per il quartiere.
    Il Comune ha deciso di spostare i giochi? E di costruirci la nuova scuola elementare?
    Dimostra che nessuno in giunta e in Consiglio valuta la realtà tenendo conto dei bisogni della popolazione e dei bambini della città.
    Soluzioni alternative se ne potevano trovare, togliere al quartiere dei giardinetti per costruirci (qualsiasi cosa) dimostra che la logica non è cambiata, purtroppo.

  4. M.Luisa Visconti dice:

    A distanza di mesi il Comune non ritiene necessario informare i cittadini di come stanno le cose!
    Intanto, i bambini non possono usare i giardinetti.
    L’ignoranza fa paura: basta parlare di rifiuti sepolti e si immagina rischio di tumore e malformazione…. dopo quarant’anni dall’interramento di questi fantomatici rifiuti, cosa si teme? Tutta la città ha vecchi rifiuti nel sottosuolo, dovremmo scavare ovunque?
    C’è invece il rischio che l’attenzione puntata proprio su un’area verde significhi che a qualcuno quest’area interessa per specularci… ma possibile che ancora oggi dobbiamo vedere queste cose? Che a nessuno interessi di mantenere un bel giardino con alberi, erba, altalene e panchine?

Articoli più letti di oggi