16 Giugno 2021 Segnala una notizia
Con il divorzio low cost, ecco chi si dice addio a Monza

Con il divorzio low cost, ecco chi si dice addio a Monza

21 Febbraio 2015

Dirsi addio Monza diventa low cost. Dal 11 dicembre 2014 i coniugi che consensualmente intendono separarsi o divorziare possono rivolgersi all’ufficio preposto dal comune con soli 16 euro.

Diverse le modalità che l’amministrazione mette a disposizione dei coniugi, tutte equiparate ai provvedimenti giudiziali, escludendo quindi la necessità di rivolgersi al Tribunale.

A Monza è boom di richieste per quelli che in tanti definiscono il “divorzio facile”: nel capoluogo brianzolo sono circa 20 le coppie ai ferri corti che hanno fatto richiesta per usufruire del servizio. Dai 50 ai 30 anni: il target è variegato.

Si tratta, comunque, di coppie tutte rigorosamente senza figli. Per richiedere la separazione o il divorzio in Comune, infatti, è necessario che entrambe le parti siano d’accordo e che non ci siano: figli minori, figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave, figli maggiorenni economicamente non autosufficienti, così come accordi di trasferimento patrimoniale (es. uso della casa coniugale, l’assegno di mantenimento, ovvero qualunque utilità economica tra i coniugi dichiaranti).

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Commenti

  1. Finalmente dopo tanto parlare nel seconco semestre dell anno scorso qualcos si muove. Perche’ non succede in tutte le citta’ visto che, se non erro, possono accedere solo i domiciliati nel comune?

Articoli più letti di oggi