19 Settembre 2019 Segnala una notizia
Il Tar boccia i comitati: il bando della Villa Reale è regolare

Il Tar boccia i comitati: il bando della Villa Reale è regolare

12 Febbraio 2015

Hanno già indetto una conferenza stampa, ma intanto il Tribunale amministrativo regionale ha respinto il ricorso presentato dal Comitato “La Villa reale è anche mia”. Un atto per protesta contro il bando che ha affidato i lavori di restauro e la gestione della Villa Reale ad un privato per i prossimi 22 anni. L’indice del Comitato era puntato in particolare verso la violazione del Codice dei Beni Culturali e l’utilizzo degli spazi della reggia per scopi commerciali.

Il Comitato aveva fatto ricorso nel 2011, a settembre, prima c’era stata una raccolta firme che era arrivata a migliaia di adesioni. Una battaglia che partita con la giunta Mariani aveva visto l’adesione anche del Pd, che poi ritrovatosi alla guida della città aveva mantenuto una certa distanza fino ad arrivare a sostenere la bontà dell’operazione.

Il restauro è stato completato (con una buona parte di soldi pubblici 22 milioni di euro): uno dei rarissimi esempi in Italia di lavori iniziati e terminati entro i tempi previsti. Anche il comitato nel presentare il ricorso non aveva chiesto la sospensiva, per non bloccare i lavori di restauro.

Con questa sentenza, pare proprio essere stato riconosciuto come modello vincente quello adottato a Monza per recuperare la Villa Reale, un bene che si rischiava di perdere definitivamente.

Non altrettanto definitiva potrebbe essere la posizione del Comitato, che venerdì in conferenza stampa rivelerà le prossime mosse…

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Matteo Riccardo Speziali
Chi sono? Matteo Riccardo Speziali, una vita nel cercare di scoprirlo (chi sono) e nel frattempo il raccontare fatti, il ricercare notizie mi tengono molto occupato. Scrivo da sempre e nel 2008 sono tra i soci fondatori di MB News che dirigo. Quando non scrivo (e non dirigo),mi piace leggere, soprattutto gialli, mi piace cucinare (e mangiare) e mi piace correre. Se avete qualche bella storia da raccontarmi o se volete denunciare un fatto chiamatemi 039361411


Commenti

  1. Cittadino dice:

    quei clown che parlavano del mc donald etc etc? andrebbero denunciati ,ma siamo in italia e passa in cavqalleria anche questa..NO A TUTTO dai ragazzi avanti cosi

  2. L’ennesima conferma, come se ce ne fosse ancora bisogno, dell’assoluta bontà e grandiosità del progetto.

    E’ bene specificare di nuovo come l’operazione sia stata portata al successo solo grazie alla Giunta Mariani, o meglio, solo grazie al Sindaco Mariani, che ha passato 3 anni di inferno per rendere definitivo questo progetto.

    E’ bene specificare che l’azione del comitato e la raccolta firme sono nate principalmente per pura speculazione politica, visto che il principale supporter di tale raccolta è stato proprio il PD monzese, salvo poi, appena giunto in maggioranza, cercare (senza successo) di fare suo il progetto.

    Come dicevano, rigorosamente in dialetto, i nostri nonni, che certamente la sapevano più lunga di noi: “la gente ha la faccia come il culo”.

    E la politica monzese, salvo quanto mai rare eccezioni, conferma la massima.

    Chiunque in questi mesi ha visitato la Villa Reale in tutto il suo splendore, chiunque ci abbia cenato, fatto una mostra, un evento, chiunque ci lavori (circa 100 persone), chiunque abbia beneficiato dell’indotto creato da questo straordinario monumento, sa bene chi ringraziare per questo. E chi non lo sa, nessun problema, tenga solo been in mente il nome di Marco Mariani.

    • Giovanni Perego dice:

      Un bando di gara che a fronte di 22 milioni di investimento pubblico concede al privato la Villa Reale per 20 anni in cambio di soli 4 milioni è e resta uno scandalo. Bando di gara gestito da Infrastrutture Lombarde il cui direttore è poi stato inquisito.
      Il PD ha fatto bene ad appoggiare la protesta e non mi risulta abbia cambiato idea. Certo, ora che ha il Sindaco che è anche Presidente del Consorzio che gestisce Villa e Parco, deve assumersi la responsabilità della gestione.

    • Ma i ministeri che in villa credete che ce li siamo già dimenticati? Meno male che hanno cambiato! Basta buffonate!!!

      • Quale sarebbe stato il lato negativo nell’avere ministeri (quindi posti di lavoro, soldi e più vicinanza della politica al nostro territorio)? ricordo che sono stati chiusi per un ricorso dei sindacati dei lavoratori ministeriali romani, forse impauriti di dover perdere privilegi…. signor Gino lei mi sembra pesantemente affetto dalla sindrome di Tafazzi!

  3. Matteo Barattieri dice:

    La disinformazione impera. Il motivo del ricorso è così semplice che sembra quasi superfluo spiegarlo per l’ennesima volta.

    Fondi pubblici dati ad un privato. Il privato con quei soldi sistema la parte di Villa Reale prescelta. Poi lo stesso privato si terrà il bene per 20 anni, pagando un cifra ridicola (affitto annuo). A sua volta il privato citato subaffitta i vari piani della Villa a terzi. Lo scandalo è questo. Soldi pubblici, interessi e guadagni privati. La campagna contro questa malagestione della cosa pubblica è stata lanciata e portata avanti da un gruppo di cittadini, raccolti in un comitato. Alcuni partiti avevano aderito.

    • gli stessi partiti che si mostravano alle telecamere e fotografi nei giorni dell’inaugurazione…. sindaco firmatario della petizione, rinnegata appena ha saltato il fosso da oppositore ad amministratore… coerenza sinistra

    • Ecco il solito “dire e non dire” per ingannare la gente! Oltre all’affitto annuo, il privato si fa totalmente carico per i 20 anni di concessione di: riscaldamento e climatizzazione, manutenzione ordinaria, pulizie, personale di servizio e guardiani. Perchè vi ostinate a non capire che il pubblico risparmia una cifra elevatissima per queste voci?! A che servirebbe il restauro se poi gli enti proprietari (riuniti nel Consorzio) non avessero i soldi per tenere efficiente la Villa?!

    • La disinformazione impera. Per VOI.

      Visto che ignorate, o fate finta di ignorare, i reali valori in gioco, permettetemi di illuminarvi.
      Pubblico e Privato hanno concorso, in proporzioni differenti, nel recupero della Villa Reale. Senza il privato, il pubblico si sarebbe accollato il 100% dei costi. Il Privato inoltre ha apportato la principale competenza che al pubblico manca del tutto: l’organizzazione. Infatti i lavori sono stati realizzati in tempi record, esempio unico non solo in Italia ma in tutta Europa.
      Ma la vera chiave sta qui:
      il Privato ha la gestione del corpo centrale della Villa Reale per circa 20 anni, accollandosi in primis tutti i costi di gestione, prima del godimento dei ricavi (il concetto di rischio d’impresa vi è noto?). I costi di gestione ammontano a circa 1.000.000 di euro all’anno, per un totale di circa 20 milioni (inflazione a parte) in 20 anni, soldi che diversamente avrebbe dovuto mettere il pubblico, cioè noi, sottraendoli ad altre voci di spesa.
      Il Privato da lavoro a circa 90 persone, assunte con logica privata (senza favoritismi e concorsi ad hoc, tipici del pubblico), inoltre il privato garantisce una gestione, appunto, guidata da logica d’impresa, quindi in tutto e per tutto migliore di quella pubblica.
      La parte in gestione della Villa Reale è visitabile dal pubblico a prezzi a mio avviso sin troppo bassi per la maggior parte dei giorni all’anno, quindi non c’è nessuno spoglio della possibilità di visitarla.

      Venaria Reale (Torino) costa al PUBBLICO circa 20.000 euro al giorno. Ripeto: ha una perdita di circa 20.000 euro per giorno, ovvero circa 7.300.000 milioni all’anno.

      La Villa Reale costa al PUBBLICO circa ZERO euro al giorno, pur essendo visitabile al 100% nelle parti in gestione al privato.

      Trova anche tu la differenza tra una gestione pubblica ed una privata!!!

  4. Barattieri, Perego, la VOSTRA disinformazione impera!!!

    Voi, come la maggior parte dei cittadini, anche grazie alla DISINFORMAZIONE propagandistica messa in giro dal comitato e da tutta la pletora sinistroide monzese, non avete la minima idea dei valori in gioco con questo progetto.

    Avete le idee molto confuse, ora ve le chiarisco. Se non mi credete, problemi vostri. Avete avuto anni per partecipare ad incontri e conferenze stampa di presentazione del progetto ed ora, se volete, potete verificare il tutto presso Regione Lombardia, Infrastrutture Lombarde, Comune di Monza e Consorzio.

    Il Privato ha ricevuto parte di fondi pubblici per il recupero della Villa. La restante parte, circa 6 milioni, non 4, li ma messi di tasca sua. Inoltre ha gestito il cantiere in soli 2 anni, record non solo italiano ma europeo. Questo è un valore implicito difficilmente quantificabile ma MAI il pubblico avrebbe agito in questi tempi.
    Il Privato si accolla tutti i costi di gestione, di manutenzione ordinaria e di manutenzione straordinaria per la durata della convenzione. L’importo stimato è di circa un milione di euro all’anno. Sapete moltiplicare per 20 anni? Fa circa 20 milioni, che sommati ai 6 investiti, porta il totale a 26 milioni.

    Sapete quante ATI hanno partecipato al bando? Tre. Di cui una esclusa per mancanza di requisiti. Se il bando fosse stato cosi conveniente, perché non hanno partecipato in 200? Perché non avete partecipato voi? Forse perché per gestire un’operazione del genere, più unica che rara, servono competenze difficilmente reperibili.
    Per altro, in Villa lavorano direttamente circa 100 persone, che con buona probabilità sarebbero disoccupati se il progetto non fosse stato realizzato.

    Ecco, questi sono i numeri. Che, come noto, sono difficilmente contestabili.

    Poi, e qui si apre un mondo, meglio poter visitare lo splendore della Villa Reale sapendo che un privato ci guadagna (e meno male che qualcuno ha ancora le palle di fare attività imprenditoriale in questo cazzo di paese!!!) piuttosto che vedere la villa a pezzi solo per accontentare qualche rottame sinistroide.

    I vostri slogan non reggono più, i fatti vi contraddicono. Vi suggerisco di andare a visitare la Villa Reale, la sua grandiosità vi farà passare ogni dubbio!

    P.s. in una recente conferenza stampa il PD ha dichiarato che il merito di tale recupero sarebbe loro. Reitero la mia dichiarazione: la gente ha la faccia come il culo! Altro che responsabili, incoerenti!

Articoli più letti di oggi

Desio, 32enne precipita dall’ecomostro di via Volta: gravissima

Ancora in corso la ricostruzione di quanto accaduto, che riporta alla luce la questione relativa alla sicurezza dell'area

Il Calcio Monza schiacciasassi, ma tra buche e code alla biglietteria

La squadra è una potenza, ma per i tifosi non è così facile accedere allo stadio: tre i maggiori problemi che abbiamo individuato che presto dovranno essere risolti.

Monza, un anno di Ponte Colombo chiuso. A breve la gara per la demolizione

I costi previsti per la demolizione e ricostruzione della passerella sono di circa 750mila euro

Scoperta officina abusiva: all’interno auto usate da rapinatori e spacciatori

i “titolari”, padre e figlio, sono stati denunciati, mentre per altre tre persone è stato proposto di foglio di via. Arrestato un quinto uomo

IKEA assume oltre 70 diplomati e laureati

L'azienda assumerà oltre 70 figure da inserire su tutto il territorio nazionale tra addetti vendita, consulenti, collaboratori..