18 Giugno 2021 Segnala una notizia
Vimercate, Dobfar chiede il doppio dei rifiuti: sindaci sul piede di guerra

Vimercate, Dobfar chiede il doppio dei rifiuti: sindaci sul piede di guerra

23 Gennaio 2015

Presentato un progetto di ampliamento al comune di Vimercate e alla Provincia di Monza dall’azienda Dobfar per la gestione e il trattamento di rifiuti speciali. Documento però che sta facendo storcere il naso a tanti, tra cui anche i primi cittadini di Agrate e Concorezzo.

L’azienda chimico-farmaceutica Dobfar, da anni sul territorio di Vimercate, al confine con i comuni di Agrate e Concorezzo, ha presentato un progetto per potrebbe farla diventare il centro unico di trattamento di rifiuti speciali e pericolosi in Italia.

In dettaglio, come si legge nel documento inviato in municipio, si chiede di estendere da 80 a 150 metri cubi al giorno il quantitavo massimo di rifiuti speciali pericolosi da sottoporre a trattamenti biologici e chimico fisici (D8 e D9 le sigle) per un totale di 54.750 metri cubi all’anno, in pratica il doppio trattato fino ad oggi. A Vimercate la Dobfar vorrebbe anche trattare fusti in ferro e plastica contenenti sostanze pericolose, facendo il centro unico di stoccaggio per l’Italia raggiungendo un volume di 192.720 fusti trattati all’anno.

Tutte richieste che hanno messo sul piede di guerra i cittadini della Cascina Morosina, a poche decine di metri dallo stabilimento, che nel corso degli anni hanno più volte avvertito odori nauseanti provenienti dall’azienda oltre all’incidente del 2008 che aveva scaturito una nube dai capannoni dell’azienda, fortunatamente non tossica per la salute.

“Rispetto a un raddoppiamento dei rifiuti stoccati nell’area dell’azienda sono totalmente contrario – afferma il sindaco di Agrate, Ezio Colombo – l’azienda è sul territorio di Vimercate ma gli odori molesti, ed eventuali inquinamenti della falda acquifera ricadrebbero sempre sul mio comune. A breve incontrerò l’assessore provinciale all’Ecologia, Pietro Virtuani, e il sindaco di Vimercate per parlare con loro”. Contrario a un raddoppio dello stoccaggio di rifiuti anche il sindaco della limitrofa Concorezzo, Riccardo Borgonovo. Più cauto invece l’assessore e vicesindaco di Vimercate, Corrado Boccoli: “Siamo ancora in una fase preliminare dove i tecnici degli uffici comunali stanno facendo le oppurtune verifiche del caso  – spiega Boccoli – Oltre a noi anche la Provincia, l’Arpa e l’Asl dovranno valutare la richiesta e quindi non mi sembra il caso di fare valutazioni di tipo politico in questa prima fase. Sicuramente della valutazione di fattibilità discuteremo anche con i sindaci del territorio per trovare la soluzione migliore e condivisa”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Lorenzo Giglio
Classe 1981, giornalista pubblicista, ho sempre cercato la verità bella o brutta che sia in tutto ciò che mi circonda. Amante dell'arte, della fotografia e soprattutto del rock, non mi tiro mai indietro se devo guardare una bella partita di calcio. Non mi piacciono gli schemi prestabiliti e trovo troppo strette le appartenenze di partito, anche perchè come dicevano i Queen: "Anyway the wind blows doesn't really matter to me".


Commenti

  1. Grimoldi dice:

    E’ sempre il solito problema….basterebbe che si facesse un centro per tali rifiuti ogni 2-3 milioni di abitanti ( non meno di 2 per regione ) e si risolverebbero parecchi problemi e costi annessi !

  2. ma scusate avete presente la cascina morosina e dintorni?e vi sembra un bello spettacolo?il Sindaco iniziasse a riqualificare la zona e poi ne parliamo..perche’ non pensa anche alla spazzatura che ci portera’ il nuovo centro cinese al confine di carugate?state sempre a pensare e a puntare il dito contro l’acs dobfar che invece dedica moltissimi sforzi sia alla sicurezza ambientale che alla sicurezza del lavoro…da ricordare che e’ una delle pochissime aziende in crescita e che da lavoro anche a tanti giovani della zona..solo per i colori che sono stati utilizzati per decorare l’azienda meriterebbe un premio…almeno c’e’ una nota di colore in tutto questo grigiore mentale!

Articoli più letti di oggi