19 Giugno 2021 Segnala una notizia
Vimercate: bocciata la proposta di schierarsi parte civile al processo "Sottocasa"

Vimercate: bocciata la proposta di schierarsi parte civile al processo “Sottocasa”

30 Gennaio 2015

La minoranza del consiglio comunale chiede che il comune si costituisca parte civile al processo “Sottocasa”. La maggioranza boccia la proposta. E non passa.

Inizierà lunedì prossimo il processo sui presunti abusi edilizi sull’ala privata di villa Sottocasa, che fra gli altri vede imputati il sindaco di Vimercate Paolo Brambilla e l’ex vicesindaco Roberto Rampi per omessa denuncia. Oltre a loro, anche alcuni dipendenti del comune di Vimercate, fra cui il dirigente del settore urbanistica, Bruno Cirant e il titolare dell’azienda proprietaria dell’ala nord della villa, Ivo Redaelli.

Martedì sera tutti i consiglieri di minoranza compatti hanno presentato la mozione per chiedere la “Costituzione come parte civile del comune di Vimercate nel processo “Sottocasa”. Il sindaco, essendo coinvolto nel processo, ha deciso di astenersi dalla discussione. Lo stesso ha fatto il consigliere di Sel, Corrado Filincieri, che non ritenendo l’aula di un consiglio comunale il luogo adatto a discutere di un processo, ha deciso di non partecipare alla votazione. Il presidente del consiglio comunale, Giorgio Brambilla, ha anche fatto sapere che il consiglio comunale “non ha competenza a costituirsi parte civile al processo stante le normative e le leggi attualmente in vigore”: i capigruppo hanno comunque deciso di portare la mozione in consiglio:

“Vogliamo tutelare la nostra città in questo processo che ne può ledere l’immagine, e chiediamo quindi che ci si costituisca parte civile: se questo, come detto dal presidente del consiglio Brambilla non è possibile, chiedo ai consiglieri di maggioranza di trovare una soluzione alternativa” – ha affermato il consigliere del Movimento cinque stelle, Francesco Sartini. Lo stesso concetto espresso dal capogruppo della Lega Nord, Elio Brambati. A farsi portavoce del Pd, il capogruppo in consiglio comunale, Franzosi, che dopo aver riassunto tutta la storia della villa Sottocasa, ha attaccato l’opposizione: “In questi anni noi abbiamo sempre difeso la villa Sottocasa e la sua immagine: cosa che non ha fatto la minoranza che ha sempre osteggiato la villa, il suo acquisto, contro la tutela e che ora non perde tempo nel cercare di screditarla, capace di strumentalizzare anche il possibile abuso del privato, per una battaglia tutta di parte e non a difesa del bene e della città”.

Dura la controreplica di Elio Brambati della Lega Nord che parla di una maggioranza “che se ne frega di tutta la questione e di un confronto democratico con l’opposizione, capace solo di parlare della storia della villa Sottocasa e non della nostra città”.

La mozione è stata respinta dai voti della maggioranza.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Lorenzo Giglio
Classe 1981, giornalista pubblicista, ho sempre cercato la verità bella o brutta che sia in tutto ciò che mi circonda. Amante dell'arte, della fotografia e soprattutto del rock, non mi tiro mai indietro se devo guardare una bella partita di calcio. Non mi piacciono gli schemi prestabiliti e trovo troppo strette le appartenenze di partito, anche perchè come dicevano i Queen: "Anyway the wind blows doesn't really matter to me".


Articoli più letti di oggi