Attualità

Scuola Sabin, ancora polemica sul murales. Lega: “Vergognoso”

La street art della scuola media Sabin di Monza continua a far discutere. Ad infiammare il dibattito ora ci pensa la Lega Nord.

scuola media sabin monza murales mb 1

La street art della scuola media Sabin di Monza continua a far discutere. Dopo il botta e risposta tra il Comitato San Fruttuoso 2000 e l’assessore alla Politiche Giovanili, Egidio Longoni, ad infiammare il dibattito ora ci pensa la Lega Nord.

Massimiliano Romeo

Massimiliano Romeo

«Vergognoso spendere decine di migliaia di euro per i murales all’’esterno delle scuole quando all’’interno vi sono infiltrazioni d’’acqua e altre situazioni di pessima manutenzione e di degrado».” Così il capogruppo della Lega Nord al Pirellone, il monzese Massimiliano Romeo, è intervenuto in merito all’episodio riguardante la scuola media Sabin a San Fruttuoso di Monza.

«“I cittadini di San Fruttuoso hanno mille ragioni a protestare contro un intervento del genere, che non tiene conto della realtà e delle vere necessità non solo di chi frequenta la scuola, ma dell’’intero quartiere che pare non aver apprezzato il murales nemmeno dal punto di vista artistico».

Egidio Longoni

Egidio Longoni

Sulla validità dell’opera d’arte l’assessore Longoni, è di tutt’altro parere. Solo pochi giorni fa il rappresentate monzese aveva dichiarato che “La politica non deve occuparsi solo di strade e manutenzione. Noi non ci arrendiamo al degrado in città. L’artista, è noto per le sue opere, la validità del murales è indiscutibile”.

La risposta dell’assessore comunale non però non ha convinto il rappresentante lumbard che ha aggiunto: ” Le cospicue risorse dei cittadini spese per queste “opere” si sarebbero potute utilizzare in altro modo. Sono moltissimi gli interventi in ambito culturale che vengono lasciati all’iniziativa dei privati perché il Comune non ha soldi o dice di non averne. Personalmente, piuttosto che spendere 250 mila euro in discutibili murales, avrei proposto di impiegare questi soldi per rimuovere le scritte dai muri e ripristinare un minimo di decoro urbano nella nostra città».

commenta