19 dicembre 2018 Segnala una notizia
Monza-Pro Patria 2-2. I calciatori "fanno le valigie" (oltre a comprarsi il cibo!)

Monza-Pro Patria 2-2. I calciatori “fanno le valigie” (oltre a comprarsi il cibo!)

7 gennaio 2015

Si salvi chi può. Il 2-2 tra Monza e Pro Patria maturato ieri al Brianteo chiude il girone d’andata del campionato, ma non interrompe, anzi allunga l’incubo dei tifosi biancorossi, andati “a dormire” la scorsa estate sognando la promozione e ora in preda a visioni di retrocessioni e fallimenti.

 

La classifica sorride ancora alla compagine allenata da Fulvio Pea, ma non per molto. L’esodo di massa dei giocatori, che si stanno svincolando a causa del mancato pagamento degli ultimi cinque stipendi, e l’avvicinarsi della chiusura del mercato invernale (il prossimo 2 febbraio) aumentano le possibilità che il Monza disputi il girone di ritorno con la formazione Berretti, il che equivarrebbe a discesa in Serie D al 99%. La Pro Patria, che ha quasi gli stessi guai societari dei brianzoli ma ha pure già un piede tra i dilettanti (è terzultima), ha oggi contribuito ad aumentare questo rischio togliendo 2 preziosissimi punti alla compagine locale.

 

calcio-monza-brianteo-bingham-mbNaturalmente anche oggi il neoproprietario e amministratore unico del club Dennis Bingham non si è visto (pare che nei giorni scorsi abbia subito un’operazione chirurgica) e la ricapitalizzazione richiesta per Legge non c’è stata, però il presunto imprenditore inglese ha trovato il modo con una serie di sms di assicurare un suo “anticipato” (avrebbe già dovuto essere qui da giorni, ndr) ritorno a Monza, ora previsto per dopodomani, e il licenziamento per coloro che fossero scoperti in contatto con l’ex amministratore delegato Maurizio Prada.

 

Siccome qualcuno ne ha piene le scatole di promesse non mantenute, domani dovrebbe essere avviato l’iter per la presentazione in Tribunale di un’istanza di fallimento, il cui eventuale accoglimento dovrebbe portare alla concessione dell’esercizio provvisorio e all’autorizzazione dell’affitto dell’azienda a terzi, che potrebbero essere una delle tre cordate che erano interessate a rilevare il Monza (quella a guida veneta, quella brianzola e quella di matrice svizzera), ma anche un ex dirigente di una società di calcio interessato a rientrare nel giro.

 

calcio-monza-stadio-brianteo-sala-stampa-squadra-mbDi certo c’è che i giocatori la loro decisione ormai l’hanno presa. A metà dicembre quattro di loro (Virdis, Radrezza, Hetemaj e Burrai) avevano chiesto a Bingham e ottenuto la rescissione consensuale del contratto. Altri dodici tesserati aspetteranno lo svincolo che concederà loro il Collegio arbitrale della Lega Pro nei prossimi 16 gennaio (Beduschi, Anghileri, Anastasi, Perini, Vita, Briganti e Zullo) e 23 gennaio (Massoni, Franchino, D’Alessandro, Foglio e Gasbarroni) a seguito della richiesta di messa in mora avanzata dagli stessi lo scorso 6 novembre. Se qualcuno di questi rimarrà in biancorosso lo farà solo se entro il giorno dell’udienza Bingham provvederà a pagare almeno gli stipendi di settembre e ottobre (a quello di agosto i giocatori e lo staff tecnico ormai hanno rinunciato). Poi ci sono almeno tre calciatori (Viotti, Margiotta e Zigoni) che sperano nel ritorno di Bingham perché firmi l’accordo consensuale di rescissione del contratto.

Oggi Pea ha dovuto rinunciare agli squalificati Zullo e Vita, agli ammalati Anastasi e Anghileri (quest’ultimo si è svegliato con l’influenza) e a Zigoni, ormai fuori rosa. E così si è portato in panchina per la prima volta Cristian Berchicci, ingaggiato due mesi e mezzo fa (era svincolato) senza darne comunicazione (la scorsa stagione militava nella Berretti de L’Aquila), Luca Palesi della Berretti e Andrea Gasbarroni, il fantasista recuperato dalla pubalgia dopo otto mesi, tra l’altro subentrato a 16’ dal triplice fischio. Inoltre ha richiamato Alessandro Bollini Frigerio degli Allievi Nazionali, che pertanto ha dovuto rinunciare alla partita amichevole della Nazionale Under 16 di Lega Pro contro gli Allievi Nazionali dell’Empoli in programma a Coverciano proprio oggi. Sono diventati, o tornati, titolari il recuperato da infortunio Beduschi in difesa, D’Alessandro, Pessina e Foglio a centrocampo e Grandi in attacco; quest’ultimo da quando è a Monza non era mai andato neppure in panchina in una partita ufficiale.

 

calcio-monza-stadio-iacopino-mbPoco prima dell’inizio del match si rivede in Tribuna Vip Plus l’ex capitano biancorosso Vincenzo Iacopino, svincolato dalla scorsa estate dopo l’esperienza alla Pro Sesto. Il regista, assente dal Brianteo dal 20 maggio 2012, gara di andata dei play-out di Prima Divisione, a 38 anni e mezzo ha ancora voglia di giocare ma solo se a Monza o nelle vicinanze. Vista la situazione dalle parti del centro sportivo Monzello non è da escludere un suo clamoroso ritorno in maglia biancorossa.

 

L’avvio di gara è scoppiettante: al 2’ il Monza centra un clamoroso palo con Pessina di testa in tuffo su cross dalla sinistra di Margiotta. Al 7′ proprio Margiotta ci prova da fuori, ma la conclusione è a lato. Al 12′ la Pro Patria passa in vantaggio: l’ex biancorosso Candido batte un calcio di punizione dalla destra e Anderson, anch’egli in prestito dal Monza, di testa beffa l’intera retroguardia brianzola. La squadra di Pea reagisce subito: dopo 2’ Grandi serve di tacco Margiotta che fa proseguire la sfera per Pessina, abile a entrare in area e a gonfiare la rete con un forte diagonale. L’esordio da titolare in campionato per il 17enne figlio dell’ex revisore dei conti del club Fabio è strepitoso; nella ripresa il suo rendimento calerà un po’, ma l’augurio è che d’ora in avanti trovi lo spazio per maturare più in fretta. Ancora lui è protagonista al 19’, quando di testa costringe Melillo a una difficile respinta in tuffo. Al 26’ il Monza raddoppia: Foglio serve al limite dell’area avversaria Grandi che è spalle alla porta; il centravanti stoppa la palla, si gira di 90 gradi e con un gran sinistro batte Melillo. Per la squadra di casa è un gran momento e sembra che, nonostante le assenze, non possano sfuggirle i 3 punti. Al 29’ Margiotta accarezza la traversa con un calcio di punizione. Al 34’ la Pro Patria ci prova con Giorno da lontano, ma la sfera passa alta. Al 39’ si registra l’episodio che cambia il corso della partita: Foglio, già ammonito all’8’ per un fallaccio su Andrea Ulizio, figlio di Mauro, ex detestato direttore generale del Monza, interviene duramente su D’Errico e si becca il secondo cartellino giallo e dunque viene espulso. I locali passano al 3-5-1 e iniziano a soffrire. Al 40′ Viotti salva di piede su una botta di Candido e al 44′ Ulizio dal limite calcia debolmente consentendo al numero 1 di casa una facile parata.

 

La ripresa non è bella a vedersi e la maggiore emozione, gol del 2-2 a parte, la provoca Ulizio quando viene sostituito al 17’: la sua uscita dal campo è infatti accompagnata da una bordata di fischi. Successivamente il suo cognome viene scandito anche dagli ultras della Pro Patria, ma assieme a un “vaffa…”. Secondo alcuni “rumors” il padre starebbe trattando l’acquisizione della società di Busto Arsizio assieme ad alcuni amici e conoscenti. Al 25’ un tiro da lontano di Giorno è respinto da Viotti. Al 29’ nella Pro Patria viene sostituito il terzo ex biancorosso: Terrani. Al 36’ arriva la beffa, anche perché a firmarla è pure stavolta uno dei tre prestiti: Candido. Il fantasista calcia molto bene e grazie a una deviazione di Franchino uccella Viotti.

La partita finisce senza altri sussulti e i giocatori del Monza escono dal campo senza salutare gli ultras. Evidentemente la rissa scatenatasi tra di loro due giorni prima al Monzello ha lasciato il segno.

 

calcio-monza-pro-patria-stadio-brianteo-lancini-tosi-mbIn sala stampa l’allenatore dei “tigrotti” Marco Tosi viene stuzzicato sulla sua amicizia con Mauro Ulizio. “Qualcuno mi ha visto parlare in un posto con Ulizio, ma io ero lì per chiedergli se c’era la possibilità che due giocatori del Monza venissero a giocare con noi, essendo il direttore sportivo Fabio Tricarico (anche lui ex giocatore biancorosso, ndr) impegnato da altre parti. Se uno dei due è Perini? È da una vita che questo giocatore mi piace tantissimo… Speriamo che la società rinforzi la squadra per centrare l’obiettivo della salvezza”.

 

 

calcio-monza-stadio-brianteo-ravasi-pea-mbPea non ha voluto parlare della partita (era autorizzato da Bingham solo per quella): è entrato e, rimanendo in piedi, ha detto: “È calcio questo? Oggi siamo andati a comprarci la pasta, la crostata, la bresaola e ci siamo cucinati le cose da noi… Questo non è calcio! Una cosa così è impensabile. I giocatori hanno fatto alla grande il loro dovere, ma adesso ci salutano perché gli uomini non possono essere trattati così”.

 

 

calcio-monza-stadio-brianteo-sala-stampa-viotti-mb

Viotti, anch’egli violando il silenzio stampa, ha voluto salutare i tifosi, ma non solo: “Ho avuto una proposta da una società di Serie B e dunque non faccio più parte del Monza. Vorrei ringraziare la gente, ringraziare i giornalisti, ringraziare i miei compagni coi quali ho trascorso sei mesi devastanti, ringraziare lo staff tecnico, in primis ‘mister’ Pea, ringraziare gli addetti e i magazzinieri. Siamo capitati in mezzo a delinquenti, farabutti. Io per il Monza ho rifiutato cinque squadre di Divisione Unica, ma quando mi è arrivata la proposta da una di Serie B ho ritenuto giusto andar via per cercare la felicità. Me ne vado a malincuore. Me ne vado a testa alta. Sono orgoglioso di aver fatto parte di questo gruppo di uomini. Altri non lo sono”.

 

calcio-monza-stadio-brianteo-squadra-pasini-califano-mbInfine il vero colpo di scena: in sala stampa si sono presentati il direttore sportivo Gianni Califano, il direttore tecnico Alfredo Pasini, i componenti dello staff tecnico e gran parte della rosa dei giocatori. Califano a nome di tutti ha letto un comunicato (in barba al silenzio stampa): “La nuova proprietà da giorni non entra in contatto con la dirigenza biancorossa, la quale si trova in enorme difficoltà nel poter gestire la situazione su più fronti. In primis gli alloggi di staff e giocatori residenti in EuroHotel (ai titolari del quale vanno pubblici ringraziamenti), che da oggi non può più ospitare gratuitamente, così come l’annesso ristorante Argentèe e il servizio di ristorazione al Monzello del signor Marco Cavallo (anch’egli da ringraziare) non possono più farci credito (e ciò aumenta pesantemente il disagio della squadra). La mancanza dei salari di dipendenti e tesserati non permette alla dirigenza di avere più ascendente su di loro, che fino ad oggi hanno dato tantissimo, e inoltre non consente di poter dare ai giocatori la possibilità di continuare degnamente la carriera in altri club (anche se molti vorrebbero restare per amore di questa maglia) non potendo operare sul mercato e quindi neanche di garantire ricambi alla rosa dell’allenatore. Lo stesso problema si ripercuote sul settore giovanile, dove i ragazzi chiedono trasferimenti altrove ed i loro allenatori soffrono lo stesso problema economico che coinvolge tutti quanti collaborano con il club. Riteniamo quindi doveroso evidenziare che la situazione è diventata insostenibile: tutti in società e in campo hanno dato fino ad oggi il massimo possibile per far sì che le cose si sistemassero, alimentati unicamente dalla loro passione, dalla loro professionalità e dalla speranza che le promesse fatte si concretizzassero. Oggi è l’ultima giornata di andata: la squadra e lo staff hanno fino a qui garantito senza remore il massimo impegno ma da domani nessun dirigente della società si prenderà la responsabilità di una normale continuità delle attività dell’Ac Monza Brianza 1912”. In pratica molti giocatori non si alleneranno e giocheranno più col Monza nonostante il vincolo contrattuale. Califano ha aggiunto: “Non permettere ai giocatori di andare in un altro club vuol dire rovinare le loro famiglie: se in questi giorni si dovessero infortunare cosa diciamo loro? La Lega Pro e la Figc saranno informate di questa situazione. Io non potrei firmare dodici nullaosta, utili solo a permettere ai giocatori di allenarsi altrove, però non escludo di farlo già domani. Che notizie abbiamo di Bingham? Vogliamo certezze, non notizie”.

 

Pasini ha voluto aggiungere una riflessione: “Con il passaggio della società a Bingham sembrava che i problemi sarebbero stati risolti e invece ci ritroviamo punto e a capo. Quello che sta succedendo non è serio. I nostri giocatori non sono di Serie A, non hanno stipendi da favola”.

 

Anche il Monza Club Libertà ha pubblicato un comunicato, ma ieri sul proprio profilo Facebook: “Il Monza Club Libertà si appella alle istituzioni affinché tutelino il buon nome del Calcio Monza, dei suoi tifosi e della città dalla gestione piratesca di questa pseudo proprietà. Inoltre rinnova il suo ringraziamento alla squadra per come ha onorato la nostra maglia in momenti tanto difficili e augura ad ognuno dei giocatori le migliori fortune dal punto di vista umano e professionale: per voi da noi, anche da avversari, ci sarà sempre un applauso. Grazie ragazzi!”

Domenica alle ore 18 il Monza tornerà in campo a Novara contro la corazzata azzurra: va bene che fa freddo ma il rischio di un cappotto è concreto.

 

MONZA BRIANZA-AURORA PRO PATRIA 2-2 (2-1)

MONZA BRIANZA (3-5-2): Viotti; Beduschi, Briganti, Massoni; D’Alessandro, Pessina, Perini, Foglio, Franchino; Margiotta, Grandi (34’ s.t. Gasbarroni). A disp.: Chimini, Berchicci, Rampi, Dal Poggetto, Palesi, Bollini Frigerio. All.: Pea.

AURORA PRO PATRIA (4-3-3): Melillo; Guglielmotti, Botturi (8’ s.t. Taino), Anderson, Gerolino; Ulizio (17’ s.t. Moscati), Arati, Giorno; D’Errico, Candido, Terrani (29’ s.t. Cannoni). A disp.: Perilli, Casantini, Zaro, Romeo. All.: Tosi.

ARBITRO: Balice di Termoli.

MARCATORI: 12′ p.t. Anderson, 14’ p.t. Pessina, 26’ p.t. Grandi, 36’ s.t. Candido.

NOTE: calci d’angolo 5-5; ammoniti Grandi, Margiotta, Massoni, D’Errico e Terrani; espulso al 39′ p.t. Foglio per somma di ammonizioni; recupero 1′ e 5′; spettatori paganti 155 per un incasso di 1645 euro, abbonati circa 1100 (quota abbonati non comunicata).

 

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Camillo Chiarino
Monzese da sempre, ma frequento assiduamente la Brianza perché amo la quiete e la natura. In particolare adoro la Valsesia, la terra dei miei antenati paterni. Giornalista professionista "tuttologo", mi piace scrivere in particolare di politica e sport. Sono tifoso di tutte le squadre cittadine di qualsiasi disciplina e seguo da vicino le partite del Monza 1912, della Vero Volley Monza e della Saugella Monza. A proposito di pallavolo, l’ho praticata per 17 anni in società della zona, ma quando capita non mi tiro indietro a giocare a nulla, soprattutto se l’invito arriva da una esponente del gentil sesso… Mi piace molto navigare in internet, visitare mostre e monumenti e assistere a concerti, in particolare di musica folk e celtica.


Commenti

  1. Sei stato il primo giornalista a scoprire la situazione…complimenti!

Articoli più letti di oggi

Monza e Brianza, mercoledì sera previsti fino a 5 cm di neve

Nessuna particolare criticità è prevista dalla Protezione civile. La neve arriverà domani sera.

Brugherio, agente di polizia penitenziaria trovata morta in strada

La donna è stata trovata nella sua auto parcheggiata nella zona industriale. Dalle prime ricostruzioni sembra un gesto volontario: si sarebbe tolta la vita con un colpo di pistola

Monza, la Provincia ci riprova con la tangenzialina dell’ospedale

Dopo avere bandito la gara d'appalto, l'ente di via Grigna sta affidando i lavori per il completamento della Sp6. Valore dell'appalto: 2,7 milioni di euro

Villa Reale, i fuochi d’artificio della festa privata fanno infuriare il sindaco

I fuochi d'artificio in Villa Reale fanno il "botto" in consiglio comunale facendo infuriare il primo cittadino, nonché presidente del Consorzio, Dario Allevi. 

Buzz avvelenato. “Come fanno ad esistere persone così perfide?”

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera. Il cane di due persone è stato avvelenato ad Oreno. "Fate attenzione quando tenete il cane in giardino"