19 Giugno 2021 Segnala una notizia
H1N1, che cos'è questo virus? Un ceppo influenzale noto dal 2009

H1N1, che cos’è questo virus? Un ceppo influenzale noto dal 2009

22 Gennaio 2015
Il virus A-H1N2, balzato agli onori di cronaca per la sua diffusione nel 2009, è oggi tranquillamente prevenibile sottoponendosi al vaccino.
A differenza di 6 anni fa, quando era sconosciuto, oggi rientra nella norma quale diffusione del virus sebbene possa divenire pericoloso su persone con patologie pregresse e conclamate, anziani e bambini molto piccoli.
Le caratteristiche di questo virus sono quindi paragonabili a quelle di una qualsiasi altra influenza, dalla quale con la debita terapia farmacologica, si guarisce senza conseguenze.
Il virus A(H1N1) è un’infezione acuta a carico dell’apparato respiratorio, che si manifesta con sintomi generalmente simili a quelli delle influenze stagionali: febbre, tosse, mal di gola, nausea, cefalea, dolori muscolari. iI è il rischio di complicanze gravi (polmonite ed insufficienza respiratoria) – anche se minore rispetto a quello della influenza stagionale –  per persone affette da patologie croniche (malattie respiratorie compresa l’asma, fibrosi cistica, malattie cardiocircolatorie, diabete, malattie renali, malattie congenite, anemie, ecc.) o con scarse difese immunitarie.
Il virus si trasmette per via aerea, ed è quindi necessario (come per le altre forme di influenza) prendere le dovute precauzioni, quali:  coprire naso e bocca in caso di starnuti o tosse, lavare con attenzione le mani con acqua e sapone o con soluzione idroalcolica, evitare contatti ravvicinati soprattutto con persone che potrebbero essere malate, arieggiare bene l’ambiente in cui si vive aprendo le finestre o garantendo il corretto funzionamento degli impianti di condizionamento, praticare comportamenti igienici quali: dormire un tempo adeguato, alimentarsi in modo corretto privilegiando il consumo di frutta e verdura di stagione e svolgere regolare attività fisica.
Per chi volesse vaccinarsi, è ancora possibile farlo rivolgendosi al medico di base.
 La delusione per l’andamento della campagna vaccinale aumenta davanti ai risultati delle analisi che evidenziano, nel 67% dei contagi, la presenza del virus H1N1, quello della suina, inserito nelle dosi vaccinali.

Di certo è che la malattia ha anticipato i tempi e che i ritmi del contagio sono molto sostenuti, tanto da prevedere numeri decisamente superiori a quelli degli scorsi anni. 

Il picco in Lombardia, dunque, dovrebbe arrivare nei prossimi 15 giorni: una situazione che comincia già a pesare nei diversi pronto soccorso degli ospedali.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Matteo Riccardo Speziali
Chi sono? Matteo Riccardo Speziali, una vita nel cercare di scoprirlo (chi sono) e nel frattempo il raccontare fatti, il ricercare notizie mi tengono molto occupato. Scrivo da sempre e nel 2008 sono tra i soci fondatori di MB News che dirigo. Quando non scrivo (e non dirigo),mi piace leggere, soprattutto gialli, mi piace cucinare (e mangiare) e mi piace correre. Se avete qualche bella storia da raccontarmi o se volete denunciare un fatto chiamatemi 039361411


Articoli più letti di oggi