22 Giugno 2021 Segnala una notizia
Giardino per Lea Garofalo, Monza delibera uno spazio per la lotta alla mafia

Giardino per Lea Garofalo, Monza delibera uno spazio per la lotta alla mafia

26 Gennaio 2015

A Monza sorgeranno un giardino per la floricultura ed un orto didattico intitolato a Lea Garofalo. Il Comune di Monza ha deliberato di voler intitolare uno spazio verde alla quarantenne vittima di mafia, uccisa a Milano nel 2009 per aver collaborato con la giustizia denunciando il compagno quale appartenente alla criminalità organizzata e poi bruciata in un campo nel quartiere San Fruttuoso a Monza. Proprio nel quartiere dove sono stati rivenuti i resti di Lea, la Giunta monzese ha deciso di realizzare un’area verde dall’approccio “educativo” con l’obbiettivo di mettere l’accento ai temi di legalità, giustizia e contrasto alle mafie.

Il progetto, presentato in Giunta dall’Assessore Antonio Marrazzo, per il Comune ha una forte “valenza educativa e culturale, volta a promuovere e consolidare una più forte coscienza civile di adesione ai valori profondi di legalità e rispetto delle istituzioni, che sono principi fondanti dell’azione pubblica, e che questa amministrazione considera propri e inderogabili”, come definito nella delibera di Giunta. Lo spazio, quasi certamente identificato nel parco della Boscherona, nella zona del quartiere San Fruttuoso, dovrebbe essere di circa 500 mq, nei quali verranno realizzati un orto didattico ed un giardino per la floricultura che possano consentire lo svolgimento di attività didattiche.

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi