26 Luglio 2021 Segnala una notizia
Monza, ecco tutte le novità del trasporto pubblico 2015

Monza, ecco tutte le novità del trasporto pubblico 2015

31 Dicembre 2014

Il nuovo anno porterà con sè diverse novità nel trasporto pubblico locale di Monza. Dal 2 gennaio 2015, infatti, una parte della rete di trasporto pubblico passa di competenza al capoluogo brianzolo, in particolare le linee di autobus interne e quelle che collegano il capoluogo con i Comuni limitrofi.

La principale novità riguarda l’istituzione di 2 linee festive (z211 e z212), al posto delle linee feriali, che collegheranno Monza da nord ovest (Ospedale) a sud est (Sant’Albino) e da nord est (Libertà) a sud ovest (San Fruttuoso), ogni 35 minuti. Il percorso è quello delle vecchie linee notturne con in più il transito in San Fruttuoso.
Il Comune di Monza inoltre cala un asso dalla manica: altra novità è l’aumento dell’offerta di bus verso la Villa Reale, grazie alla modifica del percorso della z204 e il nuovo collegamento con l’area di viale Elvezia (CAM) e del polo istituzionale (Provincia).

Sostanzialmente orari e percorsi rimangono quasi invariati, eccetto:

  • z204: ritorna al suo antico percorso (via Regina Margherita, Villa reale, viale Brianza, via Bellini, via Donizetti, Via Ramazzotti (ingresso est Ospedale) per poi proseguire per vedano; solo tre corse in orario scolastico proseguono per Lissone
  • z203: da Cologno M2, Brugherio e S. Donato è prolungata da Porta Castello al Centro, San Biagio e quindi a Muggiò; mantiene l’attuale frequenza di 20 minuti nei giorni feriali con deviazione presso CAM e sede Provincia di Monza e Brianza dalle 7.00 alle 19.30 dei giorni feriali.
  • z205: percorso invariato con servizio intensificato nel periodo feriale invernale con una frequenza di 20 minuti, mentre al sabato con una frequenza di 30 minuti.
  • z206: ripristinato il capolinea storico in via Pellegrini (Luca della Robbia. Segue un nuovo percorso (viale Sicilia, via Cantalupo, via Luca della Robbia, via Tiepolo). La fermata di capolinea in via Poliziano è soppressa.
    Le corse per via Pompei proseguono diritto in viale Sicilia.
  • z208: introdotta in via sperimentale una nuova corsa scolastica.
  • z209 e z219: limitate a Muggiò non raggiungono più Monza (sostituite da z203).

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Commenti

  1. MassimoC dice:

    Visto che la competenza passa alla provincia (a me a dire il vero risulta che sia così da sempre, dato che i trasporti sono proprio una delle pochissime cose per le quali le province hanno ancora competenza) cominciamo a darci un’identità: da subito, le serigrafie sui bus: non esiste che sui nostri bus campeggi ancora il logo della provincia di Milano e/o del comune di Milano: la proprietà di quei mezzi sarà pure di ATM, ma li paghiamo noi, li gestiamo noi ed è un nostro diritto apporre il logo della nostra provincia su di essi. Come del resto avviene in tutte le altre 12 province lombarde.
    Secondo step, un’unica azienda pubblica per i nostri trasporti: in nessun’altra delle province lombarde, il servizio pubblico è frazionato su 2 compagnie, ne si credi una soltanto per tutte le linee. In attesa di ciò, obbligare ATM a cambiare nome alla sua compagnia-satellite, la NET (nord-est trasporti): noi siamo la provincia di Monza, non il nord-est milanese. A Milano se ne facciano una ragione, non siamo più “cosa loro” e la smettano di denigrarci.
    Invito Ponti a essere un pò più di polso rispetto al suo predecessore e a prendere in considerazione quanto sopra. In particolare il primo e l’ultimo punto hanno una spesa irrisoria e aiutano a radicare un certo spirito d’identità a questa terra da sempre tanto bistrattata.

    • Sul trasporto pubblico c’è un caos totale.
      Monza, in quanto capoluogo di provincia, per le tratte urbane deve fare per legge da sola.
      Net, che è controllata da Atm, deve mollare al più presto Monza e la Provincia MB (lo ha ordinato la Corte dei Conti).
      La Provincia MB non ha margini economici e non è in grado di riorganizzare il trasporto in modo utile.
      Doveva partire dal 1° gennaio un’Agenzia finanziata da più comuni, ma non è partita e non si sa quando avverrà.
      Siamo in regime provvisorio, cioè il peggio di quanto (come da MassimoC evidenziato) era già pessimo.
      Vie d’uscita? Boh….

      • MassimoC dice:

        Nando, qualcosa non mi torna nel tuo discorso: anzitutto dici che Monza, in quanto capoluogo, deve fare da sola. I fatti sono andati in maniera non dico diversa, ma addirittura diametralmente opposta. Proprio all’indomani delle elezioni provinciali (2008 se ben ricordo) il comune di Monza ha venduto la nostra municipalizzata TPM all’ATM, che ha creato la NET. Ora, mi sembra strano che, se davvero la legge stabilisce quello che tu hai riportato, il nostro Comune sia andato in direzione opposta. Potrei crederlo al sud, ma non alle nostre latitudini.
        Se la provincia MB non ha i soldi, deve battere cassa a Roma, Ponti deve tirare fuori le palle e far la voce grossa. Ne sarà capace?
        Dico comunque che in una logica di libero mercato, questi vincoli non ci devono essere. Si fa una gara d’appalto per il trasporto pubblico e il migliore offerente, in rapporto tra prezzo e qualità del servizio offerto, se la aggiudica per il periodo prestabilito. Chissenefrega se sia l’ATM di Milano piuttosto che l’ATAC di Roma o l’ATAN di Napoli, o piuttosto una compagnia privata.

Articoli più letti di oggi