02 Agosto 2021 Segnala una notizia
Cem - Bea, prove tecniche di matrimonio

Cem – Bea, prove tecniche di matrimonio

20 Dicembre 2014

Via libera al matrimonio fra Bea e Cem. Le Assemblee dei soci  delle due multiutilty del settore energia e ambiente hanno detto sì al percorso che dovrebbe portare nel giro di un paio d’anni alla fusione. A Cavenago l’assemblea di CEM ha approvato l’aggregazione con il voto favorevole del 61% dei sindaci presenti (in totale l’81,56% su 49 soci), mentre a Desio l’assemblea di BEA ha detto sì con i 75,15% dei voti a favore.

L’operazione, che si è già attirata le critiche del Movimento 5 Stelle e della Lega, è però condivisa dal presidente della Provincia, Gigi Ponti. “La fusione è un fatto positivo – ha dichiarato Ponti -. Riusciremo a creare un ambito ottimale per la gestione dei rifiuti e aumenteremo la partecipazione dei sindaci alla società”. La fusione fra Cem e Bea dovrebbe portare alla creazione di un unico grande gestore capace di unire i Comuni della Brianza occidentale e quelli del vimercatese. «Grazie al lavoro intenso e scrupoloso di molti Consigli comunali dei nostri Comuni soci – dice Virginio Pedrazzi, amministratore unico di Cem Ambiente spa – siamo arrivati oggi a una consistente maggioranza che ci ha consentito di avviare concretamente l’importante progetto di collaborazione, prima, e fusione, poi, con Brianza Energia Ambiente”.

Bea e Cem procederanno ora allo studio di dettaglio del progetto di fusione che dovrà nuovamente essere presentato alle Assemblee dei Soci per la sua approvazione entro il 2016. «Il responso dei Comuni soci – rileva il presidente di Brianza Energia Ambiente spa, Silvio Boselli – conferma senza dubbi la bontà della strada che stiamo perseguendo, una sinergia vincente nell’ottica di un impatto sempre più virtuoso sul piano ecologico per il territorio e più vantaggioso in termini economici per i Comuni soci”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Commenti

  1. MassimoC dice:

    Guarda che Ponti può rispondere soltanto per l’inceneritore di Desio, che è nella nostra provincia, non per quello di Trezzo, che è di competenza della provincia di Milano (o area metropolitana che dir si voglia).
    Stante questo, in ogni caso queste sono scelte prese a livello nazionale: essendo tutti fratelli d’itaglia (come dice la canzone), le regioni del nord non possono rifiutarsi di accogliere i rifiuti del sud.

Articoli più letti di oggi