14 Novembre 2019 Segnala una notizia
Pedemontana sempre più vicina con la B1, parlano sindaci e associazioni (della B2)

Pedemontana sempre più vicina con la B1, parlano sindaci e associazioni (della B2)

20 Novembre 2014
piermario-galli-insieme-per-barlassina

Piermario Galli

Le ultime notizie su Pedemontana dicono che si aprirà a pedaggio la tratta B1 (Lomazzo – Lentate sul Seveso). Il collegamento tra B1 e la superstrada Milano-Meda verrà reso operativo in tempo per Expo, mentre bisognerà aspettare gennaio 2016 per l’inizio dei lavori della tratta B2 (Lentate sul Seveso – Cesano Maderno).

E il traffico? «Il 14 novembre è stato presentato in Regione Lombardia un nuovo studio del traffico commissionato da Pedemontana – spiega il sindaco di Barlassina, Piermario Galli -, secondo il quale l’apertura del tratto B1 non avrà un grande impatto: bene, ma ora vogliamo le opere di compensazione».

paolo-butti-sindaco-seveso-mb

Paolo Butti

«Nonostante l’aggiornamento del piano del traffico – ha commentato il primo cittadino di Seveso, Paolo Butti -, noi riteniamo che ci sarà un peggioramento».

Ancora più scettica è Rosella Rivolta, sindaco di Lentate: «Ci è stato ripresentato, con alcune integrazioni, lo studio che come sindaci avevamo contestato a suo tempo – ha dichiarato -: si afferma che l‘incremento del traffico atteso all’apertura di A + B1 è reale ma non impattante per il nostro territorio. Affermazione questa che non può essere condivisa: conoscendo bene quelli che sono già ora i tempi di percorrenza nelle fasce orarie di maggior utilizzo, è evidente che il maggior traffico si riverserà sulla viabilità comunale».

rosella-rivolta-sindaco

Rosella Rivolta

Da qui, l’esigenza di opere in sostegno della viabilità secondaria. Ma Pedemontana non era a corto di risorse? «Regione Lombardia potrebbe anticipare una parte dei soldi – ha riferito Galli -, ma ad oggi non sappiamo quanti e per quali opere: come Comune abbiamo fatto un elenco di priorità». «Ne discuteremo venerdì 21 in provincia – ha confermato Butti -. Ho chiesto a Maroni che si impegni nell’individuare le risorse».«Non possiamo sentirci dire una cosa ad un tavolo e il contrario al tavolo successivo – ha accusato Rivolta -, è necessario che gli interlocutori si parlino anche sul fronte pedaggiamento».

Il coordinamento Insieme in Rete, intanto, ribatte punto per punto alle dichiarazioni ufficiali.

Un incontro di informazione e sensibilizzazione organizzato da Insieme in rete (aprile 2014)

Un incontro di informazione e sensibilizzazione organizzato da Insieme in rete (aprile 2014)

Apertura a maggio della B1? «I tecnici di Pedemontana e l’appaltatore Strabag hanno informato che verranno sforati i tempi previsti dal crono programma». Studio sul traffico? «Maroni dice che, secondo lo studio, il traffico non aumenterà. Quindi che c’è da stare tranquilli – commentano sarcastici -: anche se un’autostrada si riverserà su una superstrada già congestionata e al tracollo, non dovremo aspettarci niente di peggio di quello che accade ora». E l’impegno per la viabilità secondaria? «Un capolavoro all’italiana, un vero pasticciaccio che dice tutto e il contrario di tutto. Le misure compensative (e non compensazioni) sono opere di miglioria della viabilità secondaria ma non solo, definite nella prescrizione 51 del Cipe e la cui realizzazione è a carico della società Pedemontana. I sindaci di Barlassina, Seveso, Meda, Lentate sul Seveso, Cesano Maderno inseguono questi famosi 60 milioni di euro da circa tre anni, senza grande successo: infatti ancora oggi Maroni li può promettere ed essere ringraziato per questa promessa. Ma come credergli visto che non c’è nessuno stanziamento economico a sostegno della realizzazione della B2? E perché ringraziare visto il disastro per il territorio e l’ambiente?».

«Maroni si ostina a volere la tratta B2, continuando ad ignorare il rischio connesso alle criticità ad essa collegate – accusa Insieme in Rete -: la contaminazione dei terreni da diossina Tcdd, frutto dell’incidente Icmesa del 1976». «Ci è stato comunicato che Pedemontana sta redigendo un piano, che dovrà essere approvato e poi sottoposto all’amministrazione – spiega Butti -. Noi abbiamo intenzione di continuare il percorso intrapreso con la diffida». «Non ci stanchiamo di dirlo ancora una volta – conclude il coordinamento Insieme in Rete -: questa infrastruttura autostradale è inutile ed è opportuno fermarsi».

Il coordinamento No Pedemontana, intanto, ha raccolto 2.720 firme per chiedere lo stop dei lavori, consegnate come petizione popolare in Regione Lombardia il 17 novembre: «Non spaventeranno di certo Maroni ma sono un risultato più che positivo- commentano -. Insieme alle nostre sono state consegnate le 2.744 firme della petizione promossa dalla Lista civica italiana e indirizzata al Presidente della Repubblica, dove si chiede una moratoria sul comparto delle grandi opere e di non concedere a società Pedemontana alcuna agevolazione pubblica».

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Giulia Santambrogio
Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.


Commenti

  1. MassimoC dice:

    I lavori per catrame e cemento vanno avanti. Con lentezza, come ogni cosa pubblica in itaglia, ma vanno avanti. Perchè invece per il ferro non si trova mai un centesimo? E quando lo si trova è per un’opera inutile, vedi prolungamento MM1 all’Auchan di Cinisello.

Articoli più letti di oggi

Il Gigante di Villasanta e il caso del cassiere che sciopera da solo

Andrea Sala, 25 anni, ha aderito alla sigla sindacale Si Cobas e da domenica incrocerà le braccia contro le condizioni di lavoro, a suo dire, ingiuste.

Artigiano in Fiera: novità 2019 accesso gratuito con pass. Scopri come ottenerlo

Appuntamento dal 30 novembre all'8 dicembre nei padiglioni di Rho Fiera con apertura tutti i giorni dalle 10.00 alle 22.30.

Monza, pulizia d’autunno al deposito veicoli abbandonati della polizia locale

Negli anni sono stati accatastati 33 fra autoveicoli e motocicli e 29 biciclette che nessuno a ha rivendicati. Saranno demoliti

Il 1° dicembre la “non inaugurazione” della piscina di Vimercate

Evento di stampo ironico organizzato dal gruppo informale "Cosa resterà della piscina di Vimercate"

Cataratta ad alta precisione? Agli Istituti Clinici Zucchi si può grazie al laser femtosecondi

In Brianza, l'unico centro dove è possibile intervenire chirurgicamente con laser femtosecondi sulla cataratta lo si trova a Monza: agli Istituti Clinici Zucchi