18 Ottobre 2019 Segnala una notizia
Pedemontana sempre più vicina con la B1, parlano sindaci e associazioni (della B2)

Pedemontana sempre più vicina con la B1, parlano sindaci e associazioni (della B2)

20 Novembre 2014
piermario-galli-insieme-per-barlassina

Piermario Galli

Le ultime notizie su Pedemontana dicono che si aprirà a pedaggio la tratta B1 (Lomazzo – Lentate sul Seveso). Il collegamento tra B1 e la superstrada Milano-Meda verrà reso operativo in tempo per Expo, mentre bisognerà aspettare gennaio 2016 per l’inizio dei lavori della tratta B2 (Lentate sul Seveso – Cesano Maderno).

E il traffico? «Il 14 novembre è stato presentato in Regione Lombardia un nuovo studio del traffico commissionato da Pedemontana – spiega il sindaco di Barlassina, Piermario Galli -, secondo il quale l’apertura del tratto B1 non avrà un grande impatto: bene, ma ora vogliamo le opere di compensazione».

paolo-butti-sindaco-seveso-mb

Paolo Butti

«Nonostante l’aggiornamento del piano del traffico – ha commentato il primo cittadino di Seveso, Paolo Butti -, noi riteniamo che ci sarà un peggioramento».

Ancora più scettica è Rosella Rivolta, sindaco di Lentate: «Ci è stato ripresentato, con alcune integrazioni, lo studio che come sindaci avevamo contestato a suo tempo – ha dichiarato -: si afferma che l‘incremento del traffico atteso all’apertura di A + B1 è reale ma non impattante per il nostro territorio. Affermazione questa che non può essere condivisa: conoscendo bene quelli che sono già ora i tempi di percorrenza nelle fasce orarie di maggior utilizzo, è evidente che il maggior traffico si riverserà sulla viabilità comunale».

rosella-rivolta-sindaco

Rosella Rivolta

Da qui, l’esigenza di opere in sostegno della viabilità secondaria. Ma Pedemontana non era a corto di risorse? «Regione Lombardia potrebbe anticipare una parte dei soldi – ha riferito Galli -, ma ad oggi non sappiamo quanti e per quali opere: come Comune abbiamo fatto un elenco di priorità». «Ne discuteremo venerdì 21 in provincia – ha confermato Butti -. Ho chiesto a Maroni che si impegni nell’individuare le risorse».«Non possiamo sentirci dire una cosa ad un tavolo e il contrario al tavolo successivo – ha accusato Rivolta -, è necessario che gli interlocutori si parlino anche sul fronte pedaggiamento».

Il coordinamento Insieme in Rete, intanto, ribatte punto per punto alle dichiarazioni ufficiali.

Un incontro di informazione e sensibilizzazione organizzato da Insieme in rete (aprile 2014)

Un incontro di informazione e sensibilizzazione organizzato da Insieme in rete (aprile 2014)

Apertura a maggio della B1? «I tecnici di Pedemontana e l’appaltatore Strabag hanno informato che verranno sforati i tempi previsti dal crono programma». Studio sul traffico? «Maroni dice che, secondo lo studio, il traffico non aumenterà. Quindi che c’è da stare tranquilli – commentano sarcastici -: anche se un’autostrada si riverserà su una superstrada già congestionata e al tracollo, non dovremo aspettarci niente di peggio di quello che accade ora». E l’impegno per la viabilità secondaria? «Un capolavoro all’italiana, un vero pasticciaccio che dice tutto e il contrario di tutto. Le misure compensative (e non compensazioni) sono opere di miglioria della viabilità secondaria ma non solo, definite nella prescrizione 51 del Cipe e la cui realizzazione è a carico della società Pedemontana. I sindaci di Barlassina, Seveso, Meda, Lentate sul Seveso, Cesano Maderno inseguono questi famosi 60 milioni di euro da circa tre anni, senza grande successo: infatti ancora oggi Maroni li può promettere ed essere ringraziato per questa promessa. Ma come credergli visto che non c’è nessuno stanziamento economico a sostegno della realizzazione della B2? E perché ringraziare visto il disastro per il territorio e l’ambiente?».

«Maroni si ostina a volere la tratta B2, continuando ad ignorare il rischio connesso alle criticità ad essa collegate – accusa Insieme in Rete -: la contaminazione dei terreni da diossina Tcdd, frutto dell’incidente Icmesa del 1976». «Ci è stato comunicato che Pedemontana sta redigendo un piano, che dovrà essere approvato e poi sottoposto all’amministrazione – spiega Butti -. Noi abbiamo intenzione di continuare il percorso intrapreso con la diffida». «Non ci stanchiamo di dirlo ancora una volta – conclude il coordinamento Insieme in Rete -: questa infrastruttura autostradale è inutile ed è opportuno fermarsi».

Il coordinamento No Pedemontana, intanto, ha raccolto 2.720 firme per chiedere lo stop dei lavori, consegnate come petizione popolare in Regione Lombardia il 17 novembre: «Non spaventeranno di certo Maroni ma sono un risultato più che positivo- commentano -. Insieme alle nostre sono state consegnate le 2.744 firme della petizione promossa dalla Lista civica italiana e indirizzata al Presidente della Repubblica, dove si chiede una moratoria sul comparto delle grandi opere e di non concedere a società Pedemontana alcuna agevolazione pubblica».

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Giulia Santambrogio
Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.


Commenti

  1. MassimoC dice:

    I lavori per catrame e cemento vanno avanti. Con lentezza, come ogni cosa pubblica in itaglia, ma vanno avanti. Perchè invece per il ferro non si trova mai un centesimo? E quando lo si trova è per un’opera inutile, vedi prolungamento MM1 all’Auchan di Cinisello.

Articoli più letti di oggi

Ultime notizie Monza: un passante salva la vita a un 37enne

Tentato suicidio a Monza: in prossimità dell'ingresso del parcheggio sotterraneo di piazza Cambiaghi, un 37enne originario dell'Est, residente a Sovico.

Seregno: maxi truffa dei toner per stampanti, fatture false per oltre 35 milioni di euro

Seregno: maxi truffa dei toner per stampanti. La Guardia di Finanza ha scoperto fatture false per oltre 35 milioni di euro.

Strisce blu: a Lissone Fratelli d’Italia lancia una raccolta firme contro il pass sosta

Nel comune di Lissone polemiche per il nuovo pass sosta. Fratelli d'Italia: "siamo dalla parte dei cittadini". Da domani il modulo per aderire alla raccolta firme.

Bebè a costo zero: a Seveso un incontro per crescere bambini felici risparmiando

Dedicato a quei genitori genitori che desiderano riflettere su cosa serva davvero acquistare durante la gravidanza e nei primi anni di vita di un bambino.

Cernusco: 63enne ucciso con 11 colpi di pistola nei box del condominio

Omicidio a Cernusco sul Naviglio: un uomo di 63 anni è stato freddato nell'area box condominiale con 11 colpi di pistola. La vittima si chiamava Donato Carbone.