12 Novembre 2019 Segnala una notizia
Vimercate, ex-Ibm: licenziati gli ultimi lavoratori Bames. Si chiude un'era

Vimercate, ex-Ibm: licenziati gli ultimi lavoratori Bames. Si chiude un’era

17 Ottobre 2014

Si è chiusa un’era. Oggi 17 ottobre sono stati licenziati gli ultimi 262 lavoratori della Bames, che per anni hanno lavorato nella sede della vecchia Ibm in via Kennedy a Vimercate.

Scaduta la cassa integrazione, proprio oggi, i lavoratori che per quasi otto anni a fasi alterne hanno ricevuto l’indennità di cassa integrazione, da domani dovranno fare domanda al sindacato per richiedere la mobilità. Una mobilità che potrà essere da uno a tre anni a seconda degli anni di anzianità di lavoro.

LA STORIA – I problemi per i lavoratori dell’Ibm iniziano nel 2003 con la ristrutturazione della multinazionale americana in Italia, con la chiusura dello stabilimento di Roma e il licenziamento di 180 dipendenti sui 1.100 totali e la cessione di ramo d’azienda a Celestica. Ma è nel 2006 che arrivano i tagli pesanti anche a Vimercate: su 900 dipendenti, 450 bames-ultimo-giornovengono dichiarati esuberi. Per la prima volta i lavoratori sono in sciopero generale e occupano l’azienda per opporsi alla drastica decisione.

Nel settembre del 2006 la Bartolini Progetti acquisisce le quote Celestica e cerca di portare nuovi progetti, che però si dimostreranno fallimentari. Molti prodotti innovativi non avranno una rete consolidata di distribuzione e rimangono tutt’oggi all’interno dei magazzini di Vimercate. Il Ghost way, un navigatore satellitare rimasto per la maggior parte invenduto; lo Spin per i pannelli solari e il Wi-max (rete internet ultraveloce) rimasta al palo.

“Oltre ai continui fallimenti dei progetti della Bartolini, sono iniziati a mancare i soldi ai lavoratori – ci spiega Gigi Redaelli, segretario Fim Cisl Brianza -. Abbiamo scoperto come buona parte dei Tfr dei lavoratori erano spariti e che la proprietà aveva iniziato a non pagare più assegni famigliari e una copertura assicurativa ereditata dalla gestione Ibm. In più lo studio che avevamo commissionato nel 2010, ci ha mostrato come tutte le liquidità presenti in azienda erano state prosciugate da Bartolini. Proprio per questo c’è un processo in atto da parte della procura di Monza”.

I debiti sono stati fatti anche nei confronti dei sindacati, che in tutti questi anni vantano dall’azienda quasi 100mila euro di crediti.

Il 5 dicembre scadrà la cassa anche per gli 85 lavoratori di Sem. Dopo si potrà pensare solo al rilancio dell’area: “L’assessore regionale Melazzini si è esposto in prima persona per cercare di reindustrilizzare l’area con il progetto che ha chiamato “Burocrazia Zero” – conclude Redaelli – c’è bisogno di imprenditori vogliosi di investire e ristrutturare l’area sul modello dell’Energy Park sorto nel quartiere Torri Bianche. Per noila partita non è ancora persa”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Lorenzo Giglio
Classe 1981, giornalista pubblicista, ho sempre cercato la verità bella o brutta che sia in tutto ciò che mi circonda. Amante dell'arte, della fotografia e soprattutto del rock, non mi tiro mai indietro se devo guardare una bella partita di calcio. Non mi piacciono gli schemi prestabiliti e trovo troppo strette le appartenenze di partito, anche perchè come dicevano i Queen: "Anyway the wind blows doesn't really matter to me".


Commenti

  1. “C’è bisogno di imprenditori vogliosi di investire”… con il fiato dei sindacati sul collo ancora prima di iniziare? No grazie.

  2. Sergio Andreani dice:

    Non capisco che problema ci sia : gli immigrati pagheranno le loro pensioni,come ci hanno detto i sindacalisti della CGIL per anni.
    Di lavoro ce n’è tanto in Agricoltura come ci insegnano i dirigenti della Coldiretti : infatti negli ultimi 20 anni,solo in Lombardia, le aziende agricole sono passate da 130.000 a 48.600 (Vedi dati Unioncamere Lombardia ).
    Per ultimo si può sempre emigrare : magari in Africa a raddrizzare le banane con il c….
    I leghisti li avete sempre trattati da ignoranti, ma queste cose le avevano capite già 25 anni fa : voi che avete studiato tanto invece ci siete arrivati solo adesso quando la crisi vi ha travolti.
    Auguri.

    P.S. : la Cgil ha sempre detto assieme a Confindustria che il lavoro si crea con la flessibilità. Provatela voi ora,bamboccioni, dopo averla ammollata per due decenni ai vostri figli.

Articoli più letti di oggi

Monza, pulizia d’autunno al deposito veicoli abbandonati della polizia locale

Negli anni sono stati accatastati 33 fra autoveicoli e motocicli e 29 biciclette che nessuno a ha rivendicati. Saranno demoliti

Artigiano in Fiera: novità 2019 accesso gratuito con pass. Scopri come ottenerlo

Appuntamento dal 30 novembre all'8 dicembre nei padiglioni di Rho Fiera con apertura tutti i giorni dalle 10.00 alle 22.30.

Addio al giudice Giuseppe Airò: era da 40 anni in servizio al Tribunale di Monza

E' deceduto oggi il giudice del Tribunale di Monza Giuseppe Natalino Airò. Sessantotto anni, dagli anni Ottanta in servizio a Monza. Era da alcuni mesi assente dal lavoro per problemi di salute.

Incendio al castello di Sulbiate: arrestata l’autrice del rogo

E' finita in manette l'autrice dell'incendio al castello di Sulbiate: si tratta di una donna italiana, impiegata, residente nella periferia ovest di Milano. Il movente è passionale.

Concorezzo, violenta lite tra due donne fuori da un locale: una finisce in ospedale

Violenta lite tra due donne di nazionalità ecuadeoregna, a Concorezzo, fuori da un locale. Una delle due ha avuto la peggio ed è finita in ospedale in codice giallo.