15 Agosto 2020 Segnala una notizia
Silenzio e dolore per i quattro alpinisti morti: ricostruita la tragedia

Silenzio e dolore per i quattro alpinisti morti: ricostruita la tragedia

2 Settembre 2014

Il monte Disgrazia (Sondrio), un nome ambiguo che però non fa paura a chi ama la montagna, si è portato via domenica mattina quattro alpinisti brianzoli, lasciando i cari degli scomparsi nel dolore e nell’incredulità. Le vittime erano padri di famiglia e uomini attivi nella vita associativa, in parrocchia, negli eventi organizzati nelle loro cittadine di residenza. E proprio nei comuni di Sulbiate, Veduggio, Brugherio e Mezzago (tutti in provincia di Monza), dove vivevano rispettivamente Giuseppe Ravanelli, 46 anni, Alberto Peruffo, 51 anni, Giuseppe Gritti, 46 anni e Mauro Mandelli, anche lui 46enne, regna il silenzio del dolore, come sulla cima della montagna che se li è portati via.

I familiari e i compagni di cordata di tutti e quattro gli alpinisti non hanno voglia di parlare, il dolore è troppo forte, toglie il respiro, come il ghiaccio pungente sulla pelle. La sezione Cai di Sulbiate, a cui erano associate tutte e quattro le vittime, ieri sera ha indetto un consiglio direttivo straordinario, durante il quale ha decretato il silenzio stampa e la sospensione di tutte le attività per lutto “Abbiamo deciso così, tutti insieme” è l’unico commento rilasciato dalla voce commossa di un associato.

I quattro uomini, insieme ai due scampati alla tragedia, stavano preparando una spedizione sul Monte Bianco. La salita di domenica sul monte Disgrazia era parte di un training che andava avanti da settimane, come si evince dalle numerose istantanee pubblicate sul sito dell’associazione sportiva, e che ritraggono un gruppo di conoscitori della montagna sorridenti, alle prese con il training sul Pizzo Bernina, Pizzo Stella, Cresta di Piancaformia, e sul Grignone.

Sapevano dove mettere i piedi, conoscevano i monti, i venti e l’imprevedibilità della montagna, ma non è bastato a salvargli la vita, perché non sempre si può prevedere tutto, anche quando si è esperti e si è diretta una sezione Cai “Giuseppe Ravanelli era l’ex presidente del CAI di Sulbiateracconta il primo cittadino, Crespi – come amava la montagna, era davvero la sua passione e la trasmetteva a tutti. Oltre ad andare lassù con gli altri esperti di scalata, organizzava anche escursioni per chi si voleva avvicinare a questo sport e gli trasmetteva tutta la sua passione. Si stava preparando per andare sul Monte Bianco. Erano tutte ottime persone che lasciano famiglie, mogli e figli. Una perdita davvero devastante”.

È bastato un attimo, Gritti sarebbe riuscito a dire “sono caduto io”, pochi attimi prima di morire, mentre i due alpinisti che alla fine hanno abbandonato la spedizione, hanno sentito i loro amici urlare, mentre rientravano.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi

Rientri dall’estero: nessun isolamento ma rigoroso rispetto norme igienico sanitarie

Nessun isolamento fiduciario per chi rientra da Spagna, Croazia, Grecia e Malta ma l'adozione rigorosa delle misure igienico sanitarie previste già dal Dpcm del 7 agosto 2020.

Lombardia: 97 positivi e 258 tra guariti e dimessi

Aumentano guariti e dimessi (+258), a Cremona, Lodi e Sondrio 1 solo contagio.

Ospedale di Vimercate, chirurgia “su misura” a Ginecologia

Il modello consente non pochi benefici per la donna che si sottopone ad intervento, ma anche per la stessa organizzazione sanitaria dell’Ospedale.

Referendum sul taglio dei parlamentari: quando e come si vota

Domenica 20 e lunedì 21 settembre brianzoli, e non solo, sono chiamati alle urne per esprimere il proprio voto al referendum del taglio dei parlamentari.

Piscine all’aperto: le aperture a Monza e Brianza

C'è chi apre subito e chi si prende ancora qualche giorno. Ecco come vanno le riaperture delle piscine in Brianza ai tempi del Coronavirus.