Scuole superiori in Brianza 35mila iscritti, la Provincia consegna 1300 banchi

Scuole superiori in Brianza 35mila iscritti, la Provincia consegna 1300 banchi

Inizia l’anno scolastico e la Provincia MB consegna 1300 banchi e arredi ai plessi delle scuole secondarie della Brianza.

Quest’ano sono 35.000 gli studenti iscritti tra licei ed istituti tecnici e professionali. In dettaglio : il 43% (12537 ragazze/i) frequenterà un istituto tecnico; il 40% (11892 ragazze/i) un liceo e il 17% un istituto professionale (7867 ragazze/i). A questi numeri poi si devono aggiungere 5.535allievi dei centri di formazione professionale: tra i corsi più gettonati si confermano – come gli scorsi anni – quelli per estetista (300 ragazze/i), preparazione pasti (194), acconciatura (172) e panificazione pasticceria (140).

Diverse le novità: due nuovi indirizzi nell’Ambito di Monza quali“Agraria, Agroalimentare e Agroindustria” e “Produzioni e Trasformazioni” all’Istituto A. Mapelli oltre ai corsi serali di “Arti Figurative”, “Grafica-Audiovisivo” e “Multimedia” all’ISA; uno nell’Ambito di Carate Brianza e cioè il “Liceo Scientifico ad indirizzo Sportivo” all’Istituto L. Da Vinci; uno nell’Ambito di Seregno con l’indirizzo “Trasporti e Logistica – Articolazione Logistica” all’Istituto P. Levi ed infine nell’Ambito di Vimercate vi sarà la possibilità di intraprendere il percorso triennale regionale “Operatore alla riparazione dei veicoli a motore” e il quarto anno di “Tecnico dell’Abbigliamento” all’Istituto V. Floriani. “Con i nuovi indirizzi di quest’anno abbiamo completato il quadrodelle opportunità formative nel settore dell’Istruzione Secondaria Superiore del territorio – spiegano il Presidente Dario Allevi e l’Assessore Provinciale all’Istruzione Giuliana Colombo – L’augurio per gli Istituti della Brianza è di vincere – oggi e nel prossimo futuro – le sfide che la realtà sociale e il mondo del lavoro lanciano alla Scuola, grazie alla professionalità dei numerosi soggetti che presiedono all’azione educativa e formativa”.

E ancora tra le novità più significative per l’area tecnica anche il nuovo indirizzo “Tecnologie del Legno” all’Istituto Meroni di Lissone che la Provincia ha inserito in corsa, alla fine di dicembre, a seguito del Decreto Interministeriale del novembre 2013 che istituisce a livello nazionale questo nuovo percorso di studio nella filiera Meccanica, Meccatronica ed Energia.

Intanto proprio in questi giorni si sta completando la consegna degli arredi e dei 1300 banchi nuovi ordinati dalla Provincia per garantire nel miglior modo possibile l’avvio del nuovo anno scolastico. La gara – conclusa nel mese di agosto per un importo di circa 50.000 euro – coinvolge una ventina di Istituti della Brianza, sparsi tra Monza, Muggiò, Desio, Vimercate, Limbiate, Seregno, Carate Brianza, Lissone, Meda e Giussano. “Pur in un momento drammatico per la finanza pubblica e l’incertezza che grava sul futuro della Provincia, facciamo partire l’anno scolastico 2014-2015 confermando tutte le opportunità formative in campo – aggiungono il Presidente Dario Allevi e l’Assessore Provinciale alla Formazione Professionale Enrico Elli – Lo abbiamo fatto convintamente anche per i 224 corsi triennali di Formazione Professionale, riuscendo persino a rinnovare i contratti di tutti i docenti in carico ad AFOL, la nostra Agenzia di Formazione e Orientamento al Lavoro” .


Su Redazione

La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi.
Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate il 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .

  • Pino

    io aggiungerei anche il Nuovo corso di ”

    Tecnico dei servizi di animazione turistico -sportiva e del tempo libero

    c/o AFOL Monza e Brianza – CFP “Giuseppe Terragni” – Meda e Concorezzo

    http://www.provincia.mb.it/bussola/formazione_professionale_centri_formazione_professionale/Tecnico_dei_servizi_di_animazione_turistico_sportiva_e_del_tempo_libero

  • MassimoC

    Quanti corsi al giorno d’oggi, ai miei tempi, ad esempio, al Mosè (e al Mapelli, che nasce da una costola del Mosè) c’erano ragioneria e geometri, punto e stop.
    Oggi c’è un’infinità di scelta. Ma sarà tutto oro quello che luccica? Quando sono uscito io dalle medie, non avevo idea di quello che avrei voluto fare (e la maggior parte dei miei coetanei era nella mia stessa situazione), scelsi il Mosè non certo per convinzione, ma perchè in quel periodo “tirava” di più quell’istituto.
    Siamo sicuri che tutta questa scelta, anzichè aiutare, non generi ancora più confusione? Questo tenendo anche conto del fatto che in 3a media, oggi come allora, nessuno si prende la briga di illustrarti il “dopo”.