15 Agosto 2020 Segnala una notizia
Palestina e Israele: l'intervista al console Hani Gaber

Palestina e Israele: l’intervista al console Hani Gaber

29 Settembre 2014

Nato in Palestina, ma da più di quarant’anni in Brianza, Hani Gaber, console rappresentante per il nord Italia della Palestina, ci ha parlato della sua terra.

Dopo i terribili scontri di questa estate, Israele e Palestina sono nuovamente al centro delle trattative della diplomazia internazionale. Il 26 settembre Al Cairo si discuterà nuovamente del cessate il fuoco fra i due paesi e si cercheranno nuove soluzioni per coltivare la pace nei due paesi.

Come ha vissuto gli scontri di questa estate nella Striscia di Gaza?

Eravamo tutti angosciati per quanto stava accadendo. Ogni giorno c’era un vero e proprio massacro: alla fine sono morti quasi 2300 palestinesi, di cui 600 bambini. Il 90% dei morti erano civili, il che dimostra come gli attacchi da parte di

Hani Gaber

Hani Gaber

Israele non puntavano obiettivi militari ma civili.

Quali sono le colpe di Israele e quali quelle della Palestina in questa guerra?

Quanto avvenuto non la chiamerei guerra: da una parte c’è una popolazione oppressa e occupata, quella palestinese, che tenta in tutti modi di ribellarsi per avere più libertà. Dall’altra parte c’è Israele che ha occupato negli anni quasi tutti i territori palestinesi. L’errore dei palestinesi è stato solo di cadere nelle provocazioni di Israele scatenando, come appena successo, una rappresaglia: al lancio di un razzo, Israele risponde con un massacro colpendo anche scuole, ospedali.

Crede che Hamas sia un problema per la pace in Palestina?

Hamas fa parte del popolo palestinese e ha vinto democraticamente le elezioni come riconosciuto dalla comunità internazionale. La stessa comunità però ha fatto un errore istituendo l’embargo che ha messo a dura prova tutta la popolazione che si trova in grande difficoltà. Il 26 settembre chiederemo lo stop all’embargo, apertura dai valichi di frontiera e la riapertura dell aeroporto, oltre alla possibilità di pesca fino a 12 miglia dalla costa. I palestinesi, soprattutto i più giovani, devono poter avere speranza nel futuro all’interno della loro terra.

Anche per lei è difficoltoso tornare a “casa” in Palestina?

Sono nato a Ramallah e tornavo spesso in patria ma negli ultimi tempi è molto difficile tornare in Palestina. L’ultima volta che ho provato a tornare sono stato bloccato alla frontiera: la striscia di Gaza e i territori della Cisgiordania sono diventati delle vere e proprie prigioni dove i palestinesi non possono ne entrare ne uscire. Tutto ciò deve finire, aprendo le frontiere e dando possibilità di lavoro a chi abita li: dobbiamo evitare che i palestinesi abbandonino la propria terra, di fatto facendo un favore agli israeliani che dal dopo guerra ad oggi hanno “rinchiuso” i palestinesi in un territorio pari al 12% dell’intera Palestina.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Lorenzo Giglio
Classe 1981, giornalista pubblicista, ho sempre cercato la verità bella o brutta che sia in tutto ciò che mi circonda. Amante dell'arte, della fotografia e soprattutto del rock, non mi tiro mai indietro se devo guardare una bella partita di calcio. Non mi piacciono gli schemi prestabiliti e trovo troppo strette le appartenenze di partito, anche perchè come dicevano i Queen: "Anyway the wind blows doesn't really matter to me".


Commenti

  1. Yasser Brambilla dice:

    palestina libera, israeliani nazisti.

    • pacific man dice:

      Ci mancava il pirla da slogan! Allora premettiamo il fatto che Israele ha inizialmente avuto il torto di invadere e opprimere il popolo arabo, ma dimmi, il popolo di Palestina ha capito o no che facendo quello che hanno fatto finora dalla ragione passano al torto? Quando gli Israeliani prenderanno coscienza di ciò, forse se Dio vorrà in quella terra ci sarà uno stato laico che tuteli entrambi, ma sembra più un sogno che una realtà possibile.

  2. Gaber è un nome palestinese ? ……molti nazisti si rifugiarono in Egitto in Siria e in Libano !!!! Qui gatta ci cova ……..fosse figlio o nipote di qualche amichetto di baffetto ! …….non dimentichiamo mai che i palestinesi erano alleati dell’asse ! ……grazie allo zio dell’egiziano ,fratello musulmano yasser ARAFAT ……il gran mufti di gerusalemme amico fedele di hitler !

Articoli più letti di oggi

Lombardia: 94 nuovi positivi, 3 sono a Monza e Brianza

Aumentano guariti e dimessi (+113), nessun contagio a Como e Lodi. 

Rientri dall’estero: nessun isolamento ma rigoroso rispetto norme igienico sanitarie

Nessun isolamento fiduciario per chi rientra da Spagna, Croazia, Grecia e Malta ma l'adozione rigorosa delle misure igienico sanitarie previste già dal Dpcm del 7 agosto 2020.

Lombardia: 97 positivi e 258 tra guariti e dimessi

Aumentano guariti e dimessi (+258), a Cremona, Lodi e Sondrio 1 solo contagio.

Monza, finge il furto del portafogli per non pagare il conto. Nei guai 27enne

Il ragazzo avrebbe raccontato di non aver soldi perché l'amico, datosi alla fuga, e del quale non conosceva le generalità, gli aveva rubato il portafogli.

Tragedia in Val Badia: morto dopo un lancio 33enne base jumper di Seveso

Tragedia in Val Badia dove un base jumper, 33 anni di Seveso, ha perso la vita dopo essersi lanciato con la sua tuta alare dal Piz da Lec.