Quantcast
Mezzago e Sulbiate piangono i loro alpinisti: in centinaia ai funerali - MBNews
Attualità

Mezzago e Sulbiate piangono i loro alpinisti: in centinaia ai funerali

A Sulbiate e a Mezzago le chiese erano stracolme, la prima per i funerali dell'alpinista Giuseppe Ravanelli e la seconda per Giuseppe Gritti, morti domenica scorsa.

giuseppe-ravanelli-funerali

C’erano più di mille persone questo pomeriggio a Mezzago al funerale di Giuseppe Gritti di 46 anni, uno dei quattro alpinisti morti sul Monte Disgrazia domenica scorsa.

A dargli l’ultimo saluto nella parrocchia dell’Assunta a Mezzago, la moglie Paola e le figlie Michela e Benedetta insieme al

Il funerale di Giuseppe Gritti

Il funerale di Giuseppe Gritti

fratello. In chiesa tutti gli amici del Cai di Sulbiate, di cui faceva parte e anche alcuni colleghi di lavoro di Giuseppe, che da anni guidava i convogli della metropolitana.

Durante la messa tenuta dal parroco don Marco Villa insieme all’ex parroco cittadino don Lorenzo Riva, la moglie Paola ha voluto che venisse letto il discorso della Montagna di Gesù tratto dal vangelo secondo Matteo: un passo della Bibbia caro alla moglie perchè ero lo stesso che era stato letto nel giorno del suo matrimonio con Giuseppe. Sull’altare a ricordare Gritti è salito anche il padre di Giuseppe Ravanelli, che ha ricordato la profonda amicizia che sin da bambini ha unito i due ragazzi morti tragicamente.

Un lungo e sentito applauso ha saluto la salma dell’alpinista prima del corteo fino al cimitero. Per la giornata il comune ha proclamato il lutto cittadino.

E anche questa mattina a Sulbiate la chiesa di S.Antonino Martire era piena in ogni ordine di posto per ricordare

La chiesa di Sulbiate piena per il funerale di Giuseppe Ravanelli

La chiesa di Sulbiate piena per il funerale di Giuseppe Ravanelli

Giuseppe Ravanelli, anche lui di 46 anni, amico d’infanzia di Gritti. In prima fila la moglie Elvia, i figli Davide e Aurora insieme ai genitori Luigi e Amalia.

In chiesa anche il gruppo degli alpini di Bernareggio che hanno letto la preghiera dell’alpino per ricordare il loro amico scomparso. A ricordarlo con grande emozione anche l’attuale presidente del Cai di Sulbiate, Paolo Cantù, che ha ricordato quando lo stesso Ravanelli era stato presidente della sezione del club alpino di Sulbiate “insegnando a tutti cosa significasse la montagna come mai nessuno aveva fatto”.

Gli alpini hanno dato l’ultimo saluto a Giuseppe suonando il Silenzio accompagnato da un lungo applauso.

 

commenta