Quantcast
Monza-Olginatese 2-1. Ora in Tim Cup i biancorossi sfideranno il Modena - MBNews
Sport

Monza-Olginatese 2-1. Ora in Tim Cup i biancorossi sfideranno il Modena

Esordio ufficiale vincente per il nuovo Monza guidato da Fulvio Pea: nella partita secca valevole per il primo turno preliminare di Tim Cup la compagine biancorossa, che il 31 di questo mese debutterà nel campionato di Divisione Unica, ha superato per 2-1 l’Olginatese, formazione di Serie D.

calcio-monza-olginatese-stadio-brianteo-tim-cup-mb

Esordio ufficiale vincente per il nuovo Monza guidato da Fulvio Pea: nella partita secca valevole per il primo turno preliminare di Tim Cup la compagine biancorossa, che il 31 di questo mese debutterà nel campionato di Divisione Unica, ha superato per 2-1 l’Olginatese, formazione di Serie D.

La differenza di categoria si è notata solo a livello tecnico perché gli abduani hanno ben impressionato dal punto vista tattico e agonistico. D’altra parte è risaputo che Pea strizza le proprie squadre in sede di preparazione estiva. Solo sette giorni prima di questo match si era concluso il ritiro a Serina, in provincia di Bergamo, con una doppia amichevole: a San Pellegrino Terme le riserve biancorosse avevano pareggiato per 1-1 contro una selezione dilettantistica della Val Brembana (rete di Alessandroni) e subito dopo i titolari avevano battuto per 1-0 il Ponte San Pietro-Isola, team di Serie D (gol di Radrezza).

Contro l’Olginatese di Alessio Dionisi (passato quest’estate dal campo alla panchina) il tecnico originario di Casalpusterlengo ha schierato un 4-4-2 privo di tre pedine importantissime, tutte infortunate: Anghileri, Gasbarroni e Virdis.

calcio-monza-olginatese-stadio-brianteo-curva-mbDavanti al presidente inglese Anthony Armstrong-Emery i primi minuti si giocano a ritmi blandi, complice il caldo umido che invita gli ultras biancorossi a rimanere a torso nudo per tutta la partita. Comunque al 3′ Anastasi ha tra i piedi una palla buona per sbloccare il risultato, ma spara alle stelle (che stanotte, di San Lorenzo, già cadono da sole…) dal limite dell’area. La partita si accende dopo la metà tempo: al 24′ su calcio d’angolo di Burrai è ancora il centravanti a cercare la via della rete con un colpo di testa che passa alto di poco. Al 30′ il Monza va in vantaggio: Foglio triangola con Vita e dalla linea di fondo mette in mezzo per Anastasi che in scivolata stavolta insacca. La reazione bianconera arriva al 39′ con un destro a incrociare di Cabrini che passa non molto distante dal palo della porta difesa da Viotti. Il laterale destro ospite è poi costretto a uscire per infortunio. Al 44′ Cutrone esce in maniera goffa respingendo il pallone sui piedi di Anastasi che però non centra la porta sguarnita per un filo d’erba.

calcio-monza-olginatese-stadio-brianteo-mbIn avvio di ripresa il Monza soffre in difesa, le cui maglie vengono perforate in diverse occasioni. Al 2′ Zirilli vince un rimpallo e da posizione defilata entra in area, ma calcia male e la palla termina abbondantemente a lato. Al 14’ l’Olginatese è costretta a cambiare per infortunio anche il portiere. Al 17′ i due subentrati di movimento della compagine lecchese confezionano il gol del momentaneo pareggio: cross dall’out sinistro di Di Luccio e Merlo a centro area e indisturbato beffa Viotti con un pallonetto. Pea manda in campo Franchino al posto di D’Alessandro: così, per la prima volta da quando è a Monza il gattinarese gioca laterale di centrocampo. È proprio lui a farsi vedere in attacco al 24′ con una conclusione da lontano che sfila di poco alto. Al 30′ un sinistro di Radrezza è centrale e viene parato. Entra il centrocampista Hetemaj per Anastasi e il 27enne Nazionale finlandese di origine kosovara, acquistato pochi giorni fa (contratto biennale per lui) dall’Albinoleffe in cambio di Martino (ma rientrato dal prestito all’Honka, compagine della massima serie finnica, dove nell’ultima mezza stagione ha messo a segno 1 gol in 8 partite), si piazza alle spalle di Vita, spostato a fare il centravanti. Al 36′ un destro dal limite alto di poco scagliato da Di Fiore fa venire i brividi alla tifoseria locale. 4’ dopo il Monza scongiura i tempi supplementari grazie a Radrezza, che fa rima con prodezza: il 21enne peperino veneto si accentra al limite dell’area avversaria e dopo una serie di finte scarica un sinistro che s’infila nell’angolino. Anche se gli spettatori non sono molti, il boato del Brianteo è forte anche per la meraviglia della magia appena vista. Per lui la partita finisce prima per fargli prendere un po’ di applausi riservati: al suo posto in campo entra Dal Poggetto a “mordere” le caviglie degli avversari negli interminabili 6’ di recupero. Al 47′ Vita ha la palla del 3-1, ma a tu per tu con Sordi calcia debolmente e a lato. Il folletto (con le valigie pronte) è risultato essere l’unico ammonito del match assieme all’ex biancorosso Davide Cattaneo.

Il Monza è ora atteso domenica prossima dal Modena, formazione di Serie B: la vincente dell’incontro secco andrà a sfidare, sette giorni dopo, il neopromosso in Serie A Palermo al “Renzo Barbera”, sempre in gara unica. Comunque vadano le cose, domenica 24 agosto i brianzoli sfideranno una squadra della massima serie: se non sarà il Palermo, sarà il Chievoverona, che verrebbe ospitato al Brianteo per un’amichevole. Sempre in questo mese è prevista un’amichevole anche contro l’Equipe Lombardia, la selezione di professionisti disoccupati che si sta allenando al centro sportivo Monzello.

calcio-monza-fulvio-pea1Tornando alla partita odierna, Pea ha visto “un grande Monza nei primi 45′ e negli ultimi 15′; la squadra ha giocato un buon calcio nonostante le fatiche di questo periodo di preparazione. Fa sempre piacere portarsi a casa tre punti, anche se adesso l’importante è trovare la condizione e l’intesa. Ci mancano nove partite ufficiali per trasformarci da gruppo a squadra. Cosa mi è piaciuto e cosa non mi è piaciuto oggi? Mi sono piaciute la personalità  e determinazione di tutti e il piglio con cui sono entrati in campo i giocatori partiti dalla panchina; non mi è piaciuto come si è iniziato il secondo tempo: forse abbiamo pagato un po’ di stanchezza rispetto alla squadra avversaria. L’attacco rabberciato? Mah… Devo fare i complimenti ad Anastasi perché, nonostante in estate i giocatori alti entrino in condizione più tardi rispetto ai bassi, ha lavorato molto per la squadra. La partita di Modena? Servirà anche quella per ritrovare la condizione migliore; certo è che l’avversario sarà impegnativo perché di categoria superiore; speriamo di non giocare i tempi supplementari perché in questo periodo danneggiano la preparazione. Se recupererò i tre infortunati? No, ma spero di averli a disposizione nell’ultima settimana di agosto. Comunque i giocatori in rosa attualmente sono 21, un numero sufficiente se sono bravi. Ce ne serve però un altro in attacco”.

calcio-monza-sala-stampa-stadio-brianteo-radrezza-mbIgor Radrezza dopo il gol è corso verso la panchina infilando la mano dentro la maglia e imitando il batticuore… “La rete è dedicata al gruppo di giocatori, perché anche se siamo quasi tutti nuovi, siamo già uniti. Poi la dedico agli amici e ai parenti che sono venuti a vedermi e al popolo biancorosso. Qual è il mio ruolo esatto? Seconda punta o trequartista, ma negli ultimi anni sono stato utilizzato anche come laterale offensivo. In ogni caso, non sono un gran realizzatore. La squadra? Siamo ben attrezzati, possiamo fare bene”.

calcio-monza-sala-stampa-stadio-brianteo-anastasi-mbValerio Anastasi è “contento per il gol e per le occasioni avute, cosa importante per un attaccante. Oggi sono riuscito a dare più di quanto pensassi. La nostra squadra è attrezzatissima, anche se forse manca ancora un tassello. Le mie speranze? Di giocare tanto e di fare un’annata da ricordare”.

A proposito di tasselli, nei giorni scorsi il Monza ha prima prolungato di un anno il contratto e poi ceduto in prestito alla Pro Patria ben tre giocatori: Anderson, Candido e Terrani. I “tigrotti” hanno ingaggiato pure Polenghi, svincolato dal club biancorosso al termine dell’ultima stagione. In partenza resta Vita, al quale si potrebbe aggiungere Pessina. Per quanto riguarda il Nazionale Under 20 di Lega Pro, la società sta facendo di tutto per convincerlo a rimanere. Lui vuole andare a giocare in Serie B, mentre la dirigenza vorrebbe almeno che prima prolungasse il contratto di un anno. Il Nazionale Under 18 di Lega Pro sta invece ricevendo una corte serrata da parte del Milan (era presente un suo dirigente in occasione dell’amichevole col Cesano Boscone del 25 luglio) e della Juventus: difatti non ha ancora firmato il nuovo contratto da professionista.

Sul fronte degli arrivi, a giorni sarà ufficializzato il prestito dalla Juventus dell’attaccante Francesco Margiotta, la scorsa stagione all’Unione Venezia. Inoltre il direttore generale Mauro Ulizio e il direttore tecnico Alfredo Pasini, forti del benestare presidenziale, sono tornati alla carica per l’ingaggio di un attaccante “da urlo”: il nome sul taccuino è cambiato, ma il problema maggiore con la punta attualmente in ballo sarebbe quello di fargli accettare la discesa in terza serie.

Due notizie per concludere, anche se una in realtà è una “non notizia”, nel senso che al 10 agosto la società non ha ancora né un responsabile del settore giovanile né comunicato chi saranno gli allenatori dello stesso settore per la stagione in corso. La situazione ormai è grottesca… La notizia è che in seguito alla delusione e alle critiche manifestate dai tifosi per le nuove divise sociali, il club biancorosso e i distributori nazionali del marchio Umbro (il nuovo sponsor tecnico) hanno deciso di fare parziale retromarcia, modificando la seconda maglia, che non sarà più quella presentata in piazza Roma lo scorso 31 luglio, ma la versione Limited Edition indossata (e apprezzata) in occasione dell’amichevole col Milan del 20 luglio.

 

MONZA BRIANZA-OLGINATESE 2-1 (1-0)

MONZA BRIANZA (4-4-2): Viotti; Beduschi, Briganti, Zullo, Foglio; D’Alessandro (21′ s.t. Franchino), Burrai, Perini, Vita; Radrezza (40′ s.t. Dal Poggetto), Anastasi (32′ s.t. Hetemaj). A disp.: Chimini, Massoni, Pessina, Grandi. All.: Pea.

OLGINATESE (4-4-1-1): Cutrone (14′ s.t. Sordi); Cattaneo D., Ronchetti, Mara, Menegazzo; Cabrini (40′ p.t. Di Luccio), Greco, Bono, Di Fiore; Formigoni (7′ s.t. Merlo); Zirilli. A disp.: Facconi, Corti, Cattaneo A., Molteni. All.: Dionisi.

ARBITRO: Pietropaolo di Modena.

MARCATORI: 30′ p.t. Anastasi, 17′ s.t. Merlo, 40′ s.t. Radrezza.

NOTE: calci d’angolo 2-0; ammoniti Vita e Cattaneo D.; recupero 2′ e 6′; spettatori paganti 540 per un incasso di circa 5000 euro.

 

 

 

 

commenta