22 Settembre 2021 Segnala una notizia
Seveso, aggredito a colpi di fucile: si scava nella sua vita privata

Seveso, aggredito a colpi di fucile: si scava nella sua vita privata

18 Luglio 2014

Andava al lavoro, fermo al semaforo si è ritrovato con una pallottola nel braccio, sparata da qualcuno nascosto tra le piante. E’ ancora giallo sull’aggressione a colpi di fucile di un operaio 40enne di Seveso, che questa mattina all’alba stava transitando in via Sprelunga, a bordo della sua auto. Le indagini sono a carico dei carabinieri della Compagnia di Seregno, i quali stanno scavando nella vita privata della vittima.

Incensurato, sposato e residente nella cittadina brianzola, il 40enne dalla vita apparentemente irreprensibile, non ha mai avuto problemi con la giustizia e non pare essere nemmeno inserito in alcun contesto lavorativo o privato “difficile”. Certo è che l’aggressore stesse aspettando lui, questa mattina all’alba. Sapeva esattamente quale tragitto la vittima avrebbe percorso per andare al lavoro, l’orario di passaggio e anche il colore della sua auto, ed ha scelto con cura il luogo dove nascondersi (tra le fronde degli alberi di un bosco che cinge la strada). Quando l’operaio è passato di lì e si è fermato al semaforo, il “cecchino” ha esploso due colpi secchi di fucile in direzione del suo finestrino, colpendolo ad un braccio.

Nessuno dei suoi familiari o conoscenti ha saputo indicare un movente per l’accaduto. In paese però, qualcuno racconta di “problemi legati alla gelosia”, che sarebbero addirittura culminate in vere e proprie minacce e in un precedente danneggiamento dell’auto della vittima. Il tutto però, è al vaglio degli inquirenti.

 

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi