28 Settembre 2021 Segnala una notizia
Lissone, lavoratori "Maugeri" in stato di agitazione: "No al contratto privato”

Lissone, lavoratori “Maugeri” in stato di agitazione: “No al contratto privato”

17 Luglio 2014

I lavoratori della clinica lissonese della Fondazione Maugeri sono pronti a dare battaglia. Le rappresentanze interne, la Cgil Funzione pubblica e la Federazione sindacati Indipendenti hanno contestato la disdetta da parte dell’azienda, del contratto nazionale della sanità pubblica e degli accordi integrativi sottoscritti in precedenza, con l’applicazione d’ora in avanti del contratto collettivo della sanità privata.

La decisione è stata comunicata nei giorni scorsi dal direttore generale Fabrizio De Matthaeis e coinvolge i 21 centri di tutta Italia, che occupano 3500 addetti e dove sono attivi 2100 posti letto accreditati. Ricordiamo che la fondazione opera nella Sanità convenzionata e accreditata e ha la sede a Pavia.

La scelta dell’azienda a detta dei sindacati si tradurrà “in tagli agli stipendi dei dipendenti dal 10 al 30% e nella diminuzione di tutta una serie di indennità” e questo coinvolgerà anche il centro medico riabilitativo di via don Bernasconi a Lissone che al momento conta circa 60 dipendenti.

Dalla Fondazione però precisano che “la percentuale di riduzione degli stipendi legata al passaggio di contratto sarà mediamente non superiore al 15% e non sono previsti esuberi”. Tale decisone è stata presa dal Cda per riportare in equilibrio il conto economico dell’azienda e garantirne la continuità. I bilancio 2013 ha fatto registrare un fatturato in diminuzione di 305 milioni di euro e una perdita d’esercizio di 15,4 milioni, ciò evidenzia il permanere delle difficoltà economiche e finanziarie emerse all’indomani delle note vicende giudiziarie.

Il fatturato, in riduzione di circa 15 milioni, rispetto al 2012, risente delle riduzioni derivanti dalla spending review sia a livello nazionale sia regionale ed in particolare della riduzione delle funzioni speciali e delle maggiorazioni tariffarie in regione Lombardia, inoltre continua il trend negativo di riduzione dei ricavi da prestazioni erogate nell’ambito del SSN – fanno sapere dalla fondazione –. Mentre la perdita d’esercizio è principalmente legata all’effetto di oneri straordinari relativi alle conseguenze della gestione ante aprile 2012 ed in particolare, per l’esercizio 2013, agli effetti della sentenza di patteggiamento con la Procura di Milano” .

I sindacati però vogliono sottolineare come “I problemi sono dovuti a scelte gestionali e ad investimenti sbagliati più che al costo del lavoro, agli accordi integrativi e al contratto nazionale. Ancora una volta ci troviamo davanti alla scorciatoia di un conto fatto pagare alle lavoratrici ed ai lavoratori che, in questi anni, hanno continuato a garantire qualità del servizio rivolto agli utenti”.

Inoltre il caso della sede lissonese, sarebbe particolare. Rsu, Cgil e Fsi spiegano: «Nonostante i bilanci sono in costante attivo a Lissone non sono mai stati riconosciuti premi economici collettivi, incentivi e indennità previsti dalla contrattazione aziendale così come è successo in altri istituti del gruppo, generando così trattamenti economici differenti fra dipendenti con stessa anzianità e inquadramento. Nell’ultimo anno a Lissone sono stati sottoscritti due accordi aziendali, il più recente a giugno, per ridurre quelle differenze, la Fondazione ha assicurato di voler rispettare gli impegni stretti a giugno, ma rimane la disdetta di quelli precedenti e del contratto nazionale”.

Alla luce di tutte queste motivazioni RSU e organizzazioni sindacali hanno dichiarato lo stato di agitazione di tutto il personale, respingono l’attacco ai diritti e il taglio delle retribuzioni, contestano l’iniziativa unilaterale della Fondazione Maugeri e chiedono la revoca della disdetta e sollecitano l’apertura di un confronto per esaminare la situazione della Fondazione e concordare eventuali soluzioni.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi